Favole di Esopo/Della Simia, e della Volpe (2)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Simia, e della Volpe

../Di un Fanciullo, e della Fortuna ../De' Sorci, ed un Gatto IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Simia, e della Volpe
Di un Fanciullo, e della Fortuna De' Sorci, ed un Gatto
[p. 216 modifica]

Della Simia, e della Volpe. 209.


Gli animali fecero consiglio per creare il loro Re, ed elessero la Simia per il suo ballare. La Volpe invidiosa, vedendo un [p. 217 modifica]pezzo di Carne in un laccio, disse alla Simia: Signor mio vien meco, che in un luogo vi è un Tesoro, e condussela ove era il laccio, ed ella vi s’incappò da lei medesima, e la Volpe disse: O pazza, tu credevi per averti favorita la sorte, esser degna di signoreggiare tutti gli animali? ma tu t’inganni.

Sentenza della favola.

Qui si toccano quei, che incorrono pazzamente in qualche disgrazia, e sono poi beffeggiati.