Epistolario di Renato Serra/Alla madre - 3 giugno 1903

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alla madre - 3 giugno 1903

../A Luigi Ambrosini - 20 aprile 1903 ../Alla madre - 7 giugno 1903 IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Lettere

Alla madre - 3 giugno 1903
A Luigi Ambrosini - 20 aprile 1903 Alla madre - 7 giugno 1903

Bologna, 3 giugno 1903.

Cara mamma,

ho trovato ieri all’Università l’involto che mi avete spedito e la lettera di Nino. Vedo che tu sei inquieta, e aspetti da me per rabbonirti una lettera di scusa; - per tante cause di dispiacere che ti posso aver dato in questi giorni. Ma abbi pazienza, ho tanto da fare e tanto poco tempo, e poca disposizione al lavoro, che per non dover aspettare a scriverti un altro giorno, mi limito ad una cartolina. D’altronde per quel che ti devo dire non c’è bisogno di molte parole; che puoi ben capire quanto mi dispiaccia e mi addolori d’esser trascorso in quello che tu sai, e per la cosa in sè, e più per il dolore che può aver recato a voi altri.1 E nè pure c’è bisogno ch’io ti dica quanto vivamente desidero e mi riprometto di farvi dimenticare quello che ho fatto male, con qualche cosa di meglio in avvenire; sai che posso commettere qualunque cosa, ma che vi voglio bene con tutta l’anima; sì che voglimi bene anche tu, e perdonami, e non pensarci più. Quanto alla bicicletta rassicurati che non è nè caduta nè fracassata; il suo cattivo stato dipende da cause intrinseche e non estrinseche. Del resto oramai mi sono rassegnato e non penso èpiù nè ad allenarmi nè ad adoperarla in nessun modo. Quanto agli esami e alle scuole non ho niente da dirti. Io sto bene; e così spero di voi. Sta’ sana, da’ un bacio per me al babbo a Nino alla Pia2 e ricevine tanti dal tuo.

Note

  1. Si riferisce al giuoco d’azzardo con carte.
  2. La sorella maggiore Pia, sposa a Ottavio Valducci di Cesena.