I pettegolezzi delle donne/Atto Primo/Scena V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto Primo

Scena quinta

../Scena IV ../Scena VI IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Primo - Scena IV Atto Primo - Scena VI

Strada. Donna Catte con cestello di panni bianchi, Merlino con cesta in testa.


Donna Catte
Via, andemo a portar sti drappi. Anemo, cammina.
Merlino
Oh, chisso lavorare non me peace.
Donna Catte
Se ti vol magnar in sto paese, bisogna che ti laori.
Merlino
Me peace chiù battere la birba, domannà la lemmosena.
Donna Catte
Certo; se ti domanderà la limosina, tutti te cazzerà via; va a laora, i te dirà, furbazzo, va a laora.
Merlino
Eh, io saccio fare lo mestiere mio. Varda: uno poco de lemmosena a chisso povero monco. (fa il monco) Facite la carità a chisso povero stroppiato. (fa lo stroppiato) La caretà a lo povero cieco. (fa il cieco) Moveteve a compassione de uno povero fravecatore, che caduto da una fraveca no po chiù lavorà. (cammina col preterito e colle mani)
Donna Catte
Va là, che ti xe un bel fior de vertù! De che paese estu?
Merlino
Songo no degnissimo lazzarone napoletano.
Donna Catte
(Oh, da costù no me fazzo portar altro la cesta. El xe un baroncello, che me pol robar). (da sé) Tiò una gazzetta, e va a far i fatti toi.
Merlino
No me bolite chiù?
Donna Catte
No, no vôi altro.
Merlino
Managgia chi t’ha figliato, che te pozza vegnì tanti cancari, quanti ponti songo in tutta la giancheria de chisso cesto. Managgia pareto, mammeta, e tutta la generazione toia.
Donna Catte
Di’ quel che ti vol, za mi no t’intendo.
Merlino
Bide, bide, chi te bole. (finge che sia chiamata)
Donna Catte
Cossa?
Merlino
Che tu puozze morì de subeto. T’hanno chiamato.
Donna Catte
Chi m’ha chiamà?
Merlino
Na segnora. Lì lì, na segnora.
Donna Catte
Dove? Mi no la vedo... xela quella? (si volta, e Merlino ruba una camicia)
Merlino
Creiato de bossoria.
Donna Catte
Cossa diavolo distu, papagà maledetto?
Merlino
Pozz’essere accisa.
Donna Catte
Cossa distu?
Merlino
No m’hai caputo?
Donna Catte
No, non t’ho capuo.
Merlino
E se tu no m’haie caputo,
Saraie figlia de patre cornuto.
No malanno lo cielo te dia,
Mille cancari a bossoria.
(cantando e saltando parte)
Donna Catte
Oh siestu maledetto! Mi no l’intendo ben, ma credo che el m’abbia mandà. Oe, anca mi lo mando col cuor. Me despiase de sta cesta; ma m’inzegnerò a portarla mi.