I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Prima

../ ../Scena II IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo Atto Terzo - Scena II


Camera di Checca. Pantalone, Checca e Beppo.


Pantalone
Via, putti, quieteve, e stè sora de mi, che no ghe xe gnente de mal. Paron Toni m’ha contà tutto. A Corfù ghe xe stà consegnà una putella de tre anni da un marcante, per menarla a Venezia. El l’ha tolta, e per viazo el s’ha tanto innamorà in quelle care raìse(), che nol gh’aveva cuor de lassarla. In sto mentre i ha abuo la niova che so sior pare, navegando verso la Morea, xe stà fatto schiavo; onde paron Toni, d’accordo co so muggier, i s’ha tegnù la putella; e siccome i giera stai qualche anno in Levante, i ha dà da intender a Venezia, che la giera so fia.
Cecchina
Via, sior, me direu più che sia una bastarda? (a Beppo)
Beppo
Mi no ve dirò gnente; ma no se sa gnancora chi sia vostro pare.
Pantalone
Co mi ve assicuro che la xe fia de un omo civil, de un bon marcante che gh’ha la disgrazia d’esser schiavo, ma che xe un galantomo, no ve basta? Me credeu a mi, che son vostro compare?
Beppo
Sior sì, ve credo, e xe tanto el ben che voggio a Checca, che tutto me basta, purché possa salvar in qualche modo la mia reputazion.
Pantalone
Via, seguitè a volerve ben, e lassè andar la malinconia.
Beppo
Cara la mia cara Checchina. (si accosta)
Cecchina
Via, sior, andè via de qua, che son una bastarda. (sdegnosa)
Pantalone
Vedeu? La xe instizzada.
Beppo
Mo via, no me tormentè. Savè che ve voggio ben.
Cecchina
Se m’avessi volesto ben, no averessi dito de volerme lassar.
Pantalone
Sentìu? La gh’ha rason.
Beppo
Sia malignazo chi xe stà causa.
Pantalone
Causa i pettegolezzi. Ma via, quel che xe stà, xe stà. Fenimola, e no ghe ne parlemo più. Vegnì qua, deme la man. (a Beppo)
Beppo
Volentiera, sior compare.
Pantalone
Anca vu, comare, dè qua.
Cecchina
Mi no, vedè.
Pantalone
Perché mo no?
Cecchina
Perché son una mu...
Pantalone
Zitto là, no disè più ste brutte parole. Deme la man.
Cecchina
No ve vôi dar gnente.
Pantalone
Via, no ve fe pregar.
Cecchina
Ve digo de no.
Pantalone
Sentì, se sarè ustinada, i dirà che xe la verità che sè mu...
Cecchina
Tolè, tolè la man.
Pantalone
Oh brava! Pulito. Via, cari novizzetti, tocchèvela, e fe pase.
Cecchina
Can, sassin. (sdegnosetta, a Beppo)
Beppo
No, vita mia.
Cecchina
Ti me volevi lassar.
Beppo
No, vissere mie.
Pantalone
Via, baroni, me fe vegnir l’acqua in bocca.
Beppo
Sior compare, quando faremio le nozze?
Pantalone
Paron Toni ha dito da qua diese o dodese zorni.
Beppo
Oh giusto, da qua diese o dodese zorni?
Pantalone
Ve par troppo presto?
Cecchina
Me par che le se poderia far doman o doman l’altro.
Beppo
Oh giusto! Doman o doman l’altro?
Pantalone
Ghe vol el so tempo, n’è vero? (a Beppo)
Beppo
No le se poderia far stassera?
Pantalone
Oh che baroni! Oh che desgraziai! Se ghe fusse paron Toni, vorria persuaderlo a destrigarse. Orsù, mi bisogna che vaga via.
Beppo
La se comoda.
Pantalone
Che me comoda? E vu resterè qua?
Cecchina
No xelo el mio novizzo?
Pantalone
Oh, no lasso el novizzo co la novizza. Paron Toni xe stà mandà a chiamar da un foresto; el m’ha lassà mi in custodia della putta, e no vôi... Basta; Beppo, vegnì co mi.
Beppo
Farò quel che la comanda, sior compare.
Cecchina
Vardè che sesti()! El me lo mena via.
Pantalone
Cara fia, abbiè pazienza. Col sarà vostro marìo, el starà con vu quanto che volè.
Cecchina
Ghe vol i argani a far che el sia mio marìo?
Pantalone
Orsù, stassera, se posso, vôi che ve destrighè.
Beppo
Oh bravo, sior compare.
Cecchina
Oh magari(), sior compare.
Beppo
Oh benedetto sior compare!
Cecchina
Oh caro sior compare!
Pantalone
Via, andemo, che sto comparezzo() me struppia.
Beppo
Bondì, vita mia.
Cecchina
Vien presto, muso bello.
Beppo
Andemo, sior compare.
Cecchina
Me raccomando a ella, sior compare.
Beppo
Benedetto sior compare!
Cecchina
Caro sior compare!
Pantalone
Mai più compare, mai più compare. (parte con Beppo)
Cecchina
Manco mal che s’ha scoverto la verità. Vardè quanti pettegolezzi che aveva fatto quelle donne! E mi, poverazza, squasi più ho tolto de mezzo.