Fuggit'è ogni virtù, spent'è il valore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Boccaccio

XIV secolo F Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Fuggit'è ogni virtù, spent'è il valore Intestazione 8 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 323 modifica]

     Fuggite ogni virtù, spente il valore
Che fece Italia già donna del mondo;
E le Muse Castalie sono in fondo,
4Nè cura quasi alcun del loro onore.
     Del verde lauro più fronda nè fiore
In pregio sono; e ciascun sotto ’l pondo
Dell’arricchir sottentra; e del profondo
8Surgono i vizi trïonfando fore.
     Per che, se i maggior nostri hanno lasciato
Il vago stil de’ versi e delle prose,
11Esser non dêti maraviglia alcuna:
     Piangi dunque con meco il nostro stato
L’uso moderno e l’opre viziose
14Cui oggi favoreggia la fortuna.