I pettegolezzi delle donne/Atto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 23 gennaio 2020 75% Da definire

Personaggi Atto II

[p. 437 modifica]

ATTO PRIMO.
SCENA PRIMA.
Camera di Checchina.

Checchina a sedere nel mezzo, Beatrice ed Eleonora a sedere vicino a Checchina, donna Sgualda appresso a Beatrice, e donna Cate1 appresso ad Eleonora.

Beatrice. Via, sposina, state allegra.

Eleonora. Questa per voi è una giornata felice.

Checca. Oh siora sì, no vorla che staga aliegra? Son novizza2.

Sgualda. Oe, zermana3, quando vienlo sto to novizzo?

Checca. Sior pare ha dito che adessadesso el vien. [p. 438 modifica]

Guglielmo. Oe, Checca, to compare t’alo mandè la banda4?

Checca. Gnanca un fior nol m’ha mandà.

Guglielmo. Oh che spilorza5che el xe!

Sgualda. T’alo manda confetti?

Checca. Gnanca un fià de tossego6.

Sgualda. Oh che arsura7! Va là, che ti gh’ha un bel compare.

Beatrice. E per questo? Perchè il signor Pantalone non manda, non spende, non è un galantuomo? Gran lingue avete voi altre donne.

Sgualda. Oh la varda, cara ela, che la nostra lengua no sarà compagna della soa.

Eleonora. Mi pare che dovreste avere un poco di rispetto per le persone civili.

Sgualda. Cate, cossa distu? Astu sentìo?

Guglielmo. Oh che caldo! Me vien su le fumane8 de Pasqua matta.

Checca. Oe, zermane, voleu aver giudizio?

Sgualda. Quando vienlo sto to novizzo? Cate, aria.

Guglielmo. Gnanca in te la mente.

Beatrice. Donna Sgualda, perchè non andate a vendere i vostri abiti vecchi e le vostre galanterie?

Sgualda. Ancuo9 no vendo, la veda, lustrissima; gh’ho da magnar, sala, siben che no vendo.

Eleonora. E voi oggi non lavate? (a Cate)

Guglielmo. Oh, no la s’indubita che le so strazze de camise le sarà lavae.

Eleonora. Come parlate? Mi parete una impertinente.

Guglielmo. Sgualda, Sgualda, se scalda i ferri.

Eleonora. Orsù, Checca mia, voi mi avete invitata alle vostre nozze, ed io, e per la vicinanza, e perchè voglio bene a Beppo, che è figlio del mio fattore, ci sono venuta; ma con questa sorta di gente io non voglio addomesticarmi.

Checca. Cara lustrissima, no la vaga via. [p. 439 modifica]

Guglielmo. Oe Sgualda, tìrete in là, che no ti la insporchi.

Sgualda. Oh, che cara matta che ti xe. (s’allontanano un poco)

Beatrice. Noi siamo qui per far piacere a Checchina, e voi abbiate creanza.

Sgualda. Pàrlela co mi?

Beatrice. Sì, con voi.

Sgualda. Cate, la parla con mi, sastu?

Guglielmo. No ti ghe sa responder?

Checca. Voleu taser?

Guglielmo. Oe, vien el novizzo.

Checca. E ghe xe mio pare, e ghe xe sior compare.

SCENA II.

Pantalone, paron Toni e Beppo.

Toni. Checca, fia mia, aliegri. Nozze, nozze, aliegri.

Sgualda. Che belle nozze senza confetti!

Pantalone. Siora comare, me consolo con ela.

Checca. Grazie, sior compare.

Guglielmo. Sior compare, quando se fale ste nozze?

Pantalone. Ancuo, stasera.

Guglielmo. Semo molto sutti10.

Pantalone. Aspettè, che se bagnaremo11.

Toni. Via, sior novizzo, vegnì avanti. Gnanca no la vardè la novizza?

Beppo. Dove voleu che vaga? Ghe xe tante donne, che le me confonde.

Toni. Aveu paura de no trovar la novizza? No podè fallar. La xe la più zovene e la più bella.

Guglielmo. Oh, la più zovene no.

Sgualda. Oh, gnanca la più bella.

Beppo. O zovene, o vecchia, o bella, o brutta, se ghe fusse un poco de liogo, me senterave arente12 de ela. [p. 440 modifica]

Pantalone. El gh’ha rason. El novizzo ha da star arente la novizza. Le favorissa, le se retira un pocherto più in zo, e le ghe daga un poco de liogo.

Eleonora. Io son pronta; basta che questa femmina si tiri più in là.

Guglielmo. Oh, in verità che sta femena no se move dalla so cariega13.

Beatrice. Via, Checca, sedete voi sulla mia sedia, che donna Sgualda mi darà la sua e anderà a seder in un’altra.

Sgualda. Dove che la vol che vaga mi, la pol andar ela.

Pantalone. Via, siore, bisogna ceder el liogo a chi lo merita.

Sgualda. Oe! A chi lo merita? Ben, se no lo merito, no lo voggio. Zermana14, a revèderse. (s’alza)

Checca. Dove andeu?

Sgualda. No sentìu? Cedo el liogo a chi lo merita. Sior compare comanda, e ti ti tasi; bisogna che ti sappi, come che ti sta.

Toni. Come! Cossa vorressi dir?

Sgualda. Eh, m’intendo mi, co digo torta15 Lustrissima, cedo el liogo a chi lo merita, la se comodi. Sentì, sa, Checca, no me invidar mai più. In casa toa no ghe metto più ne piè, nè passo. A una donna della mia sorte farghe sto boccon de affronto? Se fa più conto de una foresta16, che no xe d’una zermana! In malora quanti che sè; pare matto, fia senza cervello, compare spilorza, novizzo spiantà, lustrissima de favetta17. (parte)

Beatrice. Io credo che colei sia pazza.

Guglielmo. Eh, cara siora, la pazza la gh’ha più cervello de ela.

Eleonora. Come parlate?

Guglielmo. Colla bocca.

Eleonora. Orsù, stando più qui, si pone a rischio il decoro. Sposa, addio, con queste femmine impertinenti non ci voglio più stare. (parte)

Guglielmo. Polentina, polentina.

Beatrice. Cos’è questa polentina? [p. 441 modifica]

Guglielmo. Cara ela, la me piase, la nomino. Ghe fala vegnir l’acqua in bocca?

Beatrice. Voi mi fate venir volontà di trattarvi come meritate; ma per non far un dispiacere a questa buona ragazza, mi contento di andarmene, e vi dico, che se non modererete la lingua, ve la farò tagliare. (parte)

Guglielmo. Oh che spasimi! Oh che dolori!

Toni. Saveu cossa che v’ho da dir, siora? Ghe in casa mia no voi dottorezzi; che se sè stada invidada, tratte con civiltà, e se no la savè la civiltà, andè a far i fatti vostri.

Guglielmo. Sì? Me mandè via? No se degno d’averme. Oe, ve ne pentirè.

Checca. vago via, sastu? Ma vôi che ti te recordi de Cate lavandera. (parte)

SCENA III18.
Checca, Beppo, Pantalone, paron Toni.

Pantalone. Oh che bella conversazion! Oh che parentà che gh’avè! (a Toni)

Toni. Gh’ho gusto che le sia andae via. Faremo meggio le nostre cosse tra de nualtri. Ghecca, xe qua el novizzo, xe qua el compare; se ti vol l’anello, Beppo te lo darà. Siben che no ghe xe comarezzo19, n’importa, no mancherà tempo de far un poco de tibidoi20.

Checca. Per mi, co ghe xe Beppo, ghe xe tutto el mondo.

Beppo. E mi no desidero altro che la mia Checca.

Pantalone. Via, tiolè: questo xe l’anello, mettèghelo in deo. (a Beppo)

Beppo. Come se fa? Insegnème.

Pantalone. Oh che omo! Ghe vol tanto? Cussì se fa. (prova a mettere l’anello a Checca)

Beppo. Via, via, farò mi. No ve onzè21 le man. [p. 442 modifica]

Pantalone. Seu zeloso? Son vostro compare.

Beppo. La diga, sior Pantalon, co el compare l’ha dà22 l’anello, l’ha fenio?

Pantalone. Sì ben, se volè, averò fenio.

Toni. Eh via! Seu matto? No cognossè sior Pantalon? No savè che omo ch’el xe?

Pantalone. Compare, xe 24 ore sonae. Ho desparecchià, ho desarmà la barca, e no so più bon da vogar.

Beppo. Oh che caro sior Pantalon! El me fa da rider. Via, vardè se fazzo pulito. (mette l'anello a Checca)

Checca. Me sposelo adesso?

Toni. Siora no, el ve dà el segno23.

Checca. Che bisogno ghe xe de segno? El me pol sposar alla prima.

Toni. Bisogna far le cosse una alla volta.

Checca. Oh, co bello che el xe sto anello!

Pantalone. Ve piaselo?

Checca. Me piase l’anello, ma me piase più chi me l’ha dà.

Pantalone. Mi ve l’ho dà.

Checca. Eh, digo chi me l’ha messo in deo.

Pantalone. Oh putti, me consolo. Vago a far i fatti mii. El ciel ve benediga; se ve bisogna qualcossa, comandème. (Oh che bella cossa che xe l’esser zoveni! Ma pur, siben che son vecchio, sta fonzion la farave anca mi. Fina el segno lo daria, ma per de più no me posso impegnar). (da sè, e parte)

SCENA IV24.
Checca, Beppo, paron Toni.

Toni. Via, Beppo, se ave da far qualcossa, andè.

Beppo. Eh, non ho da far gnente.

Toni. Se no gh’ave da far vu, ho da far mi; andemo. [p. 443 modifica]

Beppo. (Ho inteso; nol vol che staga qua). (da sè) Checca, a revèderse.

Checca. Beppo, voggieme ben.

Beppo. Sto cuor xe vostro.

Checca. Sia benedetto el to cuor.

Toni. Do novizzi che se vol ben, la xe una gran bella cossa. (parte)

Beppo. Cara culìa25! (parte)

Checca. Caro colù26! Son la donna più contenta che sia a sto mondo. Quelle care mie zermane le me aveva fatto vegnir caldo; ma de ele no ghe ne penso. Co Beppo me vol ben, co Beppo xe mio, ghe n’indormo a27 tutte ste pettegole, e no le vôi praticar. (parte)

SCENA V28.
Strada.
Donna Cate con cestello di panni bianchi.

Merlino con cesta in testa.


Guglielmo. Via, andemo a portar sti drappi. Anemo, cammina.

Merlino. Oh, chisso lavorare non me peace.

Guglielmo. Se ti vol magnar in sto paese, bisogna che ti laori.

Merlino. Me peace chiù battere la birba, domannà la lemosena.

Guglielmo. Certo; se ti domanderà la limosina, tutti te cazzerà via; va a laora, i te dirà: furbazzo, va a laora.

Merlino. Eh, io saccio fare lo mestiere mio. Varda: uno poco de lemmosena a chisso povero monco. (fa il monco) Facite la caretà a chisso povero stroppiato. (fa lo stroppiato) La caretà a lo povero cieco. (fa il cieco) Moveteve a compassione de uno povero fravecatore, che caduto da una fraveca no po chiù lavorà. (cammina col preterito e colle mani) [p. 444 modifica]

Guglielmo. Va là, che ti xe un bel fior de vertù! De che paese estu?

Merlino. Songo no degnissimo lazzarone napoletano.

Guglielmo. (Oh, da costù no me fazzo portar altro la cesta. El xe un baroncello, che me pol robar). (da sè) Tiò una gazzetta29, e va a far i fatti toi.

Merlino. No me bolite chiù?

Guglielmo. No, no vôi altro.

Merlino. Managgia chi t’ha figliato, che te pozza vegnì tanti cancari, quanti ponti sono in tutta la giancheria de chisso cesto. Managgia pareto, mammeta, e tutta la generazione toia.

Guglielmo. Di’ quel che ti vol, za mi no t’intendo.

Merlino. Bidè, bidè, chi te bole.

Guglielmo. Cossa?

Merlino. Ghe tu puozze morì de subeto. T’hanno chiamato.

Guglielmo. Ghi m’ha chiama?

Merlino. Na segnora. Lì lì, na segnora.

Guglielmo. Dove? Mi no la vedo.... xela quella? (si volta, e Merlino ruba una camicia)

Merlino. Creato de bossoria.

Guglielmo. Cossa diavolo distu, papagà maledetto?

Merlino. Pozz’essere accisa.

Guglielmo. Cossa distu?

Merlino. No m’hai caputo?

Guglielmo. No, non t’ho capuo.

Merlino.

Merlino.E se tu no m’haie caputo,

     Sarai figlia de patre cornuto.
     No malanno lo cielo te dia.
     Mille cancari a bossoria. (cantando e saltando parte)

Guglielmo. Oh siestu maledetto! Mi no l’intendo ben, ma credo che el m’abbia mandà30. Oe, anca mi lo mando col cuor. Me despiase de sta cesta; ma m’inzegnerò a portarla mi. [p. 445 modifica]

SCENA VI31.
Donna Sgualda con roba da vendere, e detta.

Sgualda. Oe, Cate, qua ti xe? Cossa distu de quelle lustrissime?

Sgualda. Cara ti, tasi, che ti me fa vegnir el mio mal.

Guglielmo. Cosa gh’astu de bello da vender?

Sgualda. Oh’ho una bella carpetta32 e una bella vestina. Ti che ti pratichi per ste case, varda de farmela dar via.

Guglielmo. Perchè no? Che la mostristu a Checca?

Sgualda. No la xe miga roba da par soo.

Guglielmo. Oh, cossa distu? No ti vedi in che boccon de aria che i l’ha messa?

Sgualda. Certo che quel mio zerman xe un pezzo de matto a spender tanti bezzi intorno so fia.

Guglielmo. Credistu che el spenda elo? Uh, povera matta!

Sgualda. Mo chi spende?

Guglielmo. Oe! sior compare.

Sgualda. chi? Sior Pantalon?

Guglielmo. Giusto elo.

Sgualda. Mo se no l’ha compra gnanca quattro confetti!

Guglielmo. Ben; nol pol miga far tante cose. Co el li spende da una banda, no el li spende dall’altra.

Sgualda. E mio zerman no dise gnente?

Guglielmo. Cossa vustu che el diga? El lassa che i fazza.

Sgualda. Lo compatisso; finalmente no la xe so fia.

Guglielmo. Cossa distu? Checca no xe so fia?

Sgualda. Oe, me promettistu da donna onorata de no dir gnente a nissun?

Guglielmo. Oh, no gh’è pericolo che parla.

Sgualda. Varda ben, veh? No lo dirave a nissun a sto mondo, altri che a ti. [p. 446 modifica]

Guglielmo. a mi ti me lo poi dir; ti sa che donna che son.

Sgualda. Checca no xe fia de nostro zerman.

Guglielmo. Oh, cossa che ti me conti! Dime mo: de chi xela fia?

Sgualda. No so. Donna Menega, bona memoria, muggier de paron Toni, l’ha confidà a mia mare, e mia mare me l’ha confidà a mi.

Guglielmo. Ma dove l’hai abua33?

Sgualda. Vedeu? Paron Toni va a viazzando co la so tartana. I dise che l’abbia trova sta putta fora de qua. Chi dise che la sia una mula34; chi dise che la sia un potacchietto35 de paron Toni; chi dise che la sia una fufigna36 de donna Menega; tutti dise la soa.

Guglielmo. Dunque sta cosa la se sa da tutti.

Sgualda. Oh, no37 da tutti. No lo sa altro che le mie amighe, che pratico tutto el zorno, e ti sa chi le xe; no gh’è pericolo che le parla.

Guglielmo. Ma gh’ho ben gusto, che ti me l’abbi contada a mi.

Sgualda. Oh, vago via. A revèderse. Vôi andar a veder, se Checca vuol comprar sta roba.

Guglielmo. Varda che no ghe sia le lustrissime.

Sgualda. Cossa credistu, che gh’abbia paura? Eh, co mi bisogna che le tasa, perchè so tutti i so pettoloni38. (parte)

Guglielmo. Oh, vardè, chi l’avesse mai dito! Checca no xe fia de paron Toni. E mi l’ho trattada da zermana. Ben ben, se vegnirà l’occasion, se la gh’averà ardir de slongar la lengua con mi, saverò la maniera de mortificarla.

SCENA VII39.
Anzoletta sartora, e Cate.

Anzoletta. Oe, siora Cate, cara vu, insegnème dove che sta de casa siora Checca vostra zermana. [p. 447 modifica]

Guglielmo. Vardè, fia; andè zo per cale40, passè41 el ponte, vedere a man zanca42 una corte, la xe la terza porta a man dretta.

Anzoletta. Grazie tanto.

Guglielmo. Cossa andeu a far da Ghecca?

Anzoletta. Che porto una vestina, che gh’ho fatto suso da niovo.

Guglielmo. Lassè veder mo.

Anzoletta. Vardè co bella che la xe.

Guglielmo. Oro? Oro, patrona? Povera sporca! Oro?

Anzoletta. Ve fè maraveggia?

Guglielmo. No voleu che me fazza maraveggia? E quel matto de mio zerman lassa che la fazza?

Anzoletta. La xe so fia, el ghe vol ben.

Guglielmo. Sì ben, so fia!

Anzoletta. Come! No la xe so fia!

Guglielmo. Oe, me prometteu de taser?

Anzoletta. Oh, mi no parlo. Savè che putta che son.

Cate. Ghecca no xe fia de mio zerman Toni.

Anzoletta. Oh caspita43! De chi xela fia?

Guglielmo. Sentì... ma zitto, vede.

Anzoletta. Oh, no ve dubitè.

Guglielmo. La xe una mula.

Anzoletta. Oh, cossa che me contè!

Guglielmo. Ve lo confido a vu, che so che se una putta prudente...

SCENA VIII44.
Facchino e dette.

Guglielmo. Oe, quel zovene, me faressi un servizio coi mi bezzi?

Facchino. Ve lo farò anca senza bezzi.

Guglielmo. Me porteressi sta cesta de drappi?

Facchino. Volentiera. [p. 448 modifica]

Guglielmo. Presto, andemo, perchè ghe xe un lustrissimo che no se leva dal letto, se no ghe porto la camisa da muarse. (parte col facchino)

Anzoletta. Donca Checca no xe fia de paron Toni? La xe una... sior sì e ste cosse45; e Beppo la sposa, el me lassa mi per ela? E mi laorerò per una etecettera46? No vôi gnanca portarghe più sta vestina; se la la vol, che la la manda a tor; anderò a portar l’andrien alla lustrissima. Una sartora della mia sorte no serve quella sorte de zente. (parte)

SCENA IX47.
Camera di Beatrice.
Arlecchino, poi Beatrice.

Arlecchino. O de casa! Gh’è nissun?

Beatrice. Chi sei?

Arlecchino. Son el servitor del me padron.

Beatrice. E il tuo padrone chi è?

Arlecchino. L’è quello che me manda a reverirla, e dirghe se la xe contenta.

Beatrice. Di che?

Arlecchino. Per dirghela in confidenza, no m’arrecordo altro.

Beatrice. Sei un servitore di garbo.

Arlecchino. Ma se contentela, o no se contentela?

Beatrice. Se non so di che, non ti posso rispondere.

Arlecchino. El patron aspetta la risposta.

Beatrice. Ma chi è il tuo padrone?

Arlecchino. No la lo cognosse el me patron?

Beatrice. Se mi dirai chi è, vedrò se lo conosco.

Arlecchino. Ma lo cognossela, o no lo cognossela? [p. 449 modifica]

Beatrice. Sinora non lo conosco.

Arlecchino. Donca co no la lo cognosse, servitor umilissimo.

Beatrice. Dove vai?

Arlecchino. Vado via; co no la lo cognosse, averò fallà. Ghe baso la man.

Beatrice. Ma senti. Il tuo padrone da chi ti ha mandato?

Arlecchino. El m’ha manda.... el m’ha manda.... Chi èla vussioria?

Beatrice. Io sono Beatrice Anselmi.

Arlecchino. Giusto dalla signora... Radice di Seleno.

Beatrice. E cosa vuole da me?

Arlecchino. El m’ha dit che la reverissa, e che ghe domanda se l’è contenta.

Beatrice. Ma contenta di che?

Arlecchino. Oh bella! Cossa gh’intrio mi in ti interessi del me patron?

Beatrice. (Oh povera me!) (da sè) Il vostro padrone chi è? Chi è? Chi è48?

Arlecchino. No la ziga49, che no son sordo. Siora sì, l’è lu che el me manda, e se nol m’avesse manda lu, mi no la manderia ela.

Beatrice. Che tu sia maledetto! Non sai rispondere a tuono?

Arlecchino. Oh, ve casca la testa! No me savè intender.

Beatrice. Va via di qui, pezzo d’asino.

Arlecchino. Grazie, a bon reverirla.

Beatrice. Lasciano la porta aperta, ed entrano i bricconi.

Arlecchino. La diga: èla contenta, o non èla contenta?

Beatrice. Di che?

Arlecchino. Che el me padron vegna a reverirla?

Beatrice. Ah, dunque il tuo padrone vuol venire da me?

Arlecchino. Siora sì, ghe l’ho dito diese volte.

Beatrice. E chi è il tuo padrone? [p. 450 modifica]

Arlecchino. Come! No la lo cognosse? El vegnirà in persona a farse cognosser.

Beatrice. Se verrà, lo vedrò.

Arlecchino. El vegnirà, e el ghe farà veder chi l’è el sior Lelio Ardenti.

Beatrice. Ah, Lelio Ardenti è il tuo padrone?

Arlecchino. Èla contenta, o non èla contenta?

Beatrice. Ora ti ho capito. Il signor Lelio Ardenti vuol farmi una visita, e manda a vedere s’io sono contenta, non è vero?

Arlecchino. E tanto ghe vol a capirla? Mo andè là, che sì una gran zuccona50.

Beatrice. E tu sei spiritosissimo.

Arlecchino. Lo cognossela?

Beatrice. Lo conosco.

Arlecchino. Ela contenta?

Beatrice. Sono contenta.

Arlecchino. Se l’è contenta ela, no son contento mi.

Beatrice. Perchè?

Arlecchino. Perchè no la me donà gnente.

Beatrice. (Voglio liberarmi da questo pazzo). (da sè) Tieni, ecco un paolo, sei contento?

Arlecchino. Siora sì. Ela m’ha contentà mi, e vegnirà el me patron a contentarla ela. (parte)

SCENA X51.
Beatrice sola.

Che diavolo di servitore ha trovato il signor Lelio?... Ma veramente è degno dî lui. Pazzo il padrone, e pazzo il servo, e miserabili tutti due. È curiosissimo quel caro Lelio. Fa l’innamorato con tutte, e non ha un soldo. Tutte lo burlano, e non se ne accorge. (parte) [p. 451 modifica]

SCENA XI52.
Anzoletta e detta.

Anzoletta. Lustrissima, con so bona grazia.

Beatrice. Oh Angioletta, ben venuta. Avete accomodato l’andriè?

Anzoletta. Lustrissima sì. L’ho slargà un pochetto sotto i brazzi, come che l’ha m’ha dito e l’ho stretto in centura un deo53 per banda. Se la se lo vol provar, son qua a servirla.

Beatrice. Non vi è bisogno. Quando avete fatto quello che abbiamo detto, anderà bene.

Anzoletta. La vederà che el ghe anderà depento. (lo mette sul tavolino)

Beatrice. Cosa avete di bello in quel taffettà?

Anzoletta. Una vestina per una putta. L’aveva tolta per portarghela, ma ho savesto certe cose, e no ghe la porto altro.

Beatrice. E chi è questa putta?

Anzoletta. No la la cognosserà. La xe Checchina, fia de paron Toni.

Beatrice. Oh, la conosco. È la sposa di Beppo. Perchè dite di non volerle portar la vestina?

Anzoletta. Per un certo negozio... Basta, no vôi dir gnente.

Beatrice. Via, a me lo potete dire. Io non sono una ciarliera.

Anzoletta. So che la xe una signora prudente, e a ela ghe lo confiderò; ma per amor del cielo, che nissun sappia gnente.

Beatrice. Via, non dubitate.

Anzoletta. Ho savesto che no la xe fIa de paron Toni, che la xe una bastarda.

Beatrice. Dite da vero?

Anzoletta. Lo so de seguro.

Beatrice. E Beppo lo sa?

Anzoletta. Bisogna che noL lo sappia. Se el lo savesse, noL faria sto sproposito.

Beatrice. Povero giovine! Non saprà niente.

Anzoletta. Anzi... El me fava l’amor a mi... E per causa de [p. 452 modifica] culìa, el m’ha lassa... Se el savesse chi la xe, poderia esser che el me tornasse a voler ben.

Beatrice. Volete ch’io gliene parli?

Anzoletta. Oh no, cara lustrissima; no vôi che femo pettegolezzi. Cara ela, no la diga gnente a nissun.

Beatrice. Io non parlo.

Anzoletta. Se la me dà licenza, vago a laorar.

Beatrice. Andate, accomodatevi come volete.

Anzoletta. Bondì a vussustrissima... (Magari54 che Beppo me volesse; ma Checca me l’ha robà). (da sè, parte)

Beatrice. Costei è una buona ragazza, e ha un buon mestier nelle mani...

SCENA XII55.
Eleonora e Beatrice.

Eleonora. Amica, posso venire?

Beatrice. Mi fate piacere.

Eleonora. Cosa dite di quelle femmine impertinenti di questa mattina?

Beatrice. Cosa volete ch’io dica? Sono insolentissime.

Eleonora. Mi dispiace per quella buona ragazza di Checca, e per quel buon uomo di suo padre.

Beatrice. Ehi! Non sapete? Checca non è figlia di padron Toni.

Eleonora. No?

Beatrice. No certamente.

Eleonora. Chi ve l’ha detto?

Beatrice. Lo so di certo.

Eleonora. E di chi è figlia?

Beatrice. Lo sa il cielo.

Eleonora. E Beppo vuol fare un così bel matrimonio?

Beatrice. Povero giovine! è tradito. Non sa nulla. [p. 453 modifica]

Eleonora. Io a Beppo ho sempre voluto bene. Suo padre, che accudisce agli affari miei di campagna, me lo ha raccomandato, e non voglio lasciarlo precipitare.

Beatrice. Volete che lo mandiamo a chiamare?

Eleonora. Sì, mi farete piacere. Avvisiamolo il povero giovine.

Beatrice. Subito. Ehi, Checchino.

SCENA XIII56.
Checchino e dette.

Checchino. Signora, è qui...

Beatrice. Conosci Beppo?

Checchino. Sì signora, è mio amico.

Beatrice. Trovalo, e digli che venga qui, che gli vogliamo parlare.

Checchino. Sì, signora. Il signor Lelio Ardenti è qui, che vorrebbe riverirla.

Beatrice. Sì, sì, venga. (ridendo. Checchino parte) Lo conoscete il signor Lelio? È il ridicolo delle conversazioni.

Beatrice. Fa lo spasimato con tutte.

Eleonora. E muor dalla fame.

SCENA XIV57.
Lelio e dette.

Lelio. M’inchino a queste gentilissime dame.

Beatrice. Oh, un tuono più basso. Non siamo dame.

Lelio. Il vostro merito, signore mie, è grande, è grande il vostro merito.

Eleonora. Per meritar qualche cosa, bisognerebbe avere alcuna delle belle qualità, che adornano il signor Lelio.

Lelio. Io ho quella sola di essere adoratore della bellezza, ammiratore della grazia, e servitore umilissimo di lor signore. [p. 454 modifica]

Beatrice. Sempre più compito che mai.

Lelio. Vuol restar servita? (gli offre il tabacco con una scatola di legno)

Beatrice. Oh, quella non è scatola da par vostro.

Lelio. Questa? Perdonatemi. È orighella, legno indiano condito coll’olio del bene, che tiene fresco e umido il tabacco di Spagna.

Beatrice. Tabacco di Spagna? Sentiamo: oibò! Che roba è questa?

Lelio. Tabacco all’ultima moda. Favorisca. (ad Eleonora)

Eleonora. È molto secco.

Lelio. Credetemi, è perfetto. O caro! (ne prende)

Eleonora. Quanti anni ha questo tabacco?

Lelio. (Stranuta) Obbligatissimo alle loro grazie.

Beatrice. La vostra orighella lo tien poco fresco.

Lelio. (Stranuta) Non s’incomodino, è tabacco.

Eleonora. È buono. Fa stranutare.

Lelio. Scarica. Per me, che studio assai, è perfettissimo.

Beatrice. Studia molto vossignoria?

Lelio. Giorno e notte. Con permissione. (cava uno straccio di mozzichino pulito, ma rotto, e si volta a soffiarsi)

Eleonora. (Ah! Che bei mobili!) (a Beatrice)

Beatrice. (Povero spiantato!) (ad Eleonora)

Lelio. Sono stato alla fiera, ed ho provveduto dei bellissimi fazzoletti.

Beatrice. Doveva provvedere anco dei guanti.

Lelio. Eh, vi dirò: ho tagliate le dita, perchè m’incomodavano a scrivere.

Beatrice. Ah, vossignoria scrive coi guanti bianchi.

Lelio. Oh sempre, sempre! Mi piace la pulizia.

Beatrice. Ma questi non sono bianchi, sono sporchi.

Lelio. Sono un poco gialli, per ragione dei manichetti.

Eleonora. È vero. Anche i manichetti gridano: non mi toccate.

Lelio. Sono alla moda.

Eleonora. Alla moda i manichetti sporchi?

Lelio. Sì signora. Sappiate che a Parigi si tingono di giallo i manichettî di pizzo, acciò compariscano sempre nuovi.

Eleonora. È una bellissima pulizia.

Beatrice. É una cosa simile a quella delle calze color di mosto. [p. 455 modifica]

Eleonora. Eh, il signor Lelio va su tutte le mode.

Lelio. Eh, ho un poco di buon gusto.

Beatrice. E quel vestito è alla moda?

Lelio. Sì signora. Parigi.

Eleonora. E la parrucca?

Lelio. Londra.

Eleonora. E le scarpe?

Lelio. Inghilterra.

Eleonora. Inghilterra e Londra non è l’istesso?

Lelio. Oh no, signora.

Eleonora. Qual è la capitale dell’Inghilterra?

Lelio. London.

Eleonora. E Londra dov’è?

Lelio. Io credo sia nella Spagna.

Beatrice. Sì, bravissimo, nella Spagna. Il signor Lelio sa tutto.

Lelio. Qualche poco ho studiato.

Eleonora. Dove ha fatti i suoi studi?

Lelio. In Toscana, dove si parla bene.

Eleonora. Sarà cruscante.

Lelio. Sì signora, sono accademico della Crusca.

Beatrice. Ditemi un poco: con quanti zitta58 si scrive pazzo?

Lelio. (Mi burlano?) (da sè) Vi dirò, signora mia. Bisogna distinguere il genere mascolino dal femminino. Pazzo si scrive con due zitta, e pazza con quattro.

Eleonora. (Così burlando ci strapazza). (a Beatrice)

Beatrice. Caro signor cruscante, io credo che in testa abbiate più farina che crusca.

Lelio. Dirò...

Eleonora. Non solo siete infarinato, ma siete fritto.

Lelio. Certamente...

Beatrice. Siete fritto, ma non avete olio...

Lelio. Se non ho olio...

Eleonora. Non avete nè olio, nè sale.

Lelio. Eppure... [p. 456 modifica]

Beatrice. Non siete carne salata, siete carne secca.

Lelio. Ma lasciatemi dire.

Eleonora. Secca, arida, senza umido radicale.

Lelio. Poter del mondo...

Beatrice. Secca la persona, e secchissima la scarsella.

Lelio. Ma permettetemi...

Eleonora. Non ha altro di buono che un bel tuppè.

Lelio. Vorrei parlare...

Beatrice. E cosa dite di quel taglio di viso?

Lelio. Per carità...

Eleonora. È una cosa che fa crepare.

Lelio. (Oh maledette!) (da sÈ) Signore mie...

Beatrice. E quel taglio di vita?

Eleonora. E quel discorso gentile?

Lelio. Non posso più.

Beatrice. Che aria!

Eleonora. Che brio!

Beatrice. Che grazia!

Eleonora. Che disinvoltura!

Lelio. Il diavolo che vi porti. (parte)

Eleonora. Ah, ah, ah! Se n’è andato.

Beatrice. Impertinente! Dirci pazze con quattro zitta?

SCENA XV59.
Beppo e dette.

Beppo. Son qua; cossa me comandela?

Eleonora. In poche parole vi spiccio. Vi avviso per vostro bene, e poi pensateci voi. Sappiate che Checchina non è figlia di padron Toni. Ella è una figlia spuria, e non è degna di voi.

Beppo. Oimè! Cossa sentio? Chi mai gh’ha dito sta cossa?

Eleonora. Non cercate di più. Valetevi dell’avviso, e non vi state a precipitare. Amica, andiamo a rivedere del signor Lelio. [p. 457 modifica]

Beppo. Ma cara ela, per carità...

Eleonora. Per ora vi basti così. Col tempo saprete tutto. Andiamo. (parte)

Beppo. Oh poveretto mi! No so in che mondo che sia.

Beatrice. Eh, lasciate colei: se vi vorrete ammogliare, vi troverò io una fanciulla che merita. (parte)

SCENA XVI60.
Beppo solo.

Povera Checca! T’averò da lassar? Ma se no la xe fia de paron Toni, se la xe fia etecettera, no la posso tor. Mio pare no me vorave in casa nè mi, nè ela. Cossa donca oggio da far? No so gnanca mi. A Checca ghe voggio ben, gh’ho promesso, gh’ho dà l’anello; ma me preme la mia reputazion. No so gnente, ghe penserò, e qualcossa sarà. (parte)

Fine dell’Atto Primo.



Note

  1. Vedi a pag. 435, n. 4.
  2. Promessa sposa: v. vol. II, 95 e 202, n. a.
  3. Cugina: V. scena II.
  4. Fiori per adornarsi una parte del capo e una parte del seno. [nota originale]
  5. Spilorcio. [nota originale]
  6. Tossico. [nota originale]
  7. Spiantato. [nota originale]
  8. I fumi, il caldo: v. Boerio, Diz.io cit.
  9. Oggi: v. voi. II, 152, n. a ecc.
  10. Sutto significa propriamente asciutto: e Pantalone scherza.
  11. Ristretti nel trattamento. [nota originale]
  12. Accanto: v. vol. II, 423, n. b ecc.
  13. Sedia. [nota originale]
  14. Cugina. [nota originale]
  15. «Per dinotare che s’ha fondamento di ciò che si dice e si crede»: Boerio.
  16. Forestiera. [nota originale]
  17. Di pura apparenza: v. vol. II, 420, n. I.
  18. È unita, nell’ed. Bettinelli, alla scena precedente.
  19. Invito di donne. [nota originale]
  20. Allegria. [nota originale]
  21. Ungete. [nota originale]
  22. Così Bettin.; Paperìni e Zatta: ha dà.
  23. Quasi pegno. [nota originale]
  24. È unita, nell’edd. Bettin., alla scena precedente.
  25. Colei. [nota originale]
  26. Colui. [nota originale]
  27. Non me ne curo di ecc., ma con più spregio: v. vol. II, 560, n. 1.
  28. Sc. III nell’ed. Bett.
  29. Moneta notissima, prima d’argento e poi di rame, coniata a Venezia nel 1538: valeva già 2 soldi veneti, ma degradò sempre più.
  30. Bett.: che el m’abbia manda dodese mia de là da strà. E la nota spiega: dodici volte in malora.
  31. È sc. IV nell’ed. Bett.
  32. Gonnella. [nota originale]
  33. Così Zatta; Paper.: avua, e Bett.: bua.
  34. Bastarda: v. vol. II, 554, n. a.
  35. Imbroglio. [nota originale]
  36. Ascosaglia, contrabbando. [nota originale]
  37. Bett.: Oh no veh.
  38. Mancamenti. [nota originale]
  39. Sc. V nell’ed. Bett.
  40. Strada angusta. [nota originale]
  41. Bett.: per quella cale, passè ecc.
  42. Sinistra. [nota originale]
  43. Capperi. [nota originale]
  44. Sc. VI nell’ed. Bett.
  45. Per non dir bastarda, che sembra una parola oscena  1 .
    1. Vedi vol. II. 453, n. 1.
  46. Pure per non dir bastarda.
  47. Sc. VII nell’ed. Bett.
  48. Bett., in nota: gridando forte.
  49. Gridare. [nota originale]
  50. Ignorante. [nota originale]
  51. Nell’ed. Bett. è unita alla scena precedente.
  52. Sc. VIII nell'ed. Bett.
  53. Dito: v. vol. II. 212.
  54. Dio volesse. [nota originale]
  55. Sc. IX nell’ed. Belt.
  56. Sc. X nell’ed. Bett.
  57. Sc. XI nell’ed. Bett.
  58. Bett., qui e dopo: zeta.
  59. Sc. XII nell’ed. Bett.
  60. Nell’ed. Bett. è unita alla scena precedente.
[p. 458 modifica]