Filippo/Atto quinto/Scena seconda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quinto

Scena seconda

../Scena prima ../Scena terza IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Tragedie

Atto quinto - Scena prima Atto quinto - Scena terza

ISABELLA, CARLO.

CARLO
Chi veggio?
Regina, tu? Chi ti fu scorta? Oh! quale
ragion ti mena? amor, dover, pietade?
Come l’accesso avesti?
ISABELLA
Ah! tutto ancora
non sai l’orror del tuo feral destino:
tacciato sei di parricida; il padre
ti accusa ei stesso; un rio consiglio a morte
ti danna; ed altro all’eseguir non manca,
che l’assenso del re.
CARLO
S’altro non manca,
eseguirassi tosto.
ISABELLA
E che? non fremi?
CARLO
Gran tempo è giá, ch’io di morir sol bramo.
E il sai ben tu, da cui null’altro io chiesi,
che di lasciarmi morire ove sei.
Mi è dura, sí, l’orrida taccia; è dura,
ma inaspettata no. Morir m’è forza;
fremerne posso, ove tu a me lo annunzi?
ISABELLA
Deh! non parlarmi di morte, se m’ami.
Cedi per poco all’impeto...
CARLO
Ch’io ceda?
Or, ben mi avveggo; hai di avvilirmi assunto
il crudo incarco; il genitore iniquo
a te il commette...
ISABELLA
E il puoi tu creder, prence?
Ministra all’ire io di Filippo?...
CARLO
A tanto
potria sforzarti, anco ingannarti ei forse.
Ma, come or dunque a me venirne in questo
carcer ti lascia?
ISABELLA
E il sa Filippo? Oh cielo!
guai, se il sapesse!...
CARLO
Oh! che di’ tu? Filippo
qui tutto sa: chi mai rompere i duri
comandi suoi?...
ISABELLA
Gomez.
CARLO
Che ascolto? Oh! quale,
qual profferisti abbominevol nome,
terribile, funesto!...
ISABELLA
A te nemico
non è, qual pensi...
CARLO
Oh ciel! s’io a me il credessi
amico mai, piú di vergogna in volto
avvamperei, che d’ira.
ISABELLA
Ed ei pur solo
sente or di te pietá. L’atroce trama
ei del padre svelommi.
CARLO
Incauta! ahi troppo
credula tu! che festi? ah! perché fede
prestavi a tal pietá? Se il ver ti disse
dell’empio re l’empissimo ministro,
ei col ver t’ingannò.
ISABELLA
Ma il dir, che giova?
Di sua pietá non dubbj effetti or tosto
provar potrai, se a’ preghi miei ti arrendi.
Ei qui mi trasse di soppiatto; e i mezzi
giá di tua fuga appresta: io ve l’indussi.
Deh! non tardar, t’invola: il padre sfuggi,
la morte, e me.
CARLO
Fin che n’hai tempo, ah! lungi
da me tu stessa involati; che a caso
Gomez pietá non finge. In qual cadesti
insidíoso laccio! Or sí, ch’io fremo
davvero: omai, qual dubbio avanza? appieno,
Filippo appien giá penetrò l’arcano
dell’amor nostro...
ISABELLA
Ah! no. Poc’anzi io il vidi,
mentre dal suo cospetto a viva forza
eri strappato: ei d’ira orrenda ardea:
io tremante ascoltavalo; e lo stesso
tuo sospetto agitavami. Ma poscia,
in me tornata, il suo parlar rammento;
e certa io son, che ogni altra cosa ei pensa,
fuor che questa, di te... Perfin sovviemmi,
ch’ei ti tacciò d’insidíar fors’anco,
oltre i suoi giorni, i miei.
CARLO
Mestier sarebbe
che al par di lui, di lui piú vile, io fossi,
a penetrar tutte le ascose vie
dell’intricato infame laberinto.
Ma, certo è pur, che orribil fraude asconde
questo inviarti a me: ciò ch’ei soltanto
finor sospetta, or di chiarire imprende.
Ma, sia che vuol, tu prontamente i passi
volgi da questo infausto loco: indarno
tu credi, o speri, che adoprarsi voglia
Gomez per me: piú indarno ancor tu speri,
s’anco egli il vuol, che gliel consenta io mai.
ISABELLA
E fia pur ver, ch’infra tal gente io tragga
gl’infelici miei dí?
CARLO
Vero, ah pur troppo! -
Non indugiar piú omai: lasciami; trammi
d’angoscia mortalissima... Mi offende
pietade in te, se di te non la senti...
Va’, se hai cara la vita...
ISABELLA
A me la vita
cara?...
CARLO
Il mio onor, dunque, e la fama tua.
ISABELLA
Ch’io t’abbandoni in tal periglio?
CARLO
A tale
periglio esporti? a che varria? Te stessa
tu perdi, e me non salvi. Un sol sospetto
virtude macchia. Deh! la iniqua gioia
togli al tiranno di poter tacciarti
del sol pensier pur rea. Va’: cela il pianto;
premi i sospir nel petto: a ciglio asciutto,
con intrepida fronte udir t’è forza
del mio morire. Alla virtú fian sacri
quei tristi dí, che a me sopravvivrai...
E, se pur cerchi al tuo dolor sollievo,
fra tanti rei, sol uno ottimo resta;
Perez, cui ben conosci: ei pianger teco
potrà di furto;... e tu, con lui talvolta
di me parlar potrai... Ma intanto, vanne;
esci;... fa’ ch’io non pianga,... a brano a brano
deh non squarciarmi il cuore! ultimo addio
prendi,... e mi lascia;... va: tutta or m’è d’uopo
la mia virtude; or, che fatal si appressa
l’ora di morte...