Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro primo/6. Continua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6. Continua

../5. I pelasgi; immigrazioni secondarie ../7. Magno-greci; immigrazioni terziarie IncludiIntestazione 18 dicembre 2017 75% Da definire

Libro primo - 5. I pelasgi; immigrazioni secondarie Libro primo - 7. Magno-greci; immigrazioni terziarie

[p. 24 modifica]6. Continua. — E come gli elleni, essi ricacciarono poi quegli stranieri. Perciocché l’ira degli dèi, dice Dionisio, l’ira del servaggio diremo noi, sollevò tutti i nostri popoli primari contra a questi secondari; l’unitá del servaggio li riuní in una impresa d’indipendenza, simile all’ellenica, prima dell’italiche. E forse fin d’allora crebbe il santo nome d’Italia, estendendosi dalla gente prima, o piú ardita nell’impresa, alle seguaci. Ad ogni modo questa incominciò e finí in poco piú d’una generazione, intorno al tempo dell’assedio di Troia [1150 circa]. I pelasgi, ricacciati al mare per la terza o quarta volta (dall’Egitto, dalla Palestina, dalla Ellenia ed or dalla Tirrenia od Italia), si dispersero per l’ultima volta, or pirateggiando, or rifuggendo in vari luoghi del continente e delle isole elleniche, e fino in Tracia, [p. 25 modifica]dove alcuni pochi serbarono gran tempo lor lingua, trovata barbara da Erodoto. Forse alcuni ne rimasero nell’Italia o penisola inferiore. Ma furono pochi per certo; ondeché di tanti sangui fin d’allora rimescolati nell’italico, non rimase certamente se non a stille il pelasgico. Rimasero sí comuni co’ pelasgo-ellenici molte parole e numi, riti, costumi e simboli, e stili di belle arti.