I pettegolezzi delle donne/Atto Primo/Scena II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto Primo

Scena seconda

../Scena I ../Scena III IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Primo - Scena I Atto Primo - Scena III

Pantalone, paron Toni, Beppo e dette.


Paron Toni
Checca, fia mia, aliegri. Nozze, nozze, aliegri.
Donna Sgualda
Che belle nozze senza confetti!
Pantalone
Siora comare, me consolo con ella.
Cecchina
Grazie, sior compare.
Donna Catte
Sior compare, quando se fale ste nozze?
Pantalone
Ancuo, stasera.
Donna Catte
Semo molto sutti().
Pantalone
Aspettè, che se bagnaremo.
Paron Toni
Via, sior novizzo, vegnì avanti. Gnanca no la vardè la novizza?
Beppo
Dove voleu che vaga? Ghe xe tante donne, che le me confonde.
Paron Toni
Aveu paura de no trovar la novizza? No podè fallar. La xe la più zovene e la più bella.
Donna Catte
Oh, la più zovene no, varè!
Donna Sgualda
Oh, gnanca la più bella.
Beppo
O zovene, o vecchia, o bella, o brutta, se ghe fusse un poco de liogo, me senterave arente de ella.
Pantalone
El gh’ha rason. El novizzo ha da star arente la novizza. Le favorissa, le se retira un pochetto più in zo, e le ghe daga un poco de liogo.
Eleonora
Io son pronta; basta che questa femmina si tiri più in là.
Donna Catte
Oh, in verità che sta femena no se move dalla so cariega().
Beatrice
Via, Checca, sedete voi sulla mia sedia, che donna Sgualda mi darà la sua e anderà a seder in un’altra.
Donna Sgualda
Dove che la vol che vaga mi, la pol andar ella.
Pantalone
Via, siore, bisogna ceder el liogo a chi lo merita.
Donna Sgualda
Oe! A chi lo merita? Ben, se no lo merito, no lo voggio. Zermana(), a revéderse. (s’alza)
Cecchina
Dove andeu?
Donna Sgualda
No sentìu? Cedo el liogo a chi lo merita. Sior compare comanda, e ti ti tasi; bisogna che ti sappi come che ti sta.
Paron Toni
Come! Cossa vorressi dir?
Donna Sgualda
Eh, m’intendo mi, co digo torta. Lustrissima, cedo el liogo a chi lo merita, la se comodi. Senti, sa, Checca, no me invidar mai più. In casa toa no ghe metto più né piè, né passo. A una donna della mia sorte farghe sto boccon de affronto? Se fa più conto de una foresta() che no xe d’una zermana! In malora quanti che sè: pare matto, fia senza cervello, compare spilorza, novizzo spiantà, lustrissima de favetta. (parte)
Beatrice
Io credo che colei sia pazza.
Donna Catte
Eh, cara siora, la pazza la gh’ha più cervello de ella.
Eleonora
Come parlate?
Donna Catte
Colla bocca.
Eleonora
Orsù, stando più qui, si pone a rischio il decoro. Sposa, addio, con queste femmine impertinenti non ci voglio più stare. (parte)
Donna Catte
Polentina, polentina.
Beatrice
Cos’è questa polentina?
Donna Catte
Cara ella, la me piase, la nomino. Ghe fala vegnir l’acqua in bocca?
Beatrice
Voi mi fate venir volontà di trattarvi come meritate; ma per non far un dispiacere a questa buona ragazza, mi contento di andarmene, e vi dico, che se non modererete la lingua, ve la farò tagliare. (parte)
Donna Catte
Oh che spasimi! Oh che dolori!
Paron Toni
Saveu cossa che v’ho da dir, siora? Che in casa mia no vôi dottorezzi; che se sè stada invidada, trattè con civiltà, e se no la savè la civiltà, andè a far i fatti vostri.
Donna Catte
Sì? Me mandè via? No sè degno d’averme. Oe, ve ne pentirè. Checca, vago via, sastu? Ma vôi che ti te recordi de Catte lavandera. (parte)