Guida al Lago d'Iseo ed alle Valli Camonica e di Scalve/Il lago d’Iseo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Da Brescia ad Iseo

../Storia del lago d’Iseo IncludiIntestazione 30 agosto 2011 100% Da definire

Da Brescia ad Iseo Storia del lago d’Iseo
[p. 9 modifica]

Il lago d'Iseo.


Fra i grandi laghi a’ piedi delle Alpi, il bel lago di Iseo è, dopo quello di Garda, il meno elevato. Giacchè mentre il lago di Garda è sul livello del mare in media metri 64, gli altri stanno a queste elevazioni:

Lago d’Iseo metri 185 1
" Maggiore " 194
" di Como " 198
" di Varese " 235
" di Lugano " 272
" di Ginevra " 376
" d’Idro " 378
" di Zurigo " 409
" di Levico " 432
" di Ledro " 695
" di Poschiavo " 963
" di Salarno " 2059

Il Garda è profondo metri 584, il Sebino 250 fra Siviano e Tavernole.

Rispetto ad estensione, quello d’Iseo o Sebino è inferiore a que’ grandi laghi, ma supera quelli di Varese, di Lugano, d’Idro. [p. 10 modifica]

Sta loro in queste proporzioni:

mentre il lago di Ginevra è chilometri quadrati 577
quello di Garda è chilometri 370
il Maggiore 199
quello di Como 152
quello di Zurigo 152
quello d’Iseo 61
quello di Lugano 48
quello di Varese 16
quello d’Idro. 14

Il lago d’Iseo all’epoca glaciale preistorica si estendeva sino a Torbiato e Monterotondo, dove le collinette appaiono morene o muraccie depositate dai ghiacciai. Sciolti i quali si riversò verso Paratico, facendo isola la collinetta portante ora la parrocchiale, finchè qualche fenomeno vulcanico aperse all’Oglio il varco attuale. Ed allora ne’ primi tempi della storia, il livello del lago fu almeno tre metri più depresso che l’attuale, come appare dall’infimo letto delle torbiere d’Iseo e di Pisogne, e dai luoghi ove si trovano carboni e lavori umani ad Iseo, a Clusane. A Palazzolo nel 1766 si cavò una trave a sei metri sotto l’attuale livello dell’Oglio. Una parte almeno dell’attuale torbiera dovea essere colta ai tempi romani, perchè sino al secolo nostro un grande tratto centrarle di essa chiamavasi breda (praedias) magna, e la rasentava la via della regina. [p. 11 modifica]

Interramenti naturali ed ostacoli artificiali all’emissione del lago andavano dunque provocando innalzamento del di lui livello medio, ed alluvioni. Onde i riverani dovettero parecchie fiate unirsi per rimuovere quegli ostacoli. Iseo nel 1545 alzò argini a difesa de’ suoi campi bassi, e fu principale provocatore della legge colla quale il Capitano di Brescia Leonardo Donato nel 1680 regolò l’emissario del lago, legge che dopo il 1712 fu trascurata, onde il lago d’Iseo il 31 ottobre del 1823 salì a metri 2,04 sopra la media, ed a metri 2,04 il 25 maggio del 1839. Allarmati gli abitanti sul lago, il 27 maggio del 1858 in Iseo si costituirono in Consorzio per regolare l’emissario, e l’anno dopo presero a rimuovere gli intoppi. Onde alle generali alluvioni de’ laghi nella Valle del Po, che fecero salire il Maggiore 7 metri nel 1868, 4,80 nel 1872, il lago d’Iseo toccò solo questi aumenti massimi: metri 1,96 il 5 ottobre 1868, metri 1,46 il 10 maggio 1872. Le piene del Garda poi riescono generalmente la metà di quelle del Sebino. L’emissario del lago viene ostruito specialmente dalle ghiaìe del torrente Guerna scendente da Drera (Adrara), il quale ebbe massime piene il 7 agosto 1779 ed il 14 pure agosto del 1850.

In questo lago fu sempre libera la pesca, tranne all’emissario, ed in alcuni luoghi riposti, ove si posero peschiere private presso le rive. Il Sebino era [p. 12 modifica]già ricco di pesce, ma si ridusse a grande povertà per abusi di pesca con reti distruggenti uova e neonati; reti e modi sempre proibiti dalle leggi, ma inutilmente. I migliori de’ pesci suoi sono: la tinca, la sardella, il persico, la trota. Pare che anticamente avesse anche il carpione, che ora è speciale del Garda, al quale manca il persico, e dal 1800 ha la bosa trisa (bottatrice) propria del lago di Como, e portataci da Pietro Parigi di Sarnico. Il decreto ministeriale 7 aprile 1868 approvò un savio Regolamento di pesca su questo lago, surrogato da quello 13 giugno 1880.

Note

  1. I calcoli per la ferrovia trovarono il di lui livello a m. 189. Il genio militare nel 1885 lo trovò di m. 187. Samoiraghi la verificò di 185.