I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena XIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena tredicesima

../Scena XII ../Scena XIV IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena XII Atto Secondo - Scena XIV


Sgualda e detta.


Donna Sgualda
Chi me chiama?
Cecchina
Son mi, siora, son mi.
Donna Sgualda
Cossa gh’è? Cossa voleu?
Cecchina
Seu vu quella cara siora, che va disendo che mi no son fia de vostro zerman?
Donna Sgualda
Oh, chi v’ha dito ste cosse?
Cecchina
Donna Catte, che vu ghe l’avè pettada().
Donna Sgualda
Mi no petto busie, sorella cara; se l’ho dito, sarà la verità.
Cecchina
Come lo podeu dir?
Donna Sgualda
L’ho dito, perché chi me l’ha dito, lo saveva de certo.
Cecchina
Oh, vôi saver chi ve l’ha dito; e chi ve l’ha dito a vu, vôi che me lo mantegna anca a mi.
Donna Sgualda
A mi me l’ha dito mia mare.
Cecchina
Oh, vôi che la me diga... Ma se la xe morta che xe do anni.
Donna Sgualda
Seguro che da ella no podè saver gnente.
Cecchina
Ma con che fondamento v’ala dito ste cosse? Via diseme, parlè, vôi saver tutto.
Donna Sgualda
Oe, chi gh’ha la rogna, se la gratta. Mi no voggio pettegolezzi. (va in casa)