I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena seconda

../Scena I ../Scena III IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena I Atto Secondo - Scena III


Beppo e Checchina.


Cecchina
Beppo, tanto sè stà? Cossa volevela siora Eleonora?
Beppo
Ah! (sospira)
Cecchina
Cossa gh’aveu, che sospirè?
Beppo
Dove xe paron Toni?
Cecchina
Chi? Vostro missier?
Beppo
Nol xe gnancora mio missier().
Cecchina
Se nol xe, el sarà.
Beppo
Cara Checca, ho paura de no.
Cecchina
Oimè! Cossa diseu? M’avè dà una ferìa al cuor.
Beppo
Se el vostro cuor xe ferìo, el mio xe debotto morto.
Cecchina
Mo via, cossa xe stà?
Beppo
Checca, me voleu veramente ben?
Cecchina
De diana! Se ve voggio ben, me disè? No ghe vedo per altri occhi che per i vostri.
Beppo
Donca, se me volè ben, diseme la verità.
Cecchina
No ve dirave una busia per tutto l’oro del mondo.
Beppo
Diseme, Checca: seu veramente fia de paron Toni?
Cecchina
Cossa diavolo diseu? Seu matto? De chi voleu che sia fia?
Beppo
Via, no andè in collera. Respondème a mi. Dove seu nata?
Cecchina
A Corfù son nassua. Sior pare, come che savè, l’ha sempre navegà, e delle volte el menava con lu mia mare; la giera gràvia, e la m’ha fatto a Corfù.
Beppo
Checca, ho paura che no la sia cussì.
Cecchina
Mo per cossa? Ve xe stà messo qualche pulese in testa?
Beppo
I m’ha dito liberamente, che no sè fia de paron Toni.
Cecchina
Ma de chi diseli che son fia?
Beppo
Oh Dio! No gh’ho cuor de dirvelo.
Cecchina
Disemelo, se me volè ben.
Beppo
I dise... i dise, che no sè legittima.
Cecchina
Oh poveretta mi! (piange)
Beppo
Via, fia, no pianzè. Vegniremo in chiaro della verità.
Cecchina
Caro Beppo, avereu cuor de lassarme?
Beppo
Oh Dio! Lassème star. No so in che mondo che sia.
Cecchina
Ma chi v’ha dito ste cosse? Vederè che no sarà vero gnente.
Beppo
Alla persona che me l’ha dito, bisogna che ghe creda.
Cecchina
Caro vu, diseme chi ve l’ha dito.
Beppo
No, no ve lo posso dir.
Cecchina
Se no mel disè, xe segno che no me volè ben.
Beppo
Ve voggio ben; ma no ve lo posso dir.
Cecchina
Eh, mi so chi ve l’averà dito.
Beppo
Via mo, chi?
Cecchina
Nissun a sto mondo. Sarè pentìo de sposarme, e no me vorrè più ben, e troverè sto pretesto.
Beppo
No, da putto onorato.
Cecchina
Donca diseme chi ve l’ha dito.
Beppo
Mi vel diria; ma ho paura che fe dei pettegolezzi.
Cecchina
Oh, no ve dubitè, ve prometto che mi no parlo.
Beppo
Me prometteu?
Cecchina
Sì, caro Beppo, te lo prometto.
Beppo
Me l’ha dito siora Leonora.
Cecchina
Mo cossa sala? Co che motivo lo disela?
Beppo
La lo sa de seguro, e la m’ha avvisà per mio ben.
Cecchina
(Voggio andar subito da siora Leonora, e vôi un poco sentir con che fondamento che la lo dise). (da sé)
Beppo
Cara Checca, ve vôi tanto ben. Ma cossa diria i mii de casa, se sposasse una putta che no gh’ha pare?
Cecchina
Vederè che no la sarà po cussì. Aspettème che vegno.
Beppo
Dove andeu?
Cecchina
Vago e vegno; no ve partì.
Beppo
Oe, vardè ben, savè, no fe pettegolezzi.
Cecchina
Oh, no gh’è pericolo. Fazzo un servizio e vegno subito. (Gnanca le caene me tien, che no vaga da siora Leonora). (parte)
Beppo
Oh, quanto che sta chiaccola() me despiase! A Checca ghe voggio ben, ma me preme la mia reputazion. Una muggier, che xe fia d’un pare che no xe so pare, no vorria che la me facesse dei fioi che non fusse mi fioi. (parte)