Della dissimulazione onesta/XXI. Del cuor che sta nascosto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXI. Del cuor che sta nascosto

../XX. Del dissimular l'ingiurie ../XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XX. Del dissimular l'ingiurie XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male

Gran diligenza ha posta la natura per nasconder il cuore, in poter del quale è collocata, non solo la vita, ma la tranquillità del vivere: perché nello star chiuso, per l’ordine naturale si mantiene; e quando gli occorre di star nascosto, conforme alla condizion morale, serba la salute delle operazioni esterne. E pur in questo modo, non a tutti si dee nasconder; onde, nell’elezzione, si consideri quello che fu detto da Euripide:

<...> Sapienti diffidentia
non alia res utilior est mortalibus.

L’esperienza, che si suol doler degl’inganni, potrà far luce in questa materia, ch’è una selva oscura per l’incertezza del ben eleggere; e però ogni ingegno accorto vagliasi degli abissi del cuore, ch’essendo breve giro, è capace d’ogni cosa; anz’il mondo intiero non lo riempie, poiché solo il Creator del mondo può saziarlo. Si ammira, come grandezza degli uomini di alto stato, lo starsi ne’ termini de’ palagi, ed ivi nelle camere segrete, cinte di ferro e di uomini a guardia delle loro persone e de’ loro interessi; e nondimeno è chiaro che, senza tanta spesa, può ogni uomo, ancorch’esposto alla vista di tutti, nasconder i suoi affari nella vasta ed insieme segreta casa del suo cuore, perché ivi soglion esser quei templi sereni, de’ quali cantò Lucrezio:

sed nihil dulcius est, bene quam <munita> tenere
edita doctrina sapientium templa serena,
despicere unde queas alios passimque videre
errare atque viam palantes quaerere vitae.

Applicando io però questi versi al senso che conviene a significar un’altezza d’animo, ed una quiete, che conduce al piacer ed alla gloria immortale, e non al diletto fallace.