I pettegolezzi delle donne/Atto Primo/Scena IX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto Primo

Scena nona

../Scena VIII ../Scena X IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Primo - Scena VIII Atto Primo - Scena X


Camera di Beatrice. Arlecchino, poi Beatrice.


Arlecchino
O de casa! Gh’è nissun?
Beatrice
Chi sei?
Arlecchino
Son el servitor del me patron.
Beatrice
E il tuo padrone chi è?
Arlecchino
L’è quello che me manda a reverirla, e dirghe se la xe contenta.
Beatrice
Di che?
Arlecchino
Per dirghela in confidenza, no m’arrecordo altro.
Beatrice
Sei un servitore di garbo.
Arlecchino
Ma se contentela, o no se contentela?
Beatrice
Se non so di che, non ti posso rispondere.
Arlecchino
El patron aspetta la risposta.
Beatrice
Ma chi è il tuo padrone?
Arlecchino
No la lo cognosse el me patron?
Beatrice
Se mi dirai chi è, vedrò se lo conosco.
Arlecchino
Ma lo cognossela, o no lo cognossela?
Beatrice
Sinora non lo conosco.
Arlecchino
Donca co no la lo cognosse, servitor umilissimo.
Beatrice
Dove vai?
Arlecchino
Vado via; co no la lo cognosse, averò fallà. Ghe baso la man.
Beatrice
Ma senti. Il tuo padrone da chi ti ha mandato?
Arlecchino
El m’ha mandà... el m’ha mandà... Chi ela vussioria?
Beatrice
Io sono Beatrice Anselmi.
Arlecchino
Giusto dalla signora... Radice di Seleno.
Beatrice
E cosa vuole da me?
Arlecchino
El m’ha dit che la reverissa, e che ghe domanda se l’è contenta.
Beatrice
Ma contenta di che?
Arlecchino
Oh bella! Cossa gh’intrio mi in ti interessi del me patron?
Beatrice
(Oh povera me!). (da sé) Il vostro padrone chi è? Chi è? Chi è? (gridando forte)
Arlecchino
No la ziga(), che no son sordo. Siora sì, l’è lu che el me manda, e se nol m’avesse mandà lu, mi no la manderia ella.
Beatrice
Che tu sia maledetto! Non sai rispondere a tuono?
Arlecchino
Oh, ve casca la testa! No me savè intender.
Beatrice
Va via di qui, pezzo d’asino.
Arlecchino
Grazie, a bon reverirla.
Beatrice
Lasciano la porta aperta, ed entrano i bricconi.
Arlecchino
La diga: ela contenta, o non ela contenta?
Beatrice
Di che?
Arlecchino
Che el me patron vegna a reverirla?
Beatrice
Ah, dunque il tuo padrone vuol venire da me?
Arlecchino
Siora sì, ghe l’ho dito diese volte.
Beatrice
E chi è il tuo padrone?
Arlecchino
Come! No la lo cognosse? El vegnirà in persona a farse cognosser.
Beatrice
Se verrà, lo vedrò.
Arlecchino
El vegnirà, e el ghe farà véder chi l’è el sior Lelio Ardenti.
Beatrice
Ah, Lelio Ardenti è il tuo padrone?
Arlecchino
Ela contenta, o non ela contenta?
Beatrice
Ora ti ho capito. Il signor Lelio Ardenti vuol farmi una visita, e manda a vedere s’io sono contenta, non è vero?
Arlecchino
E tanto ghe vol a capirla? Mo andè là, che sì una gran zuccona().
Beatrice
E tu sei spiritosissimo.
Arlecchino
Lo cognossela?
Beatrice
Lo conosco.
Arlecchino
Ela contenta?
Beatrice
Sono contenta.
Arlecchino
Se l’è contenta ella, no son contento mi.
Beatrice
Perché?
Arlecchino
Perché no la me dona gnente.
Beatrice
(Voglio liberarmi da questo pazzo). (da sé) Tieni, ecco un paolo, sei contento?
Arlecchino
Siora sì. Ella la m’ha contentà mi, e vegnirà el me patron a contentarla ella. (parte)