I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena quarta

../Scena III ../Scena V IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena III Atto Secondo - Scena V


Arlecchino e detta.


Arlecchino
O de casa! Chi è? Se pol entrar? La resti servida. Grazie. Servitor umilissimo.
Eleonora
Bravo, mi piace. Cosa volete?
Arlecchino
Gnente affatto.
Eleonora
Perché dunque siete venuto qui?
Arlecchino
Perché i me gh’ha mandado.
Eleonora
E chi vi ha mandato?
Arlecchino
El me patron.
Eleonora
E il vostro padrone chi è?
Arlecchino
Oh bella! Gnanca ella no la cognosse el me patron?
Eleonora
Può essere ch’io lo conosca.
Arlecchino
Ben, co la lo vederà, la lo cognosserà.
Eleonora
Dove l’averò da vedere?
Arlecchino
Dove che la comanda.
Eleonora
A me non importa di vederlo.
Arlecchino
Gnanca a mi.
Eleonora
E lui cosa vuole da me?
Arlecchino
Cossa vólela che sappia mi?
Eleonora
Chi è il vostro padrone?
Arlecchino
Lo cognossela o no lo cognossela?
Eleonora
Come ha nome?
Arlecchino
Mo nol m’ha miga dito che ghe diga el so nome.
Eleonora
Cosa vi ha detto?
Arlecchino
Che el vol vegnir a reverirla.
Eleonora
Ditemi dunque il suo nome.
Arlecchino
Oh, la me perdona! Mi no digo i fatti del me patron.
Eleonora
È qualche bandito?
Arlecchino
Bandito? Me maraveio. El sior Lelio Ardenti l’è un galantomo; l’è un po’ spiantado, ma no gh’è mal.
Eleonora
Dunque il signor Lelio Ardenti è il vostro padrone?
Arlecchino
Oh bella! La lo sa, e la me lo domanda?
Eleonora
E vuol venire da me?
Arlecchino
No da me, da vussioria.
Eleonora
Benissimo, e quando?
Arlecchino
Ghel domanderò, e ghe lo saverò dir.
Eleonora
Basta, digli che venga pure, ch’è padrone. (Un nuovo motivo di ridere). (da sé)
Arlecchino
Me comandela altro?
Eleonora
Per me non voglio altro.
Arlecchino
La diga: cognossela la siora Radice di Seleno?
Eleonora
Che diavolo dici? Non ti capisco.
Arlecchino
Quella signora femena, vestida da donna.
Eleonora
Tu sei un pazzo.
Arlecchino
La sappia per so regola, che la m’ha donà un paolo.
Eleonora
Per qual ragione?
Arlecchino
Perché la cognosseva el me patron.
Eleonora
(Pover’uomo, sarà miserabile come il padrone). (da sé) Tieni, eccoti un paolo.
Arlecchino
El cielo la mormori, e ghe daga grazia de viver fin che la crepa. (parte)
Eleonora
Fra il padrone ed il servo formano una bella pariglia. A tempo ho mandato a chiamare l’amica Beatrice; sarà ella pure a parte di un secondo divertimento.