Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro sesto/9. Continua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
9. Continua

../8. Federigo I imperatore; la guerra d’indipendenza ../10. Continua IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro sesto - 8. Federigo I imperatore; la guerra d’indipendenza Libro sesto - 10. Continua

[p. 199 modifica]9. Continua. — Fece una seconda discesa [1158] come la prima, per Tirolo; e la molta gente sua (centomila fanti, dicesi, e quindicimila cavalli) per gli altri passi del Friuli, di Como e del Gran San Bernardo. Volea finirla una volta con questi italiani, con questi milanesi principalmente, che intendean cosí male l’imperio; volea questo restaurare a modo suo finalmente. Occupò, atterrí tutta Lombardia; presentossi a Brescia, sola che mostrasse di voler restar costante a Milano, alla indipendenza; e n’ebbe obbedienza, Sforzò i passi dell’Adda difesi da’ milanesi, prese loro varie castella, diede a’ lodigiani nuovo sito a riedificar lor cittá, arrivò dinanzi a Milano [8 agosto]. Ma non osò assalirla a forza; la circondò, l’affamò. Seguirono belle sortite degli assediati. Ma in capo a due mesi il conte di Blandrate, un signor potente, lor capitano, li persuase ad una capitolazione; la quale ebbero moderata, dando all’imperatore poco piú che il giuramento e le regalíe, e serbando i consoli [7 settembre]. — Ma Federigo adunava una nuova gran dieta a Roncaglia, e vi [p. 200 modifica]chiamava i giureconsulti dello Studio di Bologna, sorto fin dal principio del secolo; i quali spiegarono i diritti imperiali secondo i codici giustinianei, e non sugli acquisti via via fatti di libertá. Bisogna dire, che i giureconsulti di quell’etá non conoscessero né il diritto di prescrizione, né anche meno quello imprescrittibile di qualunque nazione, di non soggiacere ad un’altra. Certo che anche di questo, come di qualsiasi diritto, si può disputare e si disputa ad ogni occasione, se sia rivendicato con mezzi legittimi e prudenti, o no: ma l’imprudenza o l’illegittimitá de’ mezzi non toglie il diritto primitivo. Se tu mi rubi il mio, ed io tento ucciderti, fo male senza dubbio; ma il mio rubatomi riman sempre mio. Ma i giureconsulti di Bologna non l’intendean cosí; non facevano imprescrittibili se non i diritti del sacro romano imperio ai tempi di Teodosio e Giustiniano. Quindi, non solo furono da costoro rivendicate all’imperio le regalie, e tolto alle cittá l’uso delle guerre cittadine, ma fu inventato, e stabilito poi in ogni cittá dove poté l’imperatore, un magistrato suo, che dovea, rimanendo i consoli, rappresentare la potenza imperiale, e che appunto fu chiamato «potestas», «podestá». Quindi condannavasi e smuravasi Piacenza, a brutta richiesta della vicina Cremona; e rivendicavansi all’imperio Sardegna e Corsica, tenute da’ genovesi e pisani. I primi accennarono resistere; uomini, donne, vecchi e fanciulli edificarono allora lor forti mura; e furon lasciati tranquilli, anzi esenti dalle regalie, liberi del tutto. Ma non cosí Milano, risorta con Brescia e Crema contro ai podestá e all’altre infrazioni degli ultimi patti. Cosí Federigo ebbe a ripigliar l’armi; e, saccheggiati i campi, pose assedio a Crema addí 4 luglio 1159. — Segue una delle piú nobili fazioni di quella e di qualunque guerra. Sei mesi e mezzo di resistenza; Milano e Brescia mandano aiuti; belle sortite, vittorie degli assediati; Federigo fa da barbaro impiccar i prigioni dinanzi alle mura; i cremaschi impiccan sulle mura a rappresaglia; Federigo inferocisce, uccide gli ostaggi adulti, e attacca i bambini a una torre di legno che s’avanzava secondo l’uso per l’assalto, e contro cui tiravano i mangani de’ difensori. Fra le grida disperate de’ figliuoli e de’ padri, esclama uno di questi: — Benedetti coloro [p. 201 modifica]che muoiono per la patria; — e continuan gli argani, finché i tedeschi di sotto alla torre temono esservi schiacciati, e la ritraggono. Eran morti nove, feriti due, salvi pochi di quelle vittime. Questi son sangui che a nostra etá parrebbon dover sollevar milioni; ma non è vero, né per allora né per adesso. Non se ne accrebbe la guerra: le cittá imperiali rimasero imperiali, e le vicine rabbiosamente invide delle vicine; tantoché, quando la dissanguata Crema si pose a discrezione [26 gennaio 1160] dello straniero inferocito, non chiese grazia che d’esser salva dalla ferocia della vicina Cremona: ma nol fu; ché usciti i cittadini, predata ed incendiata la cittá, i cremonesi si tolser essi il carico di abbattere i resti, d’appianare il suolo. Noi vedemmo, due secoli addietro, invidie di principi e marchesi; un secolo addietro, invidie di signori minori e d’ecclesiastici; ora, appena libere le cittá, incominciano i secoli, anche piú lunghi, delle invidie cittadine. Sempre invidie in Italia, sempre il vizio di odiar la grandezza nazionale piú che la straniera, il vizio, il piacer servile di ribattere i ferri a’ conservi. — Intanto Crema, la generosa cittaduzza, avea, sagrificando se stessa, consunte le forze, e, che era piú allora, il tempo dell’imperatore. Questi dovette lasciar tornare a casa i feudatari, sciogliersi l’esercito, ridursi lui a guerra, a zuffe contro a’ milanesi; e ne fu battuto due volte a Cassano e Balchignano. Ed intanto sorgeva nuovo e grande aiuto morale a’ milanesi. Morto papa Adriano, giá piú e piú guastato coll’imperatore [1159], erangli stati eletti due successori: papa Alessandro III da tutti i cardinali, salvo tre; Vittore IV antipapa, uno dei tre, dagli altri due. L’imperatore citolli a sé. Alessandro da vero papa ricusò, e fu riconosciuto dall’Italia libera, dalla cristianitá; Vittore accettò, e fu riconosciuto dall’imperatore. Allora la guerra nazionale s’inasprí in religiosa. — E venuto un nuovo esercito a Federigo nel 1161, mosse egli finalmente contra a’ milanesi, rinchiuseli entro lor mura, arse lor mèssi, tagliò loro gli arrivi, ma, come la prima volta, non osò assalirli, li affamò: cosí durarono, resistettero un nove mesi. Poi, esausti, domandarono a capitolare; l’imperatore li volle a discrezione; i consoli volean durare ancora, il popolo cedè, [p. 202 modifica]s’ammutinò, li sforzò. Giá erasi lungi dall’imitazione romana; ma non s’avea forte, ordinata aristocrazia che potesse partecipare al proprio la virtú propria di lei, la perduranza. Allora i consoli giurarono [1° marzo 1162], fare, e far fare tutte le voglie dell’imperatore. Il quale, fosse vil timore o vil piacere d’assaporar le crudeltá, manifestolle a poco a poco. Furono un dí fatti uscire trecento militi a depor l’armi; un altro dí tutti i consoli de’ tre ultimi anni, le croci in mano, a domandar mercé; poi tutti quanti i cittadini, che furon dispersi nelle cittá vicine e rivali; e finalmente, Federigo entrò nella vuota cittá e diedene a disfare un quartiere ad ognuna di quelle altre che non ho il cuore di nominare. — E, domata Milano, tornò Federigo alla vicina Pavia, e vi ricevette omaggio delle giá imperiali, e di quelle che tali facevansi ora per timore. L’Italia parea domata. A mezzo l’anno 1162 risalí in Germania, quasi senza esercito.