I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena prima

../ ../Scena II IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo Atto Secondo - Scena II


Camera di Checca. Checca e Toffolo.


Cecchina
Oe, Toffolo, dove seu?
Toffolo
Son qua, siora, cossa vorla?
Cecchina
Caro vu, feme un servizio, andè da Anzoletta sartora, e diseghe cossa che la fa, che no la me porta la mia vestina.
Toffolo
Siora sì, anderò. Me consolo, siora Checca, che la xe novizza.
Cecchina
Grazie, fio, grazie.
Toffolo
Basta: gh’ha toccà sta fortuna a Beppo.
Cecchina
Poverazzo! El xe tanto un bon putto! El me vol tanto ben!
Toffolo
Eh, ghe ne giera dei altri, che ghe voleva ben.
Cecchina
Diseme mo, chi?
Toffolo
Mi giera uno de quelli.
Cecchina
Vu?
Toffolo
Siora sì, mi xe da putello in suso che servo paron Toni, e in tutti i so viazi mi son stà sempre co elo, e de mi el se fida più de nissun, e qualche volta el m’ha dà qualche poco de speranza. Basta, ghe vol pazienza.
Cecchina
Oh, vedè ben, un paron de tartana volè che daga una so fia a un mariner?
Toffolo
Cossa xelo un mariner? El xe uno che da un momento all’altro pol deventar paron; e po, cara siora Checca, mi so delle belle cosse. Nissun sa i secreti de paron Toni, altro che mi. Mi so come l’ha fatto i bezzi: e de vu so quel che no credè che sappia.
Cecchina
De mi? cossa saveu?
Toffolo
Vien Beppo, vago dalla sartora.
Cecchina
Oe, parleremo con comodo; vôi che me disè tutto.
Toffolo
Sì, sì, ve conterò. (No ghe dirò gnente. Squasi più ho scoverto quel che ho sempre tegnù coverto). (parte)
Cecchina
Sto putto m’ha messo in t’una gran curiosità.