Discussione:Addio compagni addio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Informazioni sulla fonte del testo
Addio compagni addio
Edizione 
Non è stata indicata l'edizione del testo.
Se la conosci sei invitato ad inserirla in usando questa tabella.
Fonte 
Sito internet ildiscologoro
Primo contributo di  iPork
SAL 
SAL 75% 75%.svg (9 aprile 2008)
  • Fonte: fonte indicata e attendibile
  • Completezza: testo completo
  • Formattazione: testo formattato correttamente
  • Riletture: testo da rileggere


Progetto di riferimento 
CantaStoria


Lezione diversa[modifica]

Segnalo la lezione raccolta dal Vettori 1 che presenta alcune varianti ai versi I, II e XI.

Addio compagni, addio
sorelle, spose e madri:
la società dei ladri
ci ha fatto relegar,
sepolti in riva al mar.

2Siamo coatti e baldi
per l'isola partiamo,
ma non ci vergognamo
perché questo soffrir
è sacro all'avvenir.

3Ma un dì ritorneremo
più fieri ed implacati,
finché rivendicati
ne siano i diritti ancor
d'ogni lavorator.

Note

  1. Giuseppe Vettori, Canti del carcere, Newton Compton, Roma, 1976, pp. 113-114