Filocolo/Libro quinto/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quinto - Capitolo 60

../59 ../61 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro quinto - 59 Libro quinto - 61

I giovani baroni, che ad altre cose credeano costui dovere riuscire nel principio del suo parlare, udendo queste cose si maravigliarono molto, e guardando al ben dire di costui, similemente così com’egli, conobbero grazia di Dio nella sua lingua essere entrata; e i nobili animi, i quali mai da quello di Filocolo non erano stati discordi, così come nelle mondane e caduche cose aveano con lui una volontà avuta, similemente di subito con lui entrarono in un volere della santa fede, e ad una voce risposero: - Alti meriti ne rendi a’ lunghi affanni: sia laudato quel glorioso Iddio, che con la sua luce la via della verità t’ha scoperta. Fuggansi le tenebre, e te, essendo duce, seguiamo alla luce vera. I vani iddii e fallaci periscano, e l’onnipotente, vero e infallibile Creatore di tutte le cose, sia amato, onorato, adorato e creduto da noi. Venga il vivo fonte che dalle preterite ordure, nelle quali come ciechi dietro a cieco duca siamo caduti, ci lavi, e facciaci Iddio essere manifesto -.