Fiore/CXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXIX

../CXXVIII ../CXXX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXVIII CXXX

 
Com’Astinenza andò a Mala-Boc[c]a

 Astinenza-Costretta la primera
Sì si vestì di roba di renduta,
Velata che non fosse conosciuta;
Con un saltero i·man facea preghera.4

 La ciera sua non parea molto fera,
Anz’era umile e piana divenuta;
Al saltero una filza avea penduta
Di paternostri, e ’l laccio di fil iera.8

 Ed i·mano un bordon di ladorneccio
Portava, il qual le donò ser Baratto:
Già non era di melo né di leccio;11

 Il suocer le l’avea tagliato e fatto.
La scarsella avea piena di forneccio.
Ver’ Mala-Bocca andò per darli matto.14