Filippo/Atto quarto/Scena seconda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quarto

Scena seconda

../Scena prima ../Scena terza IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Tragedie

Atto quarto - Scena prima Atto quarto - Scena terza
SOLDATI CON ARMI E FIACCOLE.
FILIPPO, CARLO.
CARLO
Oh cielo!
Da tante spade preceduto il padre?
FILIPPO
Di notte, solo, in queste stanze, in armi,
che fai, che pensi tu? gl’incerti passi
ove porti? Favella.
CARLO
... E che direi?...
L’armi, ch’io strinsi all’appressar d’armati
audaci sgherri, al tuo paterno aspetto
cadonmi: a lor duce tu sei?... tu, padre? -
Di me disponi a piacer tuo. Ma dimmi;
pretesti usar, t’era egli d’uopo? e quali!...
Ah padre! indegni son di un re i pretesti; -
ma le discolpe son di me piú indegne.
FILIPPO
L’ardir v’aggiungi? Aggiungil pur, ch’è ognora
all’alte scelleraggini compagno:
fa di finto rispetto infame velo
all’alma infida, ambizíosa, atroce;
giá non ti escusi tu: meglio, è che il varco
tu schiuda intero alla tua rabbia: or versa
il mortal tosco che in tuo cor rinserri;
audacemente ogni pensier tuo fello,
degno di te, magnanimo confessa.
CARLO
Che confessar degg’io? Risparmia, o padre,
i vani oltraggi: ogni piú cruda pena
dammi; giusta ella fia, se a te fia grata.
FILIPPO
In cosí acerba età, deh! come giunto
sei di perfidia al piú eminente grado?
D’iniquità dove imparata hai l’arte,
che, dal tuo re colto in sí orribil fallo,
neppur di aspetto cangi?
CARLO
Ove l’appresi?
Nato in tua reggia...
FILIPPO
Il sei, fellon, per mia
sventura ed onta...
CARLO
Ad emendar tal onta,
che tardi or piú? che non ti fai felice
col versar tu del proprio figlio il sangue?
FILIPPO
Mio figlio tu?
CARLO
Ma, che fec’io?
FILIPPO
Mel chiedi?
Tu il chiedi a me? Non ti flagella dunque
rimorso nullo?... Ah! no; giá da gran tempo
nullo piú ne conosci; o il sol che senti,
del non compiuto parricidio il senti.
CARLO
Parricidio! Che ascolto? Io parricida?
Ma, né tu stesso il credi, no. - Qual prova,
quale indizio, o sospetto?...
FILIPPO
Indizio, prova,
certezza, io tutto dal livor tuo traggo.
CARLO
- Non mi sforzar, deh! padre, al fero eccesso
di oltrepassar quella terribil meta,
che tra suddito e re, tra figlio e padre,
le leggi, il cielo, e la natura, han posto.
FILIPPO
Con sacrilego piè tu la varcasti,
gran tempo è giá. Che dico? ignota sempre
ti fu. D’aspra virtú gli alteri sensi
lascia, che mal ti stan; qual sei, favella:
svela del par gli orditi, e i giá perfetti
tuoi tradimenti tanti... Or via, che temi?
Ch’io sia men grande, che non sei tu iniquo?
Se il vero parli, e nulla ascondi, spera;
se il taci, o ammanti, trema.
CARLO
Il vero io parlo;
tu mi vi sforzi. - Me conosco io troppo,
perch’io mai tremi; e troppo io te conosco,
perch’io mai speri. Infausto don, mia vita
ripiglia tu, ch’ella è ben tua; ma mio
egli è il mio onor, né il togli tu, né il dai.
Ben reo sarei, se a confessarmi reo
mi traesse viltà. - L’ultimo fiato
qui spirar mi vedrai: lunga, crudele,
obbrobriosa apprestami la morte:
morte non v’ha, che ad avvilir me vaglia.
Te sol, te sol, non me compiango, o padre.
FILIPPO
Temerario, in tal guisa al signor tuo
ragion de’ tuoi misfatti render osi?
CARLO
Ragion? - Tu m’odj; ecco il mio sol misfatto:
sete hai di sangue; ecco ogni mia discolpa:
tuo dritto solo, è l’assoluto regno.
FILIPPO
Guardie, si arresti; olá.
CARLO
Risposta sola
di re tiranno è questa. Ecco, le braccia
alle catene io porgo: eccoti ignudo
al ferro il petto. A che indugiar? fors’oggi
a incrudelir cominci tu soltanto?
Il tuo regnar, giorno per giorno, in note
atre di sangue è scritto giá...
FILIPPO
Si tolga
dagli occhi miei. Della qui annessa torre
entro al piú nero carcere si chiuda.
Guai, se pietade alcun di voi ne sente.
CARLO
Ciò non temer, che in crudeltà son pari
i tuoi ministri a te.
FILIPPO
Si strappi a forza
dal mio cospetto; a viva forza...