Di duolo in duolo e d'una in altra pena

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prudenza Gabrielli

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti/Scritture di donne Letteratura Di duolo in duolo e d'una in altra pena Intestazione 14 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Prudenza Gabrielli Capizucchi


[p. 88 modifica]

II


Di duolo in duolo e d’una in altra pena
     Vago del mio martir mi tragge Amore:
     E il grave incarco, ond’è sì oppresso il core
     E’ tal, che tempo, nè distanza affrena.
5E di tai tempre ei mi formò catena,
     Che disper’io di trarre il piè mai fuore:
     Tanto può in me l’inusitato ardore,
     Ch’ormai me stesso io più ravviso appena.
Il rio timor, la gelosia m’attrista,
     10La falsa speme, il dispietato sdegno,
     La brevissima gioia al dolor mista.
Sol tra gli affanni arsi d’Amor nel regno:
     Che fia non so s’ei maggior forza acquista;
     So, che ad ogni suo stral son fatto segno.