I pettegolezzi delle donne/Atto Primo/Scena VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto Primo

Scena sesta

../Scena V ../Scena VII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Primo - Scena V Atto Primo - Scena VII


Donna Sgualda con roba da vendere, e detta.


Donna Sgualda
Oe, Catte, qua ti xe?
Donna Catte
Son qua che porto i drappi. Cossa distu de quelle lustrissime?
Donna Sgualda
Cara ti, tasi, che ti me fa vegnir el mio mal.
Donna Catte
Cossa gh’astu de bello da vender?
Donna Sgualda
Gh’ho una bella carpetta() e una bella vestina. Ti che ti pratichi per ste case, varda de farmela dar via.
Donna Catte
Perché no? Ghe la mostristu a Checca?
Donna Sgualda
No la xe miga roba da par soo.
Donna Catte
Oh, cossa distu? No ti vedi in che boccon de aria che i’ l’ha messa?
Donna Sgualda
Certo che quel mio zerman xe un pezzo de matto a spender tanti bezzi intorno so fia.
Donna Catte
Credistu che el spenda elo? Uh, povera matta!
Donna Sgualda
Mo chi spende?
Donna Catte
Oe! sior compare.
Donna Sgualda
Chi? Sior Pantalon?
Donna Catte
Giusto elo.
Donna Sgualda
Mo se no l’ha comprà gnanca quattro confetti!
Donna Catte
Ben; nol pol miga far tante cosse. Co el li spende da una banda, no el li spende dall’altra.
Donna Sgualda
E mio zerman no dise gnente?
Donna Catte
Cossa vustu che el diga? El lassa che i fazza.
Donna Sgualda
Lo compatisso, finalmente no la xe so fia.
Donna Catte
Cossa distu? Checca no xe so fia?
Donna Sgualda
Oe, me promettistu da donna onorata de no dir gnente a nissun?
Donna Catte
Oh, no gh’è pericolo che parla.
Donna Sgualda
Varda ben, veh? No lo dirave a nissun a sto mondo, altri che a ti.
Donna Catte
A mi ti me lo pol dir; ti sa che donna che son.
Donna Sgualda
Checca no xe fia de nostro zerman.
Donna Catte
Oh, cossa che ti me conti! Dime mo: de chi xela fia?
Donna Sgualda
No so. Donna Menega, bona memoria, muggier de paron Toni, l’ha confidà a mia mare, e mia mare me l’ha confidà a mi.
Donna Catte
Ma dove l’hai abua?
Donna Sgualda
Vedeu? Paron Toni va a viazando co la so tartana. I dise che l’abbia trovà sta putta fora de qua. Chi dise che la sia una mula; chi dise che la sia un potacchietto() de paron Toni; chi dise che la sia una fufigna() de donna Menega; tutti dise la soa.
Donna Catte
Dunque sta cossa la se sa da tutti.
Donna Sgualda
Oh, no veh da tutti. No lo sa altro che le mie amighe, che pratico tutto el zorno, e ti sa chi le xe; no gh’è pericolo che le parla.
Donna Catte
Ma gh’ho ben gusto, che ti me l’abbi contada a mi.
Donna Sgualda
Oh, vago via. A revéderse. Vôi andar a véder, se Checca vuol comprar sta roba.
Donna Catte
Varda che no ghe sia le lustrissime.
Donna Sgualda
Cossa credistu, che gh’abbia paura? Eh, co mi bisogna che le tasa, perché so tutti i so pettoloni(). (parte)
Donna Catte
Oh vardè, chi l’avesse mai dito! Checca no xe fia de paron Toni? E mi l’ho trattada da zermana. Ben ben, se vegnirà l’occasion, se la gh’averà ardir de slongar la lengua con mi, saverò la maniera de mortificarla.