Donne e Uomini della Resistenza/Eo Baussano

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Eo Baussano

Nato ad Asti il 12 luglio 1903, deceduto ad Asti il 13 ottobre 1959, decoratore.

Nel 1919 si era iscritto alla Gioventù socialista e nel 1921 aveva aderito al PCdI. Attivo antifascista, Baussano subì numerose aggressioni delle squadracce, ma nell'agosto del 1922 diresse per due giorni la resistenza armata dell'astigiano Borgo San Rosso, costringendo i fascisti alla ritirata. Nel 1923 dovette riparare in Francia, dove continuò l'impegno antifascista. Nel 1940 Baussano, arrestato a Parigi per "propaganda comunista", fu condannato da quel Tribunale militare a cinque anni di reclusione, che scontò nelle prigioni parigine della Santé, poi a Fresnes, a Fontamor e nel campo di concentramento di Compiègne. Deportato a Mauthausen, il decoratore comunista vi restò sino al 1945, dopo essere passato anche per i campi nazisti di Punsen. Tornato ad Asti nell'agosto, Baussano, sia pure fiaccato nel fisico, riprese l'attività politica come segretario di Sezione del PCI e presidente dell'ANPPIA. Nel 1951 fu anche eletto consigliere comunale di Asti che, per ricordarlo, gli ha intitolato una via e una Scuola elementare.