Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro sesto/15. La quarta crociata, il principio del secondo primato italiano nel Mediterraneo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
15. La quarta crociata, il principio del secondo primato italiano nel Mediterraneo

../14. Filippo e Ottone ../16. Federigo II IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

15. La quarta crociata, il principio del secondo primato italiano nel Mediterraneo
Libro sesto - 14. Filippo e Ottone Libro sesto - 16. Federigo II

[p. 215 modifica]15. La quarta crociata, il principio del secondo primato italiano nel Mediterraneo [1201-1204]. — Ma il fatto a noi principale di questo tempo, fu la quarta crociata; che, adempiutasi in parte per opera del medesimo Innocenzo III, e soprattutto de’ veneziani, condusse alla conquista latina di Costantinopoli, e quindi al rinnovamento del primato italiano nel Mediterraneo. Noi vedemmo questo giá lago italiano sotto a’ romani; non forse che questi od altri italiani vi navigassero e mercanteggiassero molto essi stessi; signori, cioè oziosi, in ciò probabilmente come in ogni cosa, si facevan servire di commerci da’ greci, da’ fenici, dagli egiziani, in ciò antichi. Tre vie sono dal Mediterraneo all’Indie e alla Cina, a quel commercio orientale che fu sempre finora il massimo del mondo: prima l’Egitto e l’Eritreo; seconda la Fenicia o Siria, l’Eufrate e il golfo persico; terza il Bosforo, il mar Nero e l’Alta Persia. Prima della fondazione di Costantinopoli, eran prevalse la prima e la seconda; dopo, prevalse questa terza, e Costantinopoli diventò non solamente via o scalo, ma emporio principale di quel commercio, e in breve anche gran centro industriale. Quindi, da quella fondazione, si può dir cessato l’antico primato nostro; e il Mediterraneo non piú lago italiano, ma per cinque secoli (dal quarto a tutto l’ottavo) lago greco; poi, per quattro altri (dal nono a tutto il decimosecondo) lago greco-arabo, tenendo gli arabi le due vie d’Egitto e Siria, e rimanendo ai greci la sola via del Bosforo o Costantinopoli. Certo, ne’ due ultimi secoli s’eran giá frammesse non poche cittá italiane, Venezia, Amalfi, Genova, Pisa forse sopra tutte, tra le due nazioni primeggianti; e giá nelle tre prime crociate s’eran elle avvantaggiate co’ trasporti de’ guerrieri e lor impedimenti, col commercio del nuovo regno latino di [p. 216 modifica]Gerusalemme, e collo stabilimento di grandi fondachi, di vie e quartieri intieri italiani nelle cittá conquistate. Il Pardessus1 ci dá una cronologia preziosa de’ privilegi ottenuti da’ genovesi; in Antiochia nel 1098 e 1127; in Giaffa, Cesarea ed Acri nel 1105; in Tripoli nel 1109; in Laodicea ne’ 1108 e 1127: — da’ veneziani in Giaffa nel 1099; in tutto il regno di Gerusalemme ne’ 1111, 1113, 1123, 1130: — e da’ pisani in Giaffa, Cesarea ed Acri nel 1105, e in Antiochia nel 1108. Ma, né tutte queste eran per anche conquiste vere o riconosciute, né il commercio od anche meno la potenza italiana eran tuttavia principali nel Mediterraneo, né anche meno era tornato questo all’onor di lago italiano. Ora sí, ciò rivedremo. — Venezia è poco venuta finora in queste pagine, per ciò che ella fu finora poca cosa all’Italia in generale; e che avea guerreggiato sí parecchie volte nell’Illirio e in Oriente, ma che, simile a Roma antica, dopo un quattro secoli d’esistenza, il territorio di lei non s’estendeva guari oltre al dogato, cioè alle lagune e ai lidi; ondeché la storia di lei non fu, lungo que’ secoli, se non istoria tutto cittadina, tutt’empita di que’ particolari di governo interno a cui dicemmo non poterci fermare. Bensí, è da avvertire in tutto, che le parti in lei furono molto men cattive che non altrove in Italia, non infette di dipendenza straniera, non di feodalitá: e quindi meno acri tra nobili e plebei, men varianti il governo; il quale fu sempre piú o meno equilibrato di democrazia, aristocrazia e quasi monarchia, un Consiglio generale, i senatori e lor Consigli, il duca o doge. La situazione avea aiutata l’indipendenza, l’indipendenza avea serbata la concordia, e la concordia aveva compiuta e sancita l’indipendenza. — Ultimamente, da un cinquant’anni, parecchie contese e guerre le erano sorte contro al re d’Ungheria per l’Illirio, contro all’imperator greco per gli stabilimenti orientali. Ora apparecchiandosi la quarta e grande crociata, promossa dall’operoso Innocenzo III, i crociati fecer patto [1201] con Venezia d’un grande armamento navale per il passaggio. Ma, non essendo venuti [p. 217 modifica]tutti i patteggiati, e non potendo i venuti pagar il prezzo totale pattuito, convennesi che per quel che ne mancava, essi servirebbon la repubblica d’un colpo di mano per riprendere Zara al re d’Ungheria; e cosí fecero in pochi dí [1202]. Quindi incorati dal successo, veneziani e crociati dánno retta ad Alessio il giovane (figlio d’Isacco imperator greco testé spogliato dal fratello Alessio), che li esortava a riporre il padre sul trono, e prometteva gran paga e grandi aiuti poi. Il papa non voleva; ma i crociati per aviditá, i veneziani per aviditá e vendetta accettan l’impresa. Era a capo Enrico Dandolo doge, vecchio d’oltre a novant’anni, cieco o poco meno, eppure arditissimo, che aveva presa la croce testé in San Marco. Arrivano dinanzi a Costantinopoli, approdano alla costa d’Asia, varcano il Bosforo, e fugano i vili greci. Seguono parecchie fazioni, e finalmente un assalto per terra e mare; dove il vecchio doge gridava a’ suoi, volerli far impiccare se nol mettean de’ primi a terra; e messovi, vinse egli, ed impedí i francesi d’esser vinti. Non ancor presa la cittá, fuggí Alessio imperatore; e, riposti in trono Isacco ed Alessio il giovane, entrarono Dandolo e i crociati veneziani e francesi [luglio 1203]. Ma, come succede tra restaurati e restauratori, rimaser per poco alleati greci e latini, disputando sulle promesse reciproche. Riapresi la guerra; il popolo di Costantinopoli si solleva contro a’ due principi (pur come succede) caduti in sospetto di vil obbedienza a’ restauratori, lí depone, e grida imperadore Alessio duca, detto Murzuflo. Contra costui i crociati assediano, assaltano di nuovo la cittá, e prendono e pongono a fuoco, a sangue, e massime a grandissima ruba [aprile 1204]. Poi, tra molti scherni fatti da’ semibarbari ma prodi latini a que’ greci serbatori della antica coltura (portarono una volta una penna ed un calamaio in processione tra lor lucide armi vittoriose) nominano un imperator latino, Baldovino conte di Fiandra. Ma spartiscon l’imperio: un regno di Tessalonica al marchese di Monferrato; Peloponneso (giá detto Morea da’ mori o gelsi che la arricchivano allora) sminuzzato tra vari signori feodali; e un quarto e mezzo dell’imperio dato in cittá ed isole varie a Venezia. La quale, per [p. 218 modifica]vero dire, non le occupò; né le poteva occupare con sua popolazione, non salita per anco oltre a due o trecentomila anime; ma le ne rimasero a lungo parecchie, e principalmente Candia che fu poi massima ed ultima delle colonie sue. E quindi in breve, per emulazione, per quell’imitazione, che, a malgrado le inimicizie de’ governi, trae sovente ad imitarsi e seguirsi i popoli connazionali, i pisani e massime i genovesi fecero pure stabilimenti orientali; e cosí fu acquistata tutta questa via al commercio italiano, il quale, caduti gli arabi, giá praticava le altre due; e cosí tra le tre incominciò il secondo primato nostro nel Mediterraneo; cosí ricominciò questo ad esser lago italiano. E tal durò poi, come giá anticamente, tre secoli o poco piú. L’istituzione, il nome de’ «consoli» dato da quegli italiani ai capi e giudici de’ loro commercianti in ogni cittá orientale (come a quelli che erano nelle madri patrie), ed esteso poi in tutto il globo, rimane anch’oggi monumento di quel nostro primato commerciale.

  1. Tableau, p. viii bis