Ecco il Parnaso: ecco gli allori, e il biondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Felice Zappi

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 8 novembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 12 modifica]

XXV.1


Ecco il Parnaso: ecco gli allori, e il biondo
     Giovane Apollo alla bell’ombra assiso:
     Vedi le Muse graziose in viso:
     Mira lo stuol de’ Vati almo e giocondo.
5Ma chi de’ Vati è il Duce? unico al Mondo
     Inclito Padre Omero in te m’affiso:
     Te pur di Manto alto Cantor ravviso
     Col glorioso onor d’esser secondo.
Oh prische Anime eccelse? oh fortunato
     Coro! finchè quaggiù fama soggiorna,
     10Voi fregerà d’eterna gloria il Fato.
Quanto v’invidia l’età nostra adorna!
     Non già lo stile, or che s’udì Torquato,
     L’immago sì, che un Raffael non torna.

Note

  1. Il monte Parnaso colle Immagini degli Antichi illustri Poeti, Pittura di Raffaello nel Palazzo vaticano.