Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro sesto/17. Fine degli Svevi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
17. Fine degli Svevi

../16. Federigo II ../18. Il terzo periodo della presente etá in generale IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro sesto - 16. Federigo II Libro sesto - 18. Il terzo periodo della presente etá in generale

[p. 224 modifica]17. Fine degli Svevi [1250-1268]. — La morte di Federigo II lasciò l’Italia libera d’imperatori per sessant’anni, e ne’ diciotto primi precipitò la casa di Svevia. Corrado suo figliuol primogenito, giá incoronato re di Germania, successe lá e vi rimase un anno; mentre i fratelli di lui Arrigo e Manfredo bastardo governaron per esso Sicilia e Puglia; ed Innocenzo IV tornava a Italia trionfando, per Genova, Milano, Ferrara, Bologna, Perugia, e faceva risorgere da per tutto parte guelfa. — Sceso Corrado [1251], venne nel Regno, ebbelo di mano di Manfredo; e con lui riprese e puní Napoli ed altre cittá sollevatesi per il papa [1252]. Il quale allora offrí quel regno per la prima volta a Riccardo, poi ad Edmondo, fratello quello, figlio questo del re d’Inghilterra; e l’ultimo l’accettò, ma non venne. — Morto poscia Corrado [1254], e succedendogli in diritto Corradino figlio di lui, fanciullo di due anni, rimasto in Germania, sollevaronsi i siciliani contro a’ tedeschi e saracini; e il papa s’avanzò nel Regno per impossessarsene. Manfredi venivagli incontro; ma i suoi cavalieri prendeano zuffa con uno de’ guelfi del papa, e l’uccideano; ed egli fuggiva e raggiungeva i saracini di Lucera devotissimi di sua casa; e risollevava il Regno. Moriva Innocenzo IV nel medesimo anno; e succedevagli Alessandro IV minor di lui, ma non meno aspro avversario degli Svevi, di tutti i ghibellini. Non seppe conservare il Regno; Manfredi lo riconquistò tutto in breve. — Alessandro predicò la croce contra Ezzelino, il tiranno di Verona, Vicenza, Padova ed all’intorno; il quale era cresciuto a invidie e crudeltá, che non iscompariscono al paragone con quelle de’ marchesi e delle cittaduzze e degli altri tiranni piccoli o grandi, antichi o moderni, italiani o stranieri; ondeché contra costui, fu, almeno una volta, opera santa la crociata di cristiani contra cristiani. Tre anni durò, tenendosi stretti i ghibellini all’infame lor capo. Finalmente [1259] due signori principali di questi, Oberto Pelavicino e Buoso da Doara, sollecitati l’un contro l’altro dal tiranno, scoprono il [p. 225 modifica]doppio tradimento, abbandonano il traditore, s’aggiungono alla lega guelfa; ed Ezzelino che avanzavasi verso Milano, si trova rinchiuso tra questa e l’Adda, in mezzo a un cerchio di nemici; combatte a Cassano, è vinto, ferito e preso, e si lascia morir ferocemente. Quasi tutta Lombardia ne rimase guelfa. I Torriani ne crebbero in Milano; gli Scaligeri ne sorsero all’incontro in Verona, e vi continuarono la potenza, il capitanato ghibellino di Lombardia. — Intanto [1258] Manfredi, udita, o data, una falsa nuova della morte di suo nipote re Corradino, avea presa la corona di Puglia e Sicilia; e udito che quegli viveva, serbolla, nominandolo suo successore. Quindi volendo rinforzarsi in Toscana v’aiutava i ghibellini, i fuorusciti di Firenze. Seguivane [1260] la battaglia di Montaperti (4 settembre) immortale ne’ versi di Dante, famosa allora per la vittoria de’ ghibellini, il loro ritorno in Firenze, e il lor disegno di distruggerla, impedito dal solo Farinata degli Uberti. — L’anno appresso [1261] è quello della caduta dell’imperio latino in Costantinopoli; dove si rinnovava il greco, e si fondava, in odio a’ veneziani, la colonia di Galata da’ genovesi rivaleggianti. E morto in quello papa Alessandro IV, succedevagli Urbano IV, francese, piú che mai caldo nell’odio italiano contro agli Svevi, e nell’impresa di cacciarli dal Regno. Subito l’offrí a Carlo d’Angiò, conte di Provenza fratello di san Luigi re di Francia, facendovi rinunziare quell’Edmondo d’Inghilterra a cui era stato dato dal predecessore [1263]. Non poté adempier l’impresa, ma lasciolla morendo [1265] a Clemente IV pur francese, anzi provenzale, e tanto piú caldo in essa. — Allora eleggevasi Carlo a senator di Roma, e la guerra contra Manfredi era dichiarata crociata. Carlo avviava sua moglie, l’ambiziosa Beatrice, con un forte esercito per Piemonte e Lombardia; e venuto egli per mare a Roma con mille cavalieri, vi riceveva l’investitura del Regno. Sceso quell’esercito, congiungevasi co’ Torriani e i guelfi lombardi, batteva Pelavicino e i ghibellini, e per Romagna raggiungeva Carlo nuovo re. Avanzavasi questi da Roma a Benevento, e vi s’avanzava dal Regno re Manfredi, mal secondato, giá tradito da’ suoi. Seguiva una gran battaglia (26 febbraio 1266); e Manfredi v’era ucciso, [p. 226 modifica]seppellito sotto un monumento militare d’un sasso gettatogli da ogni uomo, diseppellito e buttato fuori dalle terre del papa da un feroce legato. Anche Manfredi fu principe di conto, non indegno del padre. Ma non mi par quell’eroe, massime non eroe d’indipendenza, di nazionalitá italiana, che ne vorrebbon fare taluni. Il fatto sta che per il gran desiderio che se n’aveva testé, e non avendone allora niun vero, se ne fingevano degli immaginari. — Inferocirono subito i francesi in Benevento, nel Regno occupato senza contrasto. Quindi, fin d’allora, a sollevarsi contr’essi l’opinione universale, le speranze ghibelline. Chiamarono di Germania Corradino, bello e prode giovanetto di sedici anni, che la madre non voleva lasciar partire, che partí con gran séguito di principi e signori tedeschi. Giunse a Verona sul finir del 1267, mentre ghibellini e saracini si sollevavan per lui nel Regno. Quindi dovette accorrere Carlo, lasciando Toscana ove erasi avanzato a rifarla guelfa. Giunsevi Corradino, vi fu festeggiato e rinforzato da’ pisani, s’avanzò a Roma lasciata dal papa, penetrò negli Abruzzi fino a Tagliacozzo. Ed ivi fu incontrato da Carlo, men forte ma piú astuto capitano. E combattutavi [23 agosto] una gran battaglia, rimase vincitore primamente Corradino, poi, per l’arte (suggeritagli da un vecchio suo guerriero) di tener intatta una riserva, Carlo d’Angiò. E preso il giovane infelice e scelleratamente giudicato, perdé sul palco il capo innocente, su cui s’erano accumulati tanti odii, odii guelfi contra Svevi, odii papali contra imperatori, odii cristiani contra saracini, odii italiani contra tedeschi. Dal palco gettò un guanto in mezzo alla folla degli spettatori; ed uno di essi il portava poi a Costanza figliuola di Manfredi e regina d’Aragona, solo resto oramai di casa Sveva. — Enzo, quell’altro innocente, moriva quattro anni dopo in suo carcere a Bologna.