Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta/Capitolo II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo II

../Capitolo I ../Capitolo III IncludiIntestazione 28 maggio 2018 100% letteratura

Capitolo I Capitolo III
[p. 21 modifica]

Capitolo II.


La brigata per la quale era allestita la cena, giunse a casa di Veleno verso le due ore di notte, ed empiè in un momento lo stanzone terreno ov’era apparecchiato. L’oste per farsi onore s’era ingegnato d’imbandire con tovaglie di bucato la tavola, sulla quale oltre i piattelli e le posate di stagno e d’ottone che spiccavano meglio del solito per essere state strofinate con maggior diligenza, v’erano qua e là foglie di vite sparse ad uso di piattini per porvi su i boccali ed i bicchieri, sui quali scintillavano, al chiarore di molti lumi, infinite goccie d’acqua, rendendo testimonianza ch’eran stati risciacquati di fresco. Diego Garcia di Paredes entrò il primo e dietro di lui i baroni francesi prigioni. Jacques de Guignes, Giraut de Forses e La Motta. Lo Spagnuolo, l’uomo più audace e di maggiori forze di tutto l’esercito, forse di tutta Europa, pareva formato apposta dalla natura pel mestiere dell’arme, pel quale tanto meglio si poteva riuscire quanto maggiore era la robustezza e la forza muscolare. La sua statura superava di non poco quella de’ suoi compagni, e l’affaticarsi di continuo in un temperamento qual era il suo, togliendo alle membra la pinguedine, avea dato tal grossezza ad ogni muscolo, che appariva nel petto, nelle spalle, e nell’altre parti somigliante ai colossi dell’antica scultura, di forme atletiche e bellissime nell’istesso tempo. Il collo grosso come quello del toro reggeva una testa piccoletta, ricciuta, coi capelli piantati alti nella collottola, ed un volto virile sicuro, senz’ombra però d’arroganza. L’aspetto di don Garcia non mancava d’una certa grazia; e gli si leggeva in viso [p. 22 modifica]l’animo semplice, leale e pieno d’onore. Avea già deposta l’armatura, ed era rimasto in giustacuore e brache di pelle strette alla carne, in guisa che ad ogni suo moto si vedevano i muscoli sorgere e guizzare come fossero scoperti: un mantello corto alla sua foggia spagnuola gettato su una spalla compiva tale schietto vestire.

— Signori baroni, — disse mettendo dentro con cavalleresca cortesia i prigionieri, — noi Spagnuoli diciamo1Duelos con pan son menos. La fortuna oggi vi ha trattati male; domani forse toccherà a noi: intanto qui siamo amici: ceniamo, chè por Dios Santo, credo in questo saremo tutti d’accordo: più d’una lancia è andata in pezzi, e per oggi basta: non ci potranno rimproverar certamente di lasciar rodere le armature dalla ruggine. State di buon animo, e domani si ragionerà della taglia, e vedrete che don Garcia sa come si trattano cavalieri pari vostri.

Il contegno di La Motta a queste parole era quello di chi avendo la stizza non la vuol mostrare. Valoroso, buon soldato e molto fiero coll’arme in mano, nè d’aspetto inferiore all’esser suo, era però superbissimo quant’uomo del mondo, e non poteva patire d’aver a ricever cortesia da chi l’avea fatto prigione. Tuttavolta conoscendo quanta villania sarebbe stata il mostrarsi acerbo, rispose più lietamente che potè:

— Se la vostra mano è leggiera nel porre una taglia come nel calare un fendente, il re cristianissimo pagherà della sua borsa se ci vuol riavere, o vi terrò compagnia il resto de’ miei giorni.

— Inigo, — disse Paredes volgendosi ad un bel giovine di venticinque anni che, aspettando la cena, avea già posto mano al pane, — se vogliamo parlare di colpi di spada, domanderemo al tuo cavallo, che [p. 23 modifica]sapore hanno le stoccate di questo barone. — Poi dirigendo il discorso a La Motta:

— M’accorgo un po’ tardi che siete disarmato: eccovi la mia spada (e scingendola, la pose al fianco del suo prigione); sarebbe gran torto se un braccio come il vostro non trovasse un’elsa dove appoggiarsi. Terrete Barletta per prigione sino a cambio o riscatto. La vostra parola cavaliere?

La Motta stese la destra a Paredes, che la prese e soggiunse.

— Pei vostri compagni sia lo stesso patto. Non è vero? — E ciò disse volto a Correa e ad Azevedo, due uomini d’arme che avean fatti prigioni i compagni di La Motta. Risposero che eran contenti, ed ambedue colla medesima cortesia toltesi d’accanto le spade le cinsero ai baroni francesi.

— In tavola, signori, — gridò in quella Veleno, ponendo in mezzo al desco un grave catino, ove giaceva la metà dell’agnello attorniato da cipolle e legumi, e due gran piatti all’estremità pieni d’insalata; e l’apparire della vivanda non fu meno possente della voce dell’oste a chiamare a sè l’affamata adunanza. Tutti con gran premura, spostando e rimettendo le panche, in un momento furono seduti, e all’opera; e per alcuni minuti non s’udì parola, ma solo uno strepito di piattelli, bicchieri e posate percosse.

Solo, in capo tavola, sedeva Diego Garcia, e da’ suoi lati avea fatto porre La Motta e de Guignes. Scalcando con una gran daga, in un lampo ebbe fatto in pezzi quell’animale, e divisolo fra i convitati. Il suo stomaco di ferro, servito ottimamente de due file di denti bianchissimi e forti da non temer paragone, si trovò dopo alcuni minuti racquetato se non satollo. Non gli rimase un sol osso sul piattello, poichè nessun mastino potea dirla seco per stritolarli e ridurli in polvere. Finita la pietanza, empiè i [p. 24 modifica]bicchieri de’ suoi vicini ed il suo. Com’ebbe bevuto, e passata un poco quella prima furia di fame, s’avviarono a poco a poco i discorsi, mescolandosi le domande, le risposte ed i frizzi, che si raggiravano per lo più sui casi della guerra, sui cavalli, sui colpi dati o toccati, e sui varj accidenti del giorno. Nella parte inferiore del desco ove s’eran seduti i venti o ventitrè Spagnuoli, lasciando per cortesia al loro capo ed ai prigioni francesi ciò che essi chiamano la cabecera, ossia il sommo della tavola, si scorgeva negli atti e nelle parole quell’amorevole fratellanza che suol produrre il trovarsi avvolti insieme ogni giorno in grandissimi pericoli, ove si conosce quanto pregio abbia l’esser pronti ad aiutarsi l’un l’altro nell’occasione.

Le facce ruvide e cotte dal sole di questi uomini d’arme, che il moto, la recente fatica ed il calor del cibo rendevano rosse ed infocate, producevano, al chiaror dei lumi che le percoteva dall’alto, un effetto di chiaro-scuro degno del pennello di Gherardo delle Notti.

Avvicinandosi il termine della cena, il conversare, secondo il solito, era divenuto più generale, e le risa e ’l romore cresciuti in gente che avea riportato onore e profitto dalle guerresche fatiche del giorno. La fronte d’Inigo era la sola che più durava fatica a rasserenarsi. Stava egli col gomito appoggiato alla tavola, e si guardava d’intorno, poco o nulla rispondendo alle ciarle de’ suoi compagni.

— Inigo, — gli disse, stendendo verso di lui la mano Azevedo, che aveva forse votato un bicchiere più del solito, ed essendo uomo sollazzevole, mal soffriva di veder uno della brigata star sopra di sè malinconico; Inigo, si direbbe che sei innamorato, se le donne di Barletta meritassero le occhiate di un bel giovane par tuo. Ma qui, viva Dio, siamo al sicuro. [p. 25 modifica]Non vorrei che avessi lasciato il cuore in Ispagna, o a Napoli.

— Non penso a donne, Azevedo, — rispose il giovane, — ma penso al buon cavallo che quel barone m’ha quasi ammazzato seguitando a menar le mani da pazzo, quando già vedeva di non poterci fuggire. Povero Castano! la sua spalla è perduta, ho paura, e non penso d’averne mai più sotto un altro che lo valga. Ti ricordi a Taranto che cosa seppe fare questo demonio? e quando si guazzò quel fiume... non mi ricordo il nome.... là dove fu ammazzato. Quinones.... che l’acqua era più alta che non si pensava; chi arrivò il primo alla riva? — E dopo tante prove e tanti pericoli doveva finire alle mani di questo nemico di Dio!

— Non alzar tanto la voce, — disse Correa: — quel che è stato è stato a buona guerra: e non si deve dar carico ai prigionieri, nè conviene che odano questi discorsi.

— Ed io ti giuro, — rispose Inigo, — che vorrei essere in terra con una buona ferita, e veder sano il mio povero Castano: e perdonerei al Francese se avesse rotto la spada sul capo a me, invece di pigliarla col cavallo. All’uomo si tira: almeno chi sa tener la spada in mano fa così; e non di qua, di là, all’impazzata. Maledetto! pareva che si cacciasse le mosche.

— Hai ragione, perdio, — gridò Segredo, vecchio soldato con baffi e barba che mostravano aver veduto più d’una zuffa. — Quand’ero giovane pensavo come te: vedi la mia fronte (e battendo sovr’essa leggermente con la mano incallita dal guanto di ferro, indicava una cicatrice che orizzontalmente gli tagliava il sopracciglio) questa me l’ha fatta el Rey Chico, per amor d’un cavallo, il più bel baio che vi fosse in campo. Quello si chiamava cavallo! Quando fra [p. 26 modifica]uomini d’arme si veniva alle spade, bastava scuotergli così un poco la briglia, e un’ombra di sperone; che volevate vedere! S’alzava sulle zampe, e poi volate e sparate avanti, chè a non volere uscir per gli orecchi, vi dico io, mi toccava a stringer le cosce: quando ricadeva venivo giù insieme col mio colpo di spada, che pareva la saetta di Dio, e in questa maniera più d’un Moro è andato a cena con Satanas. E la siesta! Dormivo fra le sue gambe all’ombra, povero Zamoreno de mi alma, che nemmeno ardiva cacciarsi le mosche, per non disturbarmi.

«All’assedio di Cartagena, dove pochi di voi si son potuti trovare, e dove cominciò a farsi conoscere il gran Capitano.... e vi dice Segredo che era un bel far la guerra allora: un po’ meglio d’adesso: sotto gli occhi del re don Fernando e della regina Isabella, che era una bellezza, e di tutta la corte, ben pagati e mantenuti noi e i cavalli, come in casa d’un principe.... ma per dir del mio cavallo, in una sortita dove el Rey Chico alla testa de’ suoi combatteva come un leone (ed era un uomo che m’arrivava al petto, ma aveva un braccio che dove toccava lasciava il segno) quel povero animale ebbe passato il collo fuor fuori da una zagaglia moresca, e la prima volta in vita sua cadde sulle ginocchia. Mi gettai a terra e vidi che non c’era rimedio. Pure speravo di ricondurlo al campo a mano, chè per tutto il mondo non avrei voluto abbandonarlo: mi seguitava che appena poteva reggersi; e non ho vergogna a dirlo, le lagrime calde calde mi scendevano per la gorgiera dell’elmo, e mi bagnavano il collo: io che non sapevo che cos’era piangere! In quella tornò addietro una furia di Mori stretta da molti uomini di arme, e quel re era obbligato a fuggire, e veniva mugghiando come un toro. Io, preso in mezzo da questi, solo, a piedi, mi vidi morto. Tenni lontano più d’uno girando la spada, [p. 27 modifica]ma mi cadde sul capo quella del re che m’aperse l’elmo e rimasi per morto un pezzo. Quando mi riscossi e mi potetti alzar da terra, mi trovai il povero Zamoreno steso morto accanto.»

I casi del cavallo di Segredo erano stati uditi con affetto da tutta la tavola, ed il vecchio soldato al fine del suo racconto non avea potuto a meno di non mostrare sul viso solcato dall’età e dai travagli, che la memoria dell’antico compagno gli durava molto viva nel cuore. Qui ebbe vergogna di farlo troppo scorgere, e si versò da bere per distrarre gli sguardi che ancora lo fissavano.

Jacques de Guignes che, non meno degli altri prigioni, era andato riprendendo animo a misura che s’era pieno lo stomaco, udita la storia di Zamoreno, cominciò:

Chez-nous, messer cavaliere, questo non vi sarebbe accaduto tanto facilmente (quantunque è pur troppo vero che les bonnes coutumes de chevalerie si vanno perdendo ogni giorno). Pure un uomo d’arme si crederebbe disonorato se ad armi e a numero pari la sua spada cadesse sul cavallo del nemico. Ma dai Mori, come tutti sanno, non si può aspettare questa cortesia.

— Eppure, — disse Inigo, rispondendo ad una proposta che non gli era diretta, — si potrebbe provare che non è usanza solamente de’ Mori l’ammazzar cavalli. Lo sanno le pianure sotto Benevento, e lo seppe il povero Manfredi. E Carlo d’Angiò che ne diede l’ordine, non era più moro di voi e di me.

La stoccata era diritta, ed il Francese si scontorse sulla sedia.

— Questo si dice; forse sarà vero: ma Charles d’Anjou combatteva per un reame, e poi aveva a fare con uno scomunicato nemico della Chiesa.

— Ed egli non lo era della roba altrui: — interruppe Inigo con un sorriso amaro. [p. 28 modifica]

— Credo che saprete, (prese la parola La Motta) che il reame di Napoli è feudo della Santa Sede, e che Charles n’ebbe l’investitura: e poi il diritto d’una buona spada vale qualche cosa.

— E poi, e poi.... Diciamo la cosa com’è, — riprese Inigo, — le barbute tedesche di Manfredi, ed i mille cavalieri italiani che guidati dal conte Giordano combattevan contra i Francesi s’erano mostrati tali dal principio della battaglia, che Carlo d’Angiò non istimò inutile, volendosi far re di Napoli, di ricorrere a questo espediente a malgrado les bonnes coutumes de chevalerie, in vigore a quei tempi.

— Vi concederò se volete, — rispose La Motta, — che i Tedeschi valgano qualche cosa sotto la corazza, ed avranno forse potuto far testa qualche momento alla gendarmeria francese, nella giornata di Benevento; ma quanto ai vostri mille Italiani, veramente! se erano dugento anni fa, quel che sono al dì d’oggi, non faceva bisogno che per metterli in rotta i Francesi perdessero il tempo a storpiare i loro poveri cavalli. Da cinque anni che scorro l’Italia, ho imparato a conoscerli, ho seguito il re Carlo nella compagnia del prode Louis d’Ars, e v’assicuro che le frodi degli Italiani ci hanno dato a fare più delle loro spade. La sola guerra che essi conoscano è la sola che ignori la lealtà francese.

Queste gonfie parole poco piacquero a tutti, e niente affatto ad Inigo, che aveva coltura ed ingegno più che mediocre: era amico di molti Italiani militanti sotto le bandiere di Spagna, e conosceva com’erano andate le cose nella calata di Carlo in Italia. Sapeva, per dirne una, che, a malgrado la lealtà francese, ai Fiorentini non era stato tenuto l’accordo, ed erasi loro fatta ribellar Pisa; nè le fortezze che l’imprudenza di Pietro de’ Medici avea poste in mano loro erano, secondo la fede data, state restituite al [p. 29 modifica]tempo stabilito. Tutto ciò corse al pensiero d’Inigo, e le parole di La Motta gli movevan la stizza, mal sofferendo che i poveri Italiani, traditi e malmenati dai Francesi, fossero da questi medesimi trattati da traditori e coperti di vituperi. Stava perciò in procinto di dirgli il fatto suo; ma quegli accorgendosi che le sue parole non erano favorevolmente accolte, aggiunse:

— Voi venite di Spagna da poco tempo, signori, e non sapete ancora che razza di canaglia siano gl’Italiani; voi non avete avuto a far nè col duca Lodovico, nè col papa, nè col Valentino, che prima ci ricevevano a braccia aperte, e poi cercavano di piantarci il pugnale nelle reni. Ma a Fornovo si sono accorti che cosa può fare un pugno di brava gente contra un nuvolo di traditori: ed il Moro il primo è stato preso nelle sue reti. Scellerato! se non avesse altro delitto che quello della morte di suo nipote, non basterebbe forse questo solo a farlo il più infame degli assassini?

— Ma, — disse Correa, — suo nipote era infermiccio e di poco senno, e si vuole sia morto naturalmente.

— Naturalmente, come tutti coloro ai quali vien dato un veleno. De Forses e De Guignes lo sanno, che erano anch’essi alloggiati come me nel castello di Pavia. Il re andò a visitare la povera famiglia di Galeazzo (e tutto questo lo tengo dalla bocca di Filippo de Comines al quale fu raccontato dal re stesso). Il Moro lo condusse per certi passaggi oscuri, in due camere basse ed umide che guardavano le fosse del castello; trovò il duca di Milano colla moglie Isabella ed i figli. Questa si gettò ai piedi del re pregandolo per suo padre, ed avrebbe voluto pregarlo anche per sè e pel marito, ma quel traditore del Moro era presente: il povero Galeazzo pallido ed estenuato poco disse, e pareva sbalordito dall’enormità della sua disgrazia: già aveva nelle vene il veleno che lo [p. 30 modifica]ammazzò.... E Cesare Borgia, per dirne un altro: dove trovate una coppia come questa? Abbiamo visto di lui cose, che se si raccontano non sono credute. Poi, già molte delle sue imprese sono conosciute quanto basta. Tutto il mondo sa che ha ammazzato il fratello per averne gli onori e la roba: tutto il mondo sa come ha fatto per diventar padrone della Romagna; tutto il mondo sa che ha ucciso il cognato, avvelenato cardinali, vescovi e tanti altri che gli davano ombra.

Volgendosi poi ai suoi compagni francesi col viso di chi ricorda un fatto noto e degno di compassione:

— E la povera Ginevra di Monreale? La più bella, la più virtuosa, la più amabile donna ch’io m’abbia mai conosciuta! Questi miei amici se ne ricordano: fu da noi veduta al nostro passaggio in Roma nel ’92. Ma la sua mala sorte la fece anche conoscere al duca Valentino allora cardinale: era costei divenuta moglie di un nostro soldato che ella aveva sposato più per ubbidienza a suo padre che per altro. Fu presa da un male che nessuno seppe conoscere; si provarono tutti i rimedii; tutto fu inutile: dovette morire. Ma un accidente singolare mi fece scoprire un segreto d’inferno, che pochi hanno saputo. La sua malattia non era stata altro che un veleno datole dal Valentino per punirla della sua onestà. Povera infelice! Non son cose queste da chiamare i fulmini dal cielo?

Qui il Francese si fermò pensando, e pareva cercasse ricordarsi qualche circostanza che il tempo gli avesse annebbiata nella memoria.

— Ma sì, non m’inganno: oggi fra i vostri uomini d’arme, nel venire a Barletta, ne ho veduto uno del quale per verità non mi sovviene il nome, ma che mi ricordo benissimo d’avere incontrato più volte per Roma in quel tempo, ed ha una statura ed un viso che non si dimenticano facilmente: si diceva da tutti fosse l’amante nascosto della Ginevra, e dopo [p. 31 modifica]la morte di lei sparì, nè mai più si seppe nulla de’ fatti suoi. (Mais oui, je suis sûr que c’est le même ) disse vôlto ai compagni. — Ad un miglio della città quando ci siamo fermati alla fontana per aspettare i fanti, quel giovane pallido, coi capelli castagni, e non penso d’aver mai veduto un viso d’uomo più bello nè più malinconico del suo.... sì, sì, è lui sicuramente; ma il nome non me lo domandate.

Gli Spagnuoli si guardavano in viso studiando di chi volesse parlare.

— Era Italiano? — domandò uno.

— Sì; Italiano. È vero che non ha aperto bocca; ma un compagno che era sceso da cavallo, e gli porgeva da bere, gli parlò italiano.

— E le sue armi?

— Mi pare avesse una corazza liscia con una cotta di maglia; e, se non isbaglio, una penna ed una sciarpa azzurra.

Inigo il primo gridò: — Ettore Fieramosca.

— Fieramosca, appunto, — rispose La Motta, — ora mi ricordo, Fieramosca.

— Ebbene, questo Fieramosca era innamorato di Ginevra (almeno così si diceva); e molti non vedendolo più comparir dopo la morte di lei credevano si fosse ucciso.

A queste parole sorridendo gli Spagnuoli dicevan fra loro non esser oramai da stupirsi se sempre era malinconico, e se menava una vita tanto da sè, e diversa da quella de’ giovani pari suoi. Tutti però d’accordo lodavano la sua buona natura, il suo valore, la sua cortesia; dal che si poteva. conoscere quanto fosse amato e tenuto in pregio da tutto l’esercito. Inigo poi, sopra tutti, che gli era amico, e come ogni animo non volgare ammirando senza gelosia le belle doti del guerriero italiano, quanto lo conosceva da più di sè, tanto maggiormente lo amava, prese la parola in sua lode, con tutto il caldo che può aver l’amicizia in un cuore spagnuolo. [p. 32 modifica]

— A voi piace il suo viso, ed a chi non piacerebbe? Se conosceste l’anima di quel giovane! la nobiltà, la grandezza di quel cuore! ciò che egli ha osato coll’armi in mano con quell’arrischiato valore che nei più va unito ad una certa ebbrezza, ma in lui all’opposto fra i maggiori pericoli è sempre congiunto a freddo consiglio!.... In vita mia ne ho conosciuti dei bravi giovani, e alla corte di Spagna e in Francia: ma vi dico, da uomo d’onore, un insieme come quell’Italiano, che perdio, riunisce tutto, non l’ho trovato, e non penso di trovarlo più.

Il favore che il Fieramosca godeva nell’esercito fece sì che ognuno volle dir la sua, mostrando premura per questi suoi casi; nè il vecchio Segredo si mostrò duro più degli altri, e disse:

— Quantunque non abbia avuto mai tempo da perder con donne, e non abbia mai capito come un petto coperto di maglia possa tormentarsi per loro, non ostante quel bravo giovane, a vederlo sempre tristo, con quel viso sbattuto, mi muove un certo sentimento, che nemmeno io posso ben capire, e por Dios santo, darei il migliore de’ miei cavalli (purchè non fosse il Pardo) per vederlo una volta far un pajo di risate di cuore.

— Lo dicevo io che era mal d’amore! — disse Azevedo. — Quando si vede un giovane pallido, di poche parole, che cerca la solitudine, non si sbaglia, è affare di gonnella. È vero però (disse sorridendo) che alle volte un pajo di partite alla zecchinetta che vadano a rovescio, vi metton l’amaro in bocca e vi fanno diventar pallido e malinconico per dieci gonnelle;.... ma non importa: è un’altra cosa; e poi dura meno. E quanto a Fieramosca non c’è questo pericolo; non l’ho mai veduto con le carte in mano.... Ora capisco il motivo de’ suoi viaggi notturni. Sapete che le mie finestre guardano il molo. Più d’una volta [p. 33 modifica]l’ho visto sul tardi entrare in un battello solo, allontanarsi e girare dietro il castello. Buon viaggio, dicevo io mettendomi a letto, ognuno ha i suoi gusti: e pensavo che cercasse fortuna d’amore; ma non mi sarei mai sognato si cacciasse in mare per piangere chi sta all’altro mondo. Pare impossibile; un soldato par suo lasciarsi vincere da questa pazzia!

— Ciò mostra, — rispose Inigo con calore, — che un cuore buono ed amorevole può star nel petto d’un uomo ardito in faccia al nemico; e, viva Dio! che in questa s’ha a render giustizia a Fieramosca, come a tutti gl’Italiani che i fratelli Colonna hanno sotto la loro bandiera: nessuno di quanti portano una spada accanto ed una lancia in pugno, può vantarsi di portarla più degnamente o d’esser da più di loro.

A questa lode espressa col fuoco d’un animo schietto ed amante del vero, gli Spagnuoli diedero coi cenni e colle parole un’approvazione che non potevano negare essendo giornalmente testimoni del valore degli uomini d’arme Italiani. Ma i tre prigionieri caldi dalle parole e dal vino, e La Motta più degli altri, avendola con Inigo, che sempre durante la cena lo era andato pungendo, non potè mancare alla sua superba natura di stimar tutti nulla in paragone suo e dei suoi; onde alle parole dello Spagnuolo rispose con un riso studiato ed un guardo di compassione che fece montar la stizza fino ai capelli al giovane, e gli s’accrebbe la metà quando La Motta seguì dicendo:

— Quanto a questo, messer cavaliere, nè io nè i miei compagni non siamo del vostro avviso. Da molt’anni facciamo la guerra in Italia; e, come già v’ho detto, abbiamo molto più veduto adoperare pugnali e veleni che lance e spade, e vi prego di crederlo; un gendarme francese (e fece un viso grosso) si vergognerebbe d’aver per ragazzi di stalla uomini che non [p. 34 modifica]valessero meglio di questi poltroni d’Italiani: giudicate se si può immaginare di paragonarli con noi.

— Sentite, cavaliere, ed aprite bene gli orecchi, rispose Inigo che non potè più reggere alla passione di sentir costui dir tanta villania de’ suoi amici, e non gli parve vero di sfogarsi contra chi gli avea storpiato il suo cavallo; se qualcuno de’ nostri Italiani fosse qui, e Fieramosca il primo, e voi foste libero, come siete prigione di Diego Garcia, potreste imparare, prima d’andar a letto, che un uomo d’arme francese può aver a fare a due mani per difender la sua pelle contra un Italiano; ma poichè voi siete prigione, e qui non sono che Spagnuoli, io, che sono amico di Fieramosca e degl’Italiani, dico in loro nome, che voi e chiunque dirà aver essi timore coll’armi in mano di chicchessia, ed esser, come dite, poltroni e traditori, mente per la gola, e son pronti a starne al paragone con tutto il mondo, a piedi, a cavallo, con tutte l’arme, o colla sola spada; dove, e quando, e sempre che vi piacerà.

La Motta ed i compagni, i quali al cominciar di quelle parole s’erano rivolti con atto superbo verso chi le diceva, mutandosi gradatamente in volto, fra l’adirato e l’attonito, ne stavano attendendo la fine. Come accade in una brigata, allorchè in mezzo allo schiamazzo e alle risa, si sente sorger una voce e dir parole di ferro e di sangue, che ognuno tace e si volge sospeso a chiarire il fatto, cessato il bisbiglio, ogni Spagnuolo stette ad orecchie tese, aspettando che cosa potesse nascere da questa prima rottura.

— Siamo prigioni, — rispose La Motta con orgogliosa modestia, — e non potremmo accettare disfide; però, coll’approvazione degli uomini d’arme che hanno avute le nostre spade, e che, ben inteso, avranno da noi un giusto riscatto, a nome mio, de’ miei compagni e di tutta la gente d’arme francese, rispondo e ripeto quello [p. 35 modifica]che ho già detto una volta, e che dirò sempre, gl’Italiani valer solo ad ordir tradimenti e non alla guerra, ed esser la più trista gente d’arme che abbia mai tenuto piede in istaffa e vestita corazza. E chi dice che io abbia mentito, mente, e glielo manterrò coll’armi in mano.

Poi cercatosi in petto ne trasse una croce d’oro, e dopo averla baciata la depose sulla tavola. — E possa io non avere speranza in questo segno della nostra salute quando sarà la mia ultim’ora, esser tenuto cavalier disleale, ed indegno di calzar speroni d’oro se non rispondo io ed i miei compagni alla disfida che gl’Italiani mi mandano per bocca vostra, e colla grazia di Dio, di Nostra Signora e di s. Dionigi, che ajuteranno la nostra ragione, mostreremo a tutto il mondo qual differenza vi sia fra la gente d’arme francese e questa canaglia italiana che voi proteggete.

— E sia col nome di Dio, — rispose Inigo: quindi esso pure apertosi davanti il giubbone si trasse dal collo una immagine della Madonna di Monserrato, colla quale si fece il segno di croce e la depose vicino alla croce d’oro di La Motta: e quantunque provasse un leggier senso di umiliazione di non potere per la sua povertà offrire un pegno di battaglia di valore eguale a quello di La Motta, pure scossa quella vergogna, disse francamente:

— Ecco il mio pegno. Diego Garcia li prenda ambedue in nome di Consalvo, che non ricuserà campo franco ai nostri nobili amici, nè ai cavalieri francesi che verranno a combatterli.

— No per certo, — rispose Garcia, prendendo i pegni della sfida: Consalvo non impedirà mai questa brava gente di misurarsi le spade e fare il dovere di buoni cavalieri. Ma voi, messer barone (parlando a La Motta) avrete sotto i denti un osso da rodere più duro che non pensate. [p. 36 modifica]

C’est notre affaire, — rispose il Francese scuotendo il capo e sorridendo. Nè io nè i miei compagni terremo per il più pericoloso e per il più splendido fatto della nostra vita, quello nel quale potremo mostrare a questo bravo Spagnuolo il suo errore, facendo votar la sella a quattro Italiani.

Diego Garcia, che non si sentiva veramente vivo se non quando stava o nel calor d’una mischia o parlando di menar le mani, non capiva in sè dall’allegrezza nel sentir questi preliminari d’una sfida, che sarebbe senza dubbio stata combattuta e contrastata con tutto l’accanimento che può inspirare l’onor nazionale; ed alzando il capo e la voce, e battendo insieme due mani che sarebbero state bene al braccio di Sansone, gridò:

— Le vostre parole, cavalieri, sono degne d’uomini di onore, e di soldati pari vostri, e son sicuro che i fatti non saranno inferiori. Vivano sempre i bravi di tutte le nazioni! Ed in così dire, imitato dagli altri, alzò il bicchiere, e tutti con grande allegrezza lo votarono più d’una volta in onore de’ futuri vincitori. Calmato un poco il romore, Inigo soggiunse:

— L’ingiuria che voi fate al valore italiano, messer cavaliere, non è cosa che i miei amici vorranno passar così di leggieri, nè terminar col rompere d’una lancia, come se si trattasse di aver il pregio d’una giostra. Non parlo per ora del numero de’ combattenti: questo si fisserà d’accordo fra le due parti; ma qualunque sia per essere, offro a voi ed ai vostri battaglia a tutte armi ed a tutto sangue, finchè ogni uomo sia morto, o preso, o costretto ad uscir del campo. Accettate voi questi patti?

— Gli accetto.

Fermato così l’accordo, nè rimanendo per allora altro da aggiungere, le fatiche del giorno e l’ora tarda consigliarono ad ognuno il riposo. La brigata s’alzò [p. 37 modifica]da tavola di comune consenso; ed uscita dall’osteria, s’andò sciogliendo a mano a mano, riducendosi ciascuno al proprio alloggiamento. I baroni francesi furono onorevolmente trattati, ed ebbero stanza dagli uomini d’arme che gli avean fatti prigioni. Crediamo di poter asserire, che malgrado le bravate colle quali aveano mostrato tener gli Italiani in sì poco conto, un intimo senso, ed in molti l’esperienza gli avvertiva, che a voler uscir ad onore da quest’impegno, bisognavano però più fatti che parole. Inigo anch’egli benchè fosse più che certo del valore de’ suoi amici, e che per la gloria delle armi italiane sarebbero venuti a paragone con tutto il mondo, riflettendo che gli avversarii erano pur gente da guerra di grandissimo conto, e le migliori spade dell’esercito francese, non poteva non istare in pensiero del fine che avrebbe avuta quest’importante faccenda. Infatti La Motta ed i suoi compagni erano uomini da star a fronte di chicchessia. Le loro prodezze nell’armi erano conosciute da tutte le soldatesche d’allora; e nelle squadre francesi v’erano moltissimi altri non inferiori nè in coraggio nè in perizia, ed il famoso Bajardo per dirne uno, bastava solo ad aggiungere gran peso nella bilancia.

A malgrado di queste riflessioni, l’altero Spagnuolo non si pentì un momento d’averla presa per gli Italiani, e pensò che avrebbe troppo mancato sopportando che l’insolente prigione dicesse tanti vituperii di coloro che non li meritando erano poi suoi amici ed assenti: e come, disse fra sè, potrebbe esser vinto chi combatte per l’onor della patria? Così rinfrancato l’animo, si dispose la mattina seguente a conferire di ciò con Fieramosca, ed usare ogni cura onde la cosa riuscisse ad onore della parte che avea tolto a proteggere; e pieno di questi onorati pensieri, stette, senza molto dormire, aspettando l’ora di metter mano all’impresa.


Note

  1. I guai con pane sono soffribili.