I pettegolezzi delle donne/Atto Secondo/Scena XXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena Ventiquattresima

../Scena XXIII ../../Atto Terzo IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Secondo - Scena XXIII Atto Terzo


Sgualda col zendale e dette.


Anzoletta
Aveu savesto, donna Sgualda, de chi la xe fia Checca?
Donna Sgualda
Varè che casi! Mi l’ho savesto avanti de tutte.
Donna Catte
Aspetteme che tiogo el ninzoletto(), e vegno anca mi. (va in casa, e ritorna)
Anzoletta
Lo saveu de seguro?
Donna Sgualda
Se ho parlà mi co so pare.
Anzoletta
In verità, che vôi che ridemo.
Donna Catte
Oh son qua, andemo.
Anzoletta
Vegno anca mi co vualtre.
Donna Sgualda
Sì sì, che faremo un poco de baccan.
Donna Catte
O che cara siora Checca!
A tre
A bagiggi, a bagiggi, a bagiggi. (partono)
(Gridano unitamente, come soleva fare colui che vendeva un tal frutto)