Diario del principe Agostino Chigi Albani/Anno 1833

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Anno 1833

../Anno 1832 ../Anno 1834 IncludiIntestazione 20 novembre 2020 75% Da definire

Anno 1832 Anno 1834

[p. 116 modifica]

1833

MARZO


Mercoledì 3. — Oggi nel nostro Diario si è veduta la nomina del nuovo Segretario per gli affari di Stato interni, in persona del Card. Gamberini.


GIUGNO


Venerdì 21. — E uscito colle stampe un nuovo Regolamento per i lavori pubblici di acque e strade, col quale si crea una prefettura generale di acque e strade presieduta dal Card. Prefetto della Congregazione delle acque, e composta di un prelato Chierico di Camera col titolo di Presidente, del Segretario della congregazione suddetta, del Sopraintendente generale delle poste, di due consiglieri e di un fiscale. Questa Presidenza avrà la direzione ed amministrazione di tutti i lavori di strade ed acque, che si fanno in tutto o in parte con fondi somministrati dalla Camera. Il Cardinale [p. 117 modifica]Rivarola Prefetto delle acque malcontento di questa organizzaziozione, e segnatamente del Prelato Presidente, si assicura che avesse data la sua rinunzia; ma si dice che la cosa sia stata accomodata.

Sabato 29. — Verso sera si è manifestato un incendio nella chiesa della Vittoria, che è durato due ore, ed è rimasto consumato dal fuoco tutto l’altare maggiore, che era di legno. L’immagine della Madonna, che era in molta venerazione, si è abbruciata, come pure le ostie e particole contenute nel ciborio.


LUGLIO


Sabato 13. — Questa mattina a Ponte S. Angelo è stato giustiziato un tal Benedetto Mazio parente della famiglia Mazio soggetto pessimo, reo di un barbaro omicidio in persona di una donna, con cui aveva vissuto per un pezzo, e del marito, col quale essa si era riunita. Egli è morto colle migliori disposizioni.


SETTEMBRE


Mercoledì 4. — Si sente essere stato deciso che si intraprenda uno scavo nella Chiesa della Rotonda, e precisamente sotto l’altare, ov’è la statua della Madonna (che ottenne anni sono straordinaria venerazione) per ritrovare il corpo di Raffaello ivi sepolto. Nel tempo stesso si assicura essersi trovati dei documenti, i quali provano che il teschio che si conserva all’Accademia di S. Luca, e che si è tenuto sempre sin qui per quello dello stesso Raffaello, non sia altrimenti suo, ma di un tal canonico de Eleuteriis fondatore della Congregazione dei virtuosi nella predetta Chiesa e benemerito anche della Accademia.

Lunedì 9. — Questa mattina si è incominciato lo scavo alla Rotonda. Per quanto si è potuto sapere, pare che sia stato trovato il corpo, o per meglio dire, le ossa di Raffaele colla testa.

Martedì 10. — Nello scavo della Rotonda sotto l’altare della Madonna si sono trovate le ossa ed il teschio (però molto consumate) di una persona, per quanto ha deposto il chirurgo Trasmondi di sesso mascolino e di bella statura. Si è rinvenuto altresì qualche frantume di legno e qualche chiodo, che [p. 118 modifica]sembrano residui di cassa. Lo scavo pare si proseguirà. Per quanto si assicura generalmente, in questi giorni si è conchiuso dal nostro governo un nuovo imprestito, che si dice di tre milioni di scudi nominali, al saggio dell’80 per cento col solito Rothscild, che è venuto a Roma da Napoli.

Mercoledì 11. — Le ossa ritrovate alla Rotonda si è poi appurato che non appartenevano ad un solo corpo, ma a più d’uno di diversa grandezza e fra le altre qualcuna di dimensione straordinaria, tutte insieme confuse.

Sabato 14. — Alla Rotonda, dopo il primo infruttuoso scavo sotto la predella e gradini dell’altare della Madonna, essendosi risoluto di rimuovere l’altare, come è stato eseguito, questa mattina, essendosi sfondato un vano, che si era scoperto in un arco chiuso nel muro sotto la statua della Madonna suddetta, vi si è rinvenuto uno scheletro intiero, quale pare debba essere quello di Raffaello; e si proseguirà con diligenza lo scavo della terra per vedere se vi si potrebbe ritrovare qualche altro indizio, che ne assicurasse sempre più l’identità1.

Giovedì 19. — Oggi si è cominciato ad ammettere il pubblico a vedere le ossa di Raffaello alla Rotonda la mattina sino le ore 19 italiane e dalle 19 sino alle 33 con biglietto particolare.

Mercoledì 25. — Oggi le ossa di Raffaello sono state collocate in una cassa di legno di ceraso lustro quale poi dovrà rinchiudersi in altra di pietra.

Venerdì 27. — Sono state pubblicate diverse risoluzioni della Congregazione degli Studii rigardo all’Università della Sapienza. Varie cattedre rimangono soppresse; è proibito il conferire la laurea ad esteri fuor che nella facoltà di Zoologia e scienze sacre; ogni studente dovrà aver persona, che risponda di lui, e si obblighi di denunziarlo qualora non si conduca bene ecc. ecc.


Note

  1. Confr. OdescalchiPel ritrovamento delle ossa di Raffaello