I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena XI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena undicesima

../Scena X ../Scena XII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena X Atto Secondo - Scena XII


Anzoletta e detta.


Anzoletta
Cara siora, compatime se no son vegnua avanti. Gh’ho tanto laorier, che no me posso partir; e po vardè, m’ho ponto un déo, e no posso laorar.
Cecchina
Sarave meggio che v’avessi ponto la lengua.
Anzoletta
Oe, come parleu, siora?
Cecchina
Diseme, siora pettegola, aveu dito vu che mi no son fia de mio pare?
Anzoletta
Mi no digo busie. Sì ben, l’ho dito.
Cecchina
E come lo podeu dir?
Anzoletta
Me l’ha dito a mi siora Catte lavandera.
Cecchina
Siora Catte lavandera?
Anzoletta
Sì ben, giusto ella.
Cecchina
Oe, la sta qua de casa. Adesso lo so subito.
Anzoletta
Bondì sioria. Mi no vôi pettegolezzi.
Cecchina
Vegnì qua; dove andeu?
Anzoletta
Mi vago a casa. Se volè la vestina, mandèvela a tor. (parte)
Cecchina
Aspettè, sentì; eh, no m’importa della vestina. Vôi parlar co mia zermana Catte. Oe, ghe seu in casa? (batte alla porta)