Favole di Esopo/Dell'Avoltojo, e degl'altri Uccelli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dell'Avoltojo, e degl'altri Uccelli

../Del Leone, e della Capra ../Di Giove, e della Simia IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Dell'Avoltojo, e degl'altri Uccelli
Del Leone, e della Capra Di Giove, e della Simia
[p. 197 modifica]

Dell’Avoltojo, e degl’altri Uccelli. 169.


L’Avoltojo fingendo onorare il suo giorno natale, chiamò tutti gli Ucelli, a cui ne venne una gran parte, ed egli con molta allegrezza gli accettò, e con gran favore, e poi tutti se gli mangiò.

Sentenza della favola.

Moralità. Non sono amici tutti quei, che hanno buone parole, perchè sotto quelle, spesse volte sta nascosto il veleno.