I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Seconda

../Scena I ../Scena III IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo - Scena I Atto Terzo - Scena III


Paron Toni e Checca.


Paron Toni
Checchina, allegramente.
Cecchina
Za so tutto. Sior Pantalon m’ha dito tutto.
Paron Toni
El v’averà dito, che mi no son vostro pare.
Cecchina
Sior sì, el me l’ha dito.
Paron Toni
E mi mo ve digo, che vostro pare xe vegnù a Venezia.
Cecchina
Oh, gh’ho ben a caro. L’aveu visto? Gh’aveu parlà?
Paron Toni
No l’ho visto, no gh’ho parlà. El m’ha mandà a chiamar; ma no l’ho più trovà. Un mariner m’ha dito che el ghe xe, e adessadesso lo troverò. Son vegnù a darve sta niova per vostra consolazion.
Cecchina
In verità, che ancuo posso dir de aver una zornada felice. Prima vederò mio pare, e po presto Beppo me sposerà.
Paron Toni
No so; pol esser de sì, e pol esser de no.
Cecchina
Vardè, vedè; no xelo el mio novizzo?
Paron Toni
Finché mi giera in liogo de vostro pare, podeva far de vu quel che me pareva ben fatto; adesso che xe vegnù vostro pare da senno, bisognerà che fe quel che el vorrà elo.
Cecchina
E se nol volesse che sposasse Beppo?
Paron Toni
Bisogneria che lo licenziessi.
Cecchina
Oh poveretta mi! Credemio che el possa dirme de no?
Paron Toni
Chi sa! Pol esser che el ve voggia maridar con qualche persona de meggio condizion.
Cecchina
Sior pare... Sentì, sarè sempre mio pare.
Paron Toni
E mi ve vorrò sempre ben come fia.
Cecchina
Sior pare, se me volè ben, feme un servizio.
Paron Toni
Cossa vorressi?
Cecchina
Lassè che me sposa con Beppo, avanti che lo sappia quell’altro sior pare. Paron Toni
Cara fia, no lo vorria desgustar.
Cecchina
Co la sarà fatta, nol dirà gnente.
Paron Toni
Ghe penseremo.
Cecchina
Caro papà, se me volè ben.
Paron Toni
(La me fa peccà)(). (da sé) Via, farò de tutto per consolarve.
Cecchina
Se perdo Beppo, no passa tre zorni che me ammalo, e che moro dalla passion. (parte)
Paron Toni
Farò de tutto che no la lo perda. Povera putta, ghe vorrò sempre ben. (parte)