Fortuna, a cui el mondo è sottoposto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
italiano

Antonio da San Miniato XV secolo F poesie letteratura Fortuna, a cui el mondo è sottoposto Intestazione 18 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Fortuna, a cui el mondo è sottoposto,
ignorante m'ha messo, [a dire] in rima,
avendo l'alma a gran cose disposto.

O sagro Appollo, l'ornata tua lima
5opera in me con ogni ingegno e arte,
acciò che del mio dir sia fatto stima!

E tu fratel di Giove, o sagro Marte,
alla tua deità ricorro ogni ora,
ché spero dir di te la maggior parte!

10O Caliopè, che Parnasso onora
colle compagne tue superbo coro,
che io non sia del vostro aiuto fora!

Porgete aiuto al detto mio sonoro,
perch'io stimo sanza vostro segno
15non esser sofficiente al mio lavoro;

fate bastare a me tanto lo 'ngegno
che tedio non venisse a' circostanti
e che 'l mio lavor paia lor degno;

fate e carmini mie esser servanti
20quale a quel ch'a operare si richiede,
usando aperte note e degni canti!

Folle è colui che faticando crede
aprestar quel che niega la ragione,
ché perde spesso il tempo e no' s'avede.

25Però principio darò al mio sermone;
acciò ch'io mostri allo scriver l'effetto,
alla mia barca volgerò il timone.

O gran re d'Araona, qual dispetto
t'ha fatto venir contro al fiorentino
30popul, che t'era servidor perfetto?

Credi tu sempre aver prono il destino
e che Fortuna ti sia tanto amica
ch'ella non voglia mancarti, Re, el dimino?

Ricordati di Cesar la fatica,
35quanto in altura e in basso
pervenne e fu la sua vita mendica!

Ricordati di Roma el gran fracasso,
che, dominando gran parte del mondo,
Fortuna la fé poi tornare in basso!

40O falso Re, i tuoi sottil disegni
non ti rïusciranno del[le] iure:
ver no' non de' tener tuoi sensi pregni

e perché la cosa è in forse, o pure
noi sperïamo al buon provedimento,
45che non ci prenderai così di fure.

O lungi, Re, tuo mal pensamento
tu irne a noi a farci disinore,
ché vedi che n'andasti malcontento!

O Marte, nostro segno e protettore,
50tu già ci liberasti nel pisano
terren, quando acquistamo tanto onore;

e 'l giorno dell'apo[sto]lo sovrano
tu sollevasti el borgo sotto Anghiari
e 'l sagro popul tutto con giusta mano!

55Adunque e' preghi nostri non son rari
a domandare aiuto or che bisogna;
però libraci da' nostri aversari!

Quante volte intervien che l'altrui rogna
crede grattar che mostra il suo male,
60e son le voglie sue come un che sogna.

Tu hai la fama e nome di reale,
ma' gesti tuoi alle imprese che fai
non ti fanno allo escetro essere equale.

Tu debbi alla giustizia sempre mai
65por la corona e colla benda scesa
(d')insegnar la cagion ch'affermerai:

quale è quella cagion, sagra Maesta,
(che) ti fé passare in nostro terreno,
disiderando incoronar tua testa?

70Credi tu che ci venga el mondo meno?
credi tu fare a no' come a Renato,
che indegnamente gli mettesti il freno?

Non t'essere in disegni confortato,
né per frode sottometter nostro segno,
75però che tu aresti invan pensato;

non pensar tu incoronarti del regno
d'Italia per forza di tua gente,
perché el nome tuo non è ben degno.

Noi ci aterem con quel dire eminenti
80che 'l buon Giovanni Aguto ci disse,
che sempre guadagnò co' discendenti.

E se l'autor, che pone, el ver ne disse,
Darïo re, che fu sì copïoso
di gente, vedi che Allesandro lo sconfisse.

85Più volte fu già alcuno vetturioso
verso il popul roman; vedi che poi
fu di lui, ch'el fenìe assai doglioso.

El barbero Anibàle lui e' suoi
credette avere Roma in sua balìa:
90del tutto fa aver sua nota a noi.

Costor, torcendo alla ragion la via,
cupidi della voglia del dimino
Fortuna diè lor poi tal ricadia.

Quanto torto fai al fiorentino,
95che a tua testa sempr'ha riverenza,
tenendoti per ottimo vicino!

Né più di Cesar fu impalidita
la fronte allor che 'l suo parente Bruto
si dimostrò per torre a lui la vita,

100quando ciascun di noi ebbe veduto
il venir tuo sanza ottima cagione,
conoscendo perché eri venuto.

Fortuna ti tien dritto il gonfalone;
ma guarda ch'or giustizia nollo abassi,
105ché spesso son invan gli openïone.

Non credette Parìs che' sua passi
fussin cagion di sottometter Troia,
né che (la) nimica gente l'acquistassi.

Credette Catellina aver gran gioia,
110avendo Fiesole al suo segno recato;
tu vedi che lasciò il nome a Pistoia.

Ventura t'ha gran tempo seguitato
nelle tue imprese; mancando, forse ancora
ella potrebbe lasciarti disolato

115el ben, che d'alcun modo non si cont'ora.
Tu pure non ci ha' al mondo aprezzati,
quanto meriterebe tua dimora.

El ciel, le stelle, e pianeti e' fati
ci prometton vittoria contro a te,
120po' che contro al dover ci hai stimolati.

Noi pure abbiamo a Dio ritta la fé
che la tua gran superbia non ci danni,
e groria n'aspettian contro a te, Re.

O sagro nostro pastor san Giovanni,
125tu sempre fusti di noi avocato,
per trarci da' dolori e futur danni,

con giusta pace il popul tuo sagrato
fiducia avendo all'usitato amore,
che inverso a questa patria ha' dimostrato!

130E tu, che fusti nostro buon pastore,
Zanobi santo, colle giunte mani
pregando te colla mente e col core

ch'a questi nostri punti estremi e strani
ci sia p¢rto l'aiuto in questo istremo,
135che noi otteniam contro a Catalani!

La fantasia mi vien ognor più meno;
adunque il pregar nostro s'asaldisca,
fatto nel tempio vostro alto e sereno,

che questo gran[de] re non preterisca
140far contra noi, poi che giustamente
non è dover che sua impresa finisca.

E, quanto noi possiamo, umilemente
preghiam la Somma Bontà infinita
ch'aiuto ci conceda verilmente.

145Come diliberasti della vita
el tuo profeta Giona, così voglia
libera mantener Firenze ardita,

ché costui, che cerca maggior soglia,
contro ogni ragione oppressando,
150da sua potenzia tua virtù ci scioglia,

ciascun te umil sovente pregando
che ci difenda dal crudelle artiglio
di questo re, che ci crede avere in bando

e liber mantenere il nostro giglio!