Donna sta il mio pensier fisso in voi sola

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Apostolo Zeno

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Donna sta il mio pensier fisso in voi sola Intestazione 23 settembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Apostolo Zeno


[p. 432 modifica]

II


Donna stà il mio pensier fisso in voi sola,
     E in voi sola il pensier trova il suo bene;
     Dietro l’orme di lui l’alma sen vola,
     Nè di me più sicura o le sovviene.
5Io no attendo il ritorno, e mi consola
     Del suo tardo venir la dubbia spene;
     Pur qual volta un mio cenno a voi la invola
     Vendica il torto suo colle mie pene.
Stanco alfin di soffrir mali sì immensi
     10La torno in libertà: la sua partita
     Non toglie il duol, ma solo opprime i sensi.
Temo di richiamarla allor, ch’è gita;
     E così mi convien, che per voi pensi
     A restar senza pace, o senza vita.