Ecco, Erasto, il bel colle altero e santo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Ortensio Fabbri

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ecco, Erasto, il bel colle altero e santo Intestazione 11 gennaio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Filippo Ortensio Fabbri


[p. 160 modifica]

III


Ecco, Erasto, il bel colle altero e santo,
     Che al magnanimo Almano il piè conduce
     Qui vedrem Poliarco, e vedrem quanto
     In lui di gloria e maestà riluce.
5Tu, che di spesso contemplarlo hai vanto,
     Fammi presso di lui da padre e duce;
     Ch’io non ho ’l guardo già saldo cotanto,
     Che regger possa alla soverchia luce.
Pur coll’esempio tuo lena e fortezza
     10Destando ne’ miei spirti, all’alta mole
     Forse anch’io poggerò di sua chiarezze.
Così tu umi farai, come far suole
     L’augel di Giove, allor che i figli avvezza
     A fissar le pupille in faccia al Sole.