Donne e Uomini della Resistenza/Carlo Bergamini

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Bergamini

Nato a San Felice sul Panaro (Modena) nel 1888, caduto nelle acque dell'Asinara (Sardegna) il 9 settembre 1943, ammiraglio d'Armata della Marina Militare, Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria

Dopo aver frequentato l'Accademia navale di Livorno, Bergamini aveva partecipato alla prima guerra mondiale come tenente di vascello. Promosso capitano di vascello nel 1934 e ammiraglio di Divisione nel 1939, all'inizio della seconda guerra mondiale era capo di stato maggiore della prima Squadra navale. La notte del 9 settembre 1943, l'ammiraglio, che era imbarcato sulla corazzata "Roma", decise di lasciare La Spezia con tutte le unità della squadra per raggiungere la Maddalena. Poco prima di Punta Sardegna, erano le 13,40, Bergamini ricevette la notizia che l'isola era già stata occupata dai tedeschi. L'ammiraglio non esitò ad ordinare di invertire di 180° la rotta per sottrarre le navi alla cattura. La manovra era stata compiuta da pochi minuti, quando la formazione veniva attaccata da bombardieri tedeschi. Una bomba colpì la nave ammiraglia sotto la plancia, facendola rapidamente scomparire tra i flutti con l'ammiraglio Bergamini e millecinquecento dei 1.800 uomini di equipaggio.