I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena XII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena dodicesima

../Scena XI ../Scena XIII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena XI Atto Secondo - Scena XIII


Catte e detta.


Donna Catte
Oe, seu vu, zermana?
Cecchina
Sì ben, son mi.
Donna Catte
Voleu gnente?
Cecchina
Siora sì; vôi qualcossa.
Donna Catte
Coss’è? Seu instizzada?
Cecchina
Diseme un poco, siora zermana: cossa seu andada a dir, che mi no son fia de vostro zerman Toni?
Donna Catte
Mi no l’ho dito.
Cecchina
Sì ben che l’avè dito.
Donna Catte
Via, a chi l’oggio dito?
Cecchina
A Anzoletta sartora.
Donna Catte
(Oh che pettazza!) (da sé) Senti, Checca, mi no digo de no averlo dito; ma no me l’ho inventà.
Cecchina
Se no ve l’avè inventà, saverè come che parlè.
Donna Catte
Oe, me l’ha dito Sgualda.
Cecchina
Sgualda? Adesso mo. Vôi sentir da dove xe vegnua sta chiaccola.
Donna Catte
Oe, mi no voggio pettegolezzi. (va in casa)
Cecchina
Sgualda. (batte)