Epistolario di Renato Serra/Alla madre - 20 giugno 1904

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alla madre - 20 giugno 1904

../Alla madre - 12 giugno 1904 ../Alla madre - 23 giugno 1904 IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Lettere

Alla madre - 20 giugno 1904
Alla madre - 12 giugno 1904 Alla madre - 23 giugno 1904

Bologna, 20 giugno 1904.

Carissima mamma,

ho dato or ora l’esame di Acri, che m’è andato male per quel che avrei voluto, - benissimo per quel che m’aspettavo, dati i precedenti. Di fatti per es. Massera, che è entrato subito prima di me, e che era come me benissimo preparato, ma aveva frequentato poco, ha potuto accalappiare un 18 a gran fatica, e solo per l’intervento di Ferrari. Quando sono entrato io, m’ha accolto allo stesso modo: "Lei non ha potuto venir sempre a scuola, ed è ben difficile quindi ...." io tremavo. M’ha interrogato su molte questioni quasi tutte esorbitanti dal corso scolastico, ma per fortuna me la son cavata bene, meritandomi a ogni risposta degli elogi - meno che all’ultima. Infine m’ha licenziato con queste precise parole: "Io vedo in lei una mente chiarissima. Bravo. L’approverei volentieri con molti punti di più di quelli che le darò .... vada pure". Io non m’aspettavo altro che un 18; invece quando son ritornato mi son sentito dire un - 26 - (ventisei) - che per quanto sia poco in sè stesso, m’è venuto graditissimo, anche per gli elogi con cui, a torto o a ragione, me l’ha accompagnato. Fra le altre cose anche le tasse sono salve; e se pensi che anche certi diliggentissimi come Macchioro Rivalta don Longhi non hanno avuto di più (e molti anche meno), mi puoi ben credere che io abbia fatta una preparazione accuratissima. Per ora, addio; a domani la Storia Antica; baci a tutti dal tuo.