Freschi fior dolci e violette, dove

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Buonaccorso da Montemagno il Vecchio

XIV secolo Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Freschi fior dolci e violette, dove Intestazione 13 giugno 2020 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 334 modifica]

     Freschi fior dolci e vïolette, dove
Spiran euri d’amor, zefiri lieti;
Belli alti vaghi e gentil laüreti,
4Dove un bel nembo rugiadoso piove;
     Cara leggiadra selva, onde Amor move
Mio cor negli alti suoi pensier secreti;
Rivi erranti puliti ombrosi e cheti,
8Possenti a far di sete accender Giove;
     Quanto mirabilmente il viver mio
Trasformato s’è ’n voi in nuova sorte
11Data dal dì delle mie prime fasce!
     Qui vivo all’ombra, onde fuggir m’è morte;
Qui dolce aura d’amor, quant’i’ disìo,
14Sol mi nutrica m’alimenta e pasce.