Favole (La Fontaine)/Libro secondo/XVI - Il Corvo che vuole imitare l'Aquila

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo

XVI - Il Corvo che vuole imitare l'Aquila

../XV - Il Gallo e la Volpe ../XVII - Il Pavone e Giunone IncludiIntestazione 3 ottobre 2008 75% Da definire

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro secondo

XVI - Il Corvo che vuole imitare l'Aquila
Libro secondo - XV - Il Gallo e la Volpe Libro secondo - XVII - Il Pavone e Giunone
Chauveau - Fables de La Fontaine - 02-16.png

 
Vedendo un Corvo l’Aquila, che audace
rapiva un agnelletto,
più debol, ma non men di lei vorace,
vuol tentare il medesimo colpetto.

Senza pensarci molto,
salta addosso a un magnifico montone,
un bocconcin da far gola agli Dèi
e ch’era riservato al sacrificio,
a lui gridando: - Il fatto mio tu sei.
Non so chi t’abbia fatto così bello,
ma non potrei trovar miglior boccone -.
E, come dissi, piomba sull’agnello.
Ma udite caso strano!
Quella gentile ovina creatura
pesava come un cacio parmigiano,
e aveva un pelo d’una tal natura,
così folto, diremo,
che la barba parea di Polifemo.

Quel pelo aggrovigliò del mio corbaccio
così bene gli sgraffi,
che non poté più trarsene d’impaccio.
Venne il pastor, lo prese, e il tristo augello
fu dato ai pastorelli per zimbello.

Aggiunge qui la solita morale
che l’esempio è un solletico fatale:
l’un nasce ladro e l’altro ladroncello,
né a tutti i prepotenti è ugual destino.
Dove passa la vespa, nel tranello
rimane il moscherino.