Fiore/LXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXX

../LXIX ../LXXI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXIX LXXI

 
L’Amante e Amico

 "Po’ mi convien ovrar di tradigione
E a·tte pare, Amico, ch’i’ la faccia,
I’ la farò, come ch’ella mi spiaccia,
Per venir al di su di quel cagnone.4

 Ma sì·tti priego, gentil compagnone,
Se·ssai alcuna via che·ssia più avaccia
Per Mala-Bocca e’ suo’ metter in caccia
E trar Bellacoglienza di pregione,8

 Che·ttu sì·lla mi insegni, ed i’ v’andrò
E menerò comeco tal aiuto
Ched i’ quella fortez[z]a abatterò".11

 "E’ nonn-à guari ch’i’ ne son venuto",
Rispuose Amico, "ma ’l ver ti dirò,
Che·ss’i’ v’andai, i’ me ne son pentuto.14