I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Sesta

../Scena V ../Scena VII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo - Scena V Atto Terzo - Scena VII


Sgualda e detti.


Donna Sgualda
Chi me chiama?
Donna Catte
Oe, cónteghe mo de Checca.
Donna Sgualda
Che cade! la xe fia de Abagiggi.
Beppo
Son fora de mi. Vardè che no fallè.
Donna Sgualda
Ho parlà mi co so pare.
Donna Catte
El xe qua, el xe qua, el xe a Venezia.
Donna Sgualda
Se vedessi che fegura!
Donna Catte
Se vedessi che bella barba!
Donna Sgualda
Che bel missier che gh’averè!
Donna Catte
Che bon parentà che farè!
Donna Sgualda
Oh che bel maridozzo()!
Donna Catte
Oh che novizza civil!
Donna Sgualda
Oe, se vorrè far el mestier de vostro missier, farè poca fadiga. Anderè co una cesta a criar abagiggi.
Donna Catte
Oh che bella fegura che farè! Abagiggi.
A due
Abagiggi, abagiggi. (entrano nelle loro case gridando)
Beppo
Son coppà. Son morto, no posso più. Mi che se diga che ho sposà la fia de un omo che no xe stimà gnente, de un omo che xe da tutti burlà? No sarà mai vero. A Checca ghe voggio ben. Morirò, se la lasso; ma lassarla bisognerà.