I pettegolezzi delle donne/Atto Primo/Scena IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto Primo

Scena quarta

../Scena III ../Scena V IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Primo - Scena III Atto Primo - Scena V

Checca, Beppo, paron Toni.


Paron Toni
Via, Beppo, se avè da far qualcossa, andè.
Beppo
Eh, non ho da far gnente.
Paron Toni
Se no gh’avè da far vu, ho da far mi; andemo.
Beppo
(Ho inteso; nol vol che staga qua). (da sé) Checca, a revéderse.
Cecchina
Beppo, voggieme ben.
Beppo
Sto cuor xe vostro.
Cecchina
Sia benedetto el to cuor.
Paron Toni
Do novizzi che se vol ben, la xe una gran bella cossa. (parte)
Beppo
Cara culìa()! (parte)
Cecchina
Caro colù()! Son la donna più contenta che sia a sto mondo. Quelle care mie zermane le m’aveva fatto vegnir caldo; ma de elle no ghe ne penso. Co Beppo me vol ben, co Beppo xe mio, ghe n’indormo a tutte ste pettegole, e no le vôi praticar. (parte)