Fioretti di San Francesco/Capitolo trentaquattresimo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo trentaquattresimo

../Capitolo trentatreesimo ../Capitolo trentacinquesimo IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Cristianesimo

Capitolo trentatreesimo Capitolo trentacinquesimo
Come santo Lodovico re di Francia personalmente, in forma di pellegrino, andò a Perugia a visitare il santo frate Egidio.

Andò santo Lodovico re di Francia in peregrinaggio a visitare li Santuari per lo mondo, e udendo la fama grandissima della santità. di frate Egidio, il quale era stato de’ primi compagni di santo Francesco, si puose in cuore e diterminò al tutto di visitarlo personalmente. Per la qual cosa egli venne a Perugia, ove dimorava allora il detto frate Egidio.

E giugnendo alla porta del luogo de’ frati, come un povero pellegrino e sconosciuto, con pochi compagni, domanda con grande istanza frate Egidio, non dicendo niente al portinaio chi egli fussi che ’l domandava. Va adunque il portinaio a frate Egidio e dice che alla porta è uno pellegrino che n’addimanda, e da Dio gli fu ispirato e rivelato in ispirito ch’egli era il re di Francia; di che subitamente con grande fervore esce di cella e corre alla porta, e senza altro domandare, o che mai eglino s’avessino veduti, insieme con grandissima divozione inginocchiandosi, s’abbracciarono insieme e baciaronsi con tanta dimestichezza, come se per lungo tempo avessino tenuta grande amistà insieme, ma per tutto questo non parlavano nulla l’uno all’altro, ma stavano così abbracciati con quelli segni d’amore caritativo in silenzio. Ed istati che furono per grande spazio nel detto modo senza dirsi parola insieme, si partirono l’uno dall’altro; e santo Lodovico se n’andò al suo viaggio, e frate Egidio si tornò alla cella.

Partendosi il re, un frate domandò alcuno de’ suoi compagni chi era colui che s’era cotanto abbracciato con santo Egidio; e colui rispuose ch’egli era Lodovico re di Francia, lo quale era venuto per vedere frate Egidio. Di che dicendolo costui agli altri frati, eglino n’ebbono grandissima malinconia che frate Egidio non gli avea parlato parola; e rammaricandosene, sì gli dissono: «O frate Egidio, perché se’ tu stato tanto villano, che uno così fatto re, il quale è venuto di Francia per vederti e per udire da te qualche buona parola, e tu non gli hai parlato niente?». Rispuose frate Egidio: «O carissimi frati, non vi maravigliate di ciò; imperò che né egli a me né io a lui pote’ dire parola, però che sì tosto come noi ci abbracciammo insieme, la luce della divina sapienza rivelò e manifestò a me il cuore suo e a lui il mio; e così per divina operazione ragguardandoci ne’ cuori, ciò ch’io volea dire a lui ed egli a me troppo meglio conoscemmo che se noi ci avessimo parlato con la bocca, e con maggiore consolazione, e se noi avessimo voluto esplicare con voce quello che noi sentivamo nel cuore, per lo difetto della lingua umana, la quale non può chiaramente esprimere li misteri segreti di Dio, ci sarebbe stato piuttosto a sconsolazione che a consolazione. E però sappiate di certo che il re si partì mirabilmente consolato».

A laude di Gesù Cristo e del poverello Francesco. Amen.