I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Quarta

../Scena III ../Scena V IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo - Scena III Atto Terzo - Scena V


Sgualda, poi Anzoletta e detto.


Donna Sgualda
Abagiggi, abagiggi.
Beppo
Siora donna Sgualda, saveu chi sia vostra zermana Checca?
Donna Sgualda
Abagiggi, abagiggi. (va in casa)
Beppo
Anca questa la gh’ha coi bagiggi. Mi no la so intender.
Anzoletta
(Velo qua el sior novizzo). (da sé)
Beppo
E vu, siora Anzoletta, saveu chi sia Checchina?
Anzoletta
Oh sior sì, lo so.
Beppo
Via mo, chi xela?
Anzoletta
La xe fia de quel che vende bagiggi.
Beppo
Cossa! Fia de quel dai bagiggi?
Anzoletta
Oh caro! Vegnìu dalla villa? El saverè meggio de mi.
Beppo
Siora Anzoletta, vu me fe morir. Chi v’ha dito sta cossa?
Anzoletta
Chi me l’ha dito? Xela una cossa sconta()? Lo sa mezza Venezia. So pare xe arrivà ancuo(), e doman lo vederè in piazza a criar abagiggi.
Beppo
Questo donca xe el marcante forastier pare de Checca! O poveretto mi! Siora Anzoletta, ho paura che me burlè.
Anzoletta
Oe, se no me credè a mi, domandè a donna Sgualda e a donna Catte, e po domandè a tutti della contrada, che tutti lo sa e tutti ride. Oh, che caro sior novizzo! Abagiggi. (parte)
Beppo
Oh Dio! Me sento a morir. Se sta cossa xe vera, come oio da far a sposarla? Vôi sentir come che la xe. Oe, donna Catte. (batte)