Favole di Esopo/Di Giove, e della Simia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di Giove, e della Simia

../Dell'Avoltojo, e degl'altri Uccelli ../Della Formica, e della Cicala IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di Giove, e della Simia
Dell'Avoltojo, e degl'altri Uccelli Della Formica, e della Cicala
[p. 197 modifica]

Di Giove, e della Simia. 170.


Giove volle sapere fra tutti gli animali, chi avesse più belli figliuoli, e tutti gli andorono avanti, tra quali la Simia portando i suoi andò. Veduta da Giove egli cominciò a ridere. Allora la Simia disse: Giove ride, perchè di quanti figliuoli ha veduto, ha giudicato i miei esser più belli.

Sentenza della favola.

Moralità. A tutti, la cosa sua par bella.