I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena XXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena Ventunesima

../Scena XX ../Scena XXII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena XX Atto Secondo - Scena XXII


Sgualda e detti.


Donna Sgualda
Vardè! Quelle lustrissime le credeva de farme paura! E sì son nassua de carneval; no gh’ho paura de brutti musi.
Salamina
Questa donna è uscita di quella casa; voglio domandarle se conosce paron Toni.
Donna Sgualda
(Oe, chi xe sta mustacchiera()?) (da sé)
Salamina
Riverisco quella giovine.
Donna Sgualda
Patron reverito.
Salamina
Ditemi un poco...
Donna Sgualda
La favorissa de starme alla larga; ghe sento, sala?
Salamina
Io non intendo oltraggiarvi. Ditemi, conoscete voi un certo padron Toni Fongo?
Donna Sgualda
Se lo cognosso? El xe mio zerman.
Salamina
Buono, ho piacere. È egli in Venezia?
Donna Sgualda
Sior sì, el xe a Venezia.
Salamina
Favorite, in grazia. Ha egli seco una ragazza?
Donna Sgualda
Sior sì, el gh’ha una putta che passa per so fia; ma no la xe so fia.
Salamina
(Cielo, ti ringrazio; ecco la mia figliuola). (da sé) E si sa di chi ella sia figlia?
Donna Sgualda
No se sa gnente. Paron Toni ha dito che la giera soa.
Salamina
(Oh che consolazione!) (da sé) Ditemi, è ella bella, spiritosa, savia, modesta, civile?
Donna Sgualda
Anca sì() che la xe so fia, sior?
Salamina
Non so nulla... Datemi di lei relazione.
Donna Sgualda
Me despiase che poche bone informazion ghe posso dar.
Salamina
Per qual causa?
Donna Sgualda
Mi son una donna schietta, e digo la verità. La sappia, sior, che la xe promessa a un putto, fio de un fattor; ma ghe pratica per casa un compare, che dà da dir a tutti, e mi, la me creda, me vergogno che i diga che son so zermana.
Salamina
(Oh Dio! Cosa sento?) (da sé)
Donna Sgualda
La xe po superba quel che sta ben; e in materia de lengua, no ghe xe una pettegola compagna.
Salamina
(Oh figlia peggio ritrovata, che se perduta ti avessi!) (da sé)
Donna Sgualda
In verità, sior, che se la xe so fia, me despiase; ma mi no posso taser, bisogna che diga la verità.
Salamina
No, non è mia figlia. (Non merita esserlo). (da sé)
Donna Sgualda
Se no la xe so fia, vedo che el sa de chi la xe.
Salamina
Sì, lo so. È figlia qui di costui. (accenna Musa)
Donna Sgualda
No elo quello che vendeva bagiggi()?
Musa
Me cognossira?
Donna Sgualda
Sì, te cognossira.
Salamina
(Misero sventurato Ottavio! Ma colui che l’ha sì male educata, me ne dovrà render conto). (da sé, parte)
Musa
Me cognossira?
Donna Sgualda
Ho dito de sì.
Musa
Se me cognossira, mi da ti venira quando bolira. (parte)
Donna Sgualda
Un corno che t’impira. Oh cossa che ho savesto! Checca xe fia de Bagiggi? Adessadesso. Oe, Catte.