Filippo/Atto primo/Scena seconda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto primo

Scena seconda

../Scena prima ../Scena terza IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Tragedie

Atto primo - Scena prima Atto primo - Scena terza

CARLO, ISABELLA.

CARLO
Oh vista! -
Regina, e che? tu pure a me t’involi?
Sfuggi tu pure uno infelice oppresso?
ISABELLA
Prence...
CARLO
Nemica la paterna corte
mi è tutta, il so; l’odio, il livor, la vile
e mal celata invidia, entro ogni volto
qual maraviglia fia se impressa io leggo,
io, mal gradito al mio padre e signore?
Ma tu, non usa a incrudelir; tu nata
sotto men duro cielo, e non per anche
corrotta il core infra quest’aure inique;
sotto sí dolce maestoso aspetto
crederò che nemica anima alberghi
tu di pietade?
ISABELLA
Il sai, qual vita io tragga,
in queste soglie: di una corte austera
gli usi, per me novelli, ancor di mente
tratto non mi hanno appien quel dolce primo
amor del suol natio, che in noi può tanto.
So le tue pene, e i non mertati oltraggi
che tu sopporti; e duolmene...
CARLO
Ten duole?
Oh gioja! Or ecco, ogni mia cura asperge
di dolce oblio tal detto. E il dolor tuo
divido io pure; e i miei tormenti io spesso
lascio in disparte; e di tua dura sorte
piango; e vorrei...
ISABELLA
Men dura sorte avrommi,
spero, dal tempo: i mali miei non sono
da pareggiarsi a’ tuoi; dolor sí caldo
dunque non n’abbi.
CARLO
In me pietá ti offende,
quando la tua mi è vita?
ISABELLA
In pregio hai troppo
la mia pietá.
CARLO
Troppo? ah! che dici? E quale,
qual havvi affetto, che pareggi, o vinca
quel dolce fremer di pietá, che ogni alto
cor prova in se? che a vendicar gli oltraggi
val di fortuna; e piú nomar non lascia
infelici color, che al comun duolo
porgon sollievo di comune pianto?
ISABELLA
Che parli?... Io, sí, pietá di te... Ma... oh cielo!...
Certo, madrigna io non ti son: se osassi
per l’innocente figlio al padre irato
parlar, vedresti...
CARLO
E chi tant’osa? E s’anco
pur tu l’osassi, a te sconviensi. Oh dura
necessità!... d’ogni sventura mia
cagion sei tu, benché innocente, sola:
eppur, tu nulla a favor mio...
ISABELLA
Cagione
io delle angosce tue?
CARLO
Sí: le mie angosce
principio han tutte dal funesto giorno,
che sposa in un data mi fosti, e tolta.
ISABELLA
De! che rimembri?... Passeggera troppo
fu quella speme.
CARLO
In me cogli anni crebbe
parte miglior di me: nudriala il padre;
quel padre sí, cui piacque romper poscia
nodi solenni...
ISABELLA
E che?...
CARLO
Suddito, e figlio
di assoluto signor, soffersi, tacqui,
piansi, ma in core; al mio voler fu legge
il suo volere: ei ti fu sposo: e quanto
io del tacer, dell’obbedir, fremessi,
chi ’l può saper, com’io? Di tal virtude
(e virtude era, e piú che umano sforzo)
altero in cor men giva, e tristo a un tempo.
Innanzi agli occhi ogni dover mio grave
stavami sempre; e s’io, pur del pensiero,
fossi reo, sallo il ciel, che tutti vede
i piú interni pensieri. In pianto i giorni,
le lunghe notti in pianto io trapassava:
che pro? l’odio di me nel cor del padre,
quanto il dolore entro al mio cor, crescea.
ISABELLA
L’odio non cape in cor di padre, il credi;
ma il sospetto bensí. L’aulica turba,
che t’odia, e del tuo spregio piú si adira
quanto piú il merta, entro al paterno seno
forse versò il sospetto...
CARLO
Ah! tu non sai,
qual padre io m’abbia: e voglia il ciel, che sempre
lo ignori tu! gli avvolgimenti infami
d’empia corte non sai: né dritto cuore
creder li può, non che pensarli. Crudo,
piú d’ogni crudo che dintorno egli abbia,
Filippo è quei che m’odia; egli dà norma
alla servil sua turba; ei d’esser padre,
se pure il sa, si adira. Io d’esser figlio
giá non oblio perciò; ma, se obliarlo
un dí potessi, ed allentare il freno
ai repressi lamenti; ei non mi udrebbe
doler, no mai, né dei rapiti onori,
né della offesa fama, e non del suo
snaturato inaudito odio paterno;
d’altro maggior mio danno io mi dorrei...
Tutto ei mi ha tolto il dí, che te mi tolse.
ISABELLA
Prence, ch’ei t’è padre e signor rammenti
sí poco?...
CARLO
Ah! scusa involontario sfogo
di un cor ripieno troppo: intera aprirti
l’alma pria d’or, mai nol potea..
ISABELLA
Né aprirla
tu mai dovevi a me; né udir...
CARLO
T’arresta;
deh! se del mio dolore udito hai parte,
odilo tutto. A dir mi sforza...
ISABELLA
Ah! taci;
lasciami.
CARLO
Ahi lasso! Io tacerò; ma, ho quanto
a dir mi resta! Ultima speme...
ISABELLA
E quale
speme ha, che in te non sia delitto?
CARLO
... Speme,...
che tu non m’odj.
ISABELLA
Odiarti deggio, e il sai,...
se amarmi ardisci.
CARLO
Odiami dunque; innanzi
al tuo consorte accusami tu stessa...
ISABELLA
Io profferire innanzi al re il tuo nome?
CARLO
Sí reo m’hai tu?
ISABELLA
Sei reo tu solo?
CARLO
In core
dunque tu pure?...
ISABELLA
Ahi! che diss’io?... Me lassa!...
O troppo io dissi, o tu intendesti troppo.
Pensa, deh! chi son io; pensa, chi sei.
L’ira del re mertiamo; io, se ti ascolto;
tu, se prosiegui.
CARLO
Ah! se in tuo cor tu ardessi,
com’ardo e mi struggo io; se ad altri in braccio
ben mille volte il dí l’amato oggetto
tu rimirassi: ah! lieve error diresti
lo andar seguendo il suo perduto bene;
e sbramar gli occhi; e desiar talvolta,
qual io mi fo, di pochi accenti un breve
sfogo innocente all’affannato core.
ISABELLA
Sfuggimi, deh!... Queste fatali soglie,
fin ch’io respiro, anco abbandona; e fia
per poco...
CARLO
Oh cielo! E al genitor sottrarmi
potrei cosí? Fallo novel mi fora
la mal tentata fuga: e assai giá falli
mi appone il padre. Il solo, ond’io son reo,
nol sa.
ISABELLA
Nol sapess’io!
CARLO
Se in ciò ti offesi,
ne avrai vendetta, e tosto. In queste soglie
lasciami: a morte se il duol non mi tragge,
l’odio, il rancor mi vi trarrá del padre,
che ha in se giurato, entro al suo cor di sangue,
il mio morire. In questa orribil reggia,
pur cara a me poiché ti alberga, ah! soffri,
che l’alma io spiri a te dappresso...
ISABELLA
Ahi vista!...
Finché qui stai, per te pur troppo io tremo.
Presaga in cor del tristo tuo destino
una voce mi suona... - Odi; la prima,
e in un di amor l’ultima prova è questa,
ch’io ti chieggio, se m’ami; al crudo padre
sottratti.
CARLO
Oh donna!... ell’è impossibil cosa.
ISABELLA
Sfuggi me dunque, or piú di pria. Deh! serba
mia fama intatta, e serba in un la tua.
Scolpati, sí, delle mentite colpe,
onde ti accusa invida rabbia: vivi,
io tel comando, vivi. Illesa resti
la mia virtú con me: teco i pensieri,
teco il mio core, e l’alma mia, mal grado
di me, sian teco: ma de’ passi miei
perdi la traccia; e fa’, ch’io piú non t’oda,
mai piú. Del fallo è testimon finora
soltanto il ciel; si asconda al mondo intero;
a noi si asconda: e dal tuo cor ne svelli
fin da radice il sovvenir,... se il puoi.
CARLO
Piú non mi udrai? mai piú?.... (1)


Note:
(1) Volendola seguire; ella assolutamente glie lo vieta.