Don Chisciotte della Mancia Vol. 2/Capitolo II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo II

../Capitolo I ../Capitolo III IncludiIntestazione 17 aprile 2016 75% Da definire

Capitolo I Capitolo III

[p. 22 modifica]



CAPITOLO II.

Narrasi il notabile contrasto seguito tra Sancio Panza, la nipote e la serva di don Chisciotte; con altri graziosi successi.


La storia racconta che le voci sentite da don Chisciotte, dal curato e dal barbiere partivan dalla serva; la quale incollerita e lottando con Sancio Panza, che volea ad ogni costo ed a suo dispetto entrare a veder don Chisciotte, dicevagli: — Che vuoi tu, animalaccio, in casa nostra? vattene per le tue, vagabondo; chè tu sei quello, e non altri che disvia il padrone e lo conduce al suo precipizio„. Rispondeva Sancio: — Serva del diavolo, il disviato e il malgiunto sono io e non già il tuo padrone; egli fu che mi ha fatto girare per questi mondi, e voi altre la sbagliate del doppio; egli fu che mi ha tolto di casa mia con mille pretesti, e mi ha promesso un’isola che sto sempre aspettando.

— Che le maladette isole ti possano affogare, Sancio birbone, rispose la nipote: e che cosa sono queste isole? sono forse qualche [p. 23 modifica]cosa da mangiare? ghiottone goloso che sei. — Non da mangiare, ma da governare e da reggere meglio che quattro città e quattro magistrature, rispose Sancio. — Con tutto questo, disse la serva, qua non entrerai tu, sacco di ribalderie, balla di tutte le malizie: vattene a governare la casa tua, a lavorare le tue terre, e finisci di pretender isole od isolotti„. Si prendeano grande sollazzo il curato e il barbiere nell’udire le baruffe che facevano quei due; ma don Chisciotte per timore che Sancio non incominciasse a snocciolar giù un mucchio di scioccherie maliziose, od a toccar certi punti disdicevoli alla sua riputazione, lo chiamo a sè, obbligando la serva a tacere e a lasciargli libero l’ingresso. Entrò Sancio, e sì il curato come il barbiere presero commiato da don Chisciotte, della cui guarigione disperarono vedendo fino a qual segno stava ancor fitto noi suoi stravolti pensieri, e quanto fosse imbevuto nelle scioccaggini delle sue malerranti cavallerie; e perciò disse il curato al barbiere: — Voi vedrete, compare, che quando meno ce l’aspettiamo il nostro idalgo esce un’altra volta in cerca di avventure. — Io non ne dubito punto, rispose il barbiere; ma non mi fa tanta maraviglia la pazzia del cavaliere, quanta la balordaggine dello [p. 24 modifica]scudiere, a cui pare così certo il fatto dell’isola, che niuna cosa del mondo ne lo potrebbe disingannare. — Dio lo risani, disse il curato; noi intanto stiamcene ad osservare, e vedremo dove vada a parare questa macchina di spropositi di tal cavaliere e tale scudiere, che paiono stampati in una medesima forma; sicchè sembra che senza le balorderie del servitore non vagliano un’acca le pazzie del padrone. — Cosi è, disse il barbiere, ma io bramerei di saper i discorsi che terranno fra loro presentemente. — Io sono certo, rispose il curato, che la nipote e la serva ce li faranno sapere; chè non sono esse tali da tralasciar di appagare la loro curiosità„.

Frattanto don Chisciotte si rinchiuse con Sancio nel suo appartamento, e trovandosi tutti e due soli disse a Sancio: — Molto mi pesa che tu mi vai incolpando di averti tolto di casa tua per le mie peregrinazioni: noi siamo usciti insieme; scambievole fu la nostra colleganza e la nostra varia fortuna; una medesima mutabilità di vicende abbiamo corso egualmente: e se tu fosti una volta sbalzato in aria colla coperta, io cento volte fai bastonato; ed in ciò solo ho io avuta una parte maggiore della tua. — Quest’era ben di dovere, rispose Sancio, perchè a detta di vossignoria, vanno le sventure più attaccate ai cavalieri erranti che agli scudieri. — Tu sei in errore, Sancio mio, disse don Chisciotte: giusta il detto: Quando caput dolet.... — Non intendo altro linguaggio che il mio, replicò Sancio. — Ho voluto dire, soggiunse don Chisciotte, che quando duole la testa, dolgono anche tutti gli altri membri; e perciò essendo io il tuo padrone e signore, sono la tua testa, e tu parte di me per essere mio servidore; e perciò dèi provar dolore del mio male siccome debbo io sentirlo del tuo. — A questo modo, disse Sancio, la dovrebbe essere; ma quando io membro ero sbalzato in aria sulla coperta, stava la mia testa dietro le muraglie della corte vedendomi a volare senza provar dolore di sorta alcuna; e se sono obbligati i membri a dolersi del male della testa, era la testa in dovere di dolersi dei membri. — Vuoi forse con ciò inferire, o Sancio, disse don Chisciotte, che io non sentissi dolore in quel frangente? Se ciò tu credi, non dirlo nè pensarlo nemmeno, perchè io provava nello spirito maggiore tormento che tu nel corpo; ma lasciamo da parte questo discorso, chè verrà tempo di ponderarlo, e facciamoci a quello che importa più. Dimmi, amico Sancio: che si dice di me in questa terra? in che opinione mi tiene il volgo? che pensano di me gl’idalghi, e che i cavalieri? che dicono del mio valore? delle mie prodezze? della mia cortesia? che si discorre circa l’assunto da me preso di risuscitare e restituire nel mondo il già smarrito ordine di cavalleria? Bramo, o Sancio, che tu mi dica [p. 25 modifica]per disteso ciò che intorno a tale proposito ti giunse all’orecchio, e senz’alterazione alcuna sì in bene che in male, dovendo i fedeli vassalli dire la verità ai loro padroni con perfetta schiettezza, senza ombra di quella cortegianeria che accresce o diminuisce le cose per vani rispetti. Voglio che tu sappia, Sancio mio, che se agli orecchi dei principi giungesse la verità ignuda e senza il manto dell’adulazione, questi sarebbero altri secoli, e le passate età verrebbero reputate di ferro in confronto della nostra, sicchè potremmo dire che viviamo nell’età dell’oro; e valgati, o Sancio, questo avvertimento, perchè limpidamente e colla più retta intenzione tu abbia a farmi sapere in tutta la purità le cose che sai, e che ti ho dimandate. — Adempirò ben volentieri i suoi comandi, signor mio, rispose Sancio, a condizione però che non debba vossignoria sdegnarsi della mia relazione, poichè ella vuole ch’io dica le cose nude nude, senza aggiungere panni che le ricoprano. — Oh non mi adonterò in modo alcuno, rispose don Chisciotte, e tu ben puoi, Sancio, liberamente parlare senza giri viziosi di espressioni figurate. — Dico dunque per primo capo, Sancio soggiunse, che il volgo tiene vossignoria per un solennissimo matto, e tiene me, non che altro, per uno stolido. Gl’idalghi sono tutti d’accordo a protestare che non si contiene vossignoria nei confini della sua condizione, e che si ha arrogato il Don, e si è fatto cavaliere con poche viti e pochi solchi di terra, e con uno straccio dinanzi e un altro di dietro. Dicono i cavalieri che spiace loro che gl’idalghi attentino alla [p. 26 modifica]loro preminenza, e specialmente quegl’idalghi scuderili che danno il nero di fumo alle scarpe, e rattoppano i buchi delle calzette nere con seta verde. — Questo, disse don Chisciotte, non mi risguarda, andando io sempre bene vestito e non mai rappezzato; rotto potrebb’essere il mio abito, ma per colpa più dell’armi che della troppa veechiezza. — In quanto poi, seguitò Sancio, al valore alla cortesia, alle prodezze ed all’assunto preso da vossignoria, variano i pareri. Gli uni dicono: pazzo ma grazioso! altri: valoroso ma sfortunato! taluni: cortese ma impertinente! e di questo trotto vanno tirando fuori tante cose da non lasciare nè a vossignoria nè a me osso sano. — Considera, mio buon Sancio, rispose don Chisciotte, che ove in eminente grado virtù risiede, ivi piomba la persecuzione; e pocfai o niuno dei celebri personaggi delle andate età si sottrassero all’acuto morso della calunnia o della più fina malizia. Giulio Cesare coraggiosissimo, prudentissimo, valorosissimo capitano, fu tacciato di ambizione e di poca nettezza nei vestiti, ed eziandio nel costume. Alessandro, che meritò il soprannome di Grande per le sue imprese, venne accusato di essere stato una qualche volta ubbriaco. Di Ercole celebratissimo per le tante sue fatiche, raccontasi che fu intemperante ed effemminato. Si mormora di don Galaorre, fratello di Amadigi di Gaula; che fosse un accattabrighe smodato; e di suo fratello che fosse un piagnone: di maniera che, o Sancio, fra tante calunnie ad offesa dei buoni possono aver luogo alcune anche ad offesa mia purchè sieno limitate a ciò che mi hai riferito. — Qui sta il punto, al corpo di mio padre, replicò Sancio. — Ma v’è di peggio? domando don Chisciotte. — Resta la coda da scarticare, disse Sancio, e quello che ho detto sino adesso, è stato rose e fiori; ma se brama saper vossignoria appuntino tutte le calunnie delle quali ella è fatta bersaglio, condurrò qui chi gliele potrà dire per disteso, e senza che ne manchi un briciolo. Sappia che ripatriò ieri a sera il figliuolo di Bartolomeo Carrasco, il quale ritorna dallo studio di Salamanca fatto baccelliere, ed essendo io stato da lui per dargli il ben venuto, mi disse che già la istoria della signoria vostra si leggeva su per i libri col titolo: L’ingegnoso idalgo don Chisciotte della Mancia, ecc. Aggiunse ch’io vi sono ricordato col medesimo mio nome di Sancio Panza, ecosi pure la signora Dulcinea del Toboso, colla giunta di altri segretuzzi fra noi due soli, che io mi sono fatti mille segni di croce per lo stupore che possano essere venuti a notizia di chi li ha scritti. — Scommetterei, o Sancio, disse don Chisciotte, che l’autore della nostra istoria debb’essere stato qualche savio incantatore; che a costoro nulla è nascosto di quello che imprendono a scrivere. — E come che [p. 27 modifica]costui è stato mago o incantatore! replicò Sancio; poichè per quello che ne dice il detto baccelliere Sansone Carrasco, l’autore dell’istoria si chiama Cide Hamete Berengena. — Questo è nome di Moro, rispose don Chisciotte. — Può darsi, soggiunse Sancio, poichè intesi dire comunemente che i Mori sono amici dell’erbe berengane1. — Tu devi andare errato, o Sancio, disse don Chisciotte, sul soprannome di questo Cide che in arabico vuol dire signore. — Potrebbe [p. 28 modifica]anche essere, replicò Sancio; ma se brama vossignoria che faccia venir qui il baccelliere io andrò in un fiato a cercarlo. — Ne avrò grande soddisfazione, disse don Chisciotte, chè mi ha posto in confusione tutto quello che mi hai detto, nè mangerò boccone che mi piaccia sinchè io non abbia le più esatte e le più ampie informazioni. — Ed io corro in traccia di lui,„ disse Sancio. Partì dunque dal suo padrone, andò a trovare il baccelliere, col quale tornò di lì a poco e seguirono poi fra loro graziosissimi ragionamenti.


Note

  1. Sancio muta il nome di Ben-Engeli in quello di berengena, che significa un legume molto frequente nel regno di Valenza dove lo avevano portato i Morischi.